Diesel quanto mi costi: in arrivo la stangata. Governo pronto ad alzare le accise

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
Alla faccia della ripresa economica. Il governo, piuttosto che concentrarsi e spendere energie per tentare di risollevare il Paese dopo le drammatiche conseguenze provocate dal Coronavirus, si prepara a mettere in atto una vera e propria stangata: da una parte sarebbe pronto l’aumento delle accise sul gasolio; dall’altra i giallorossi risultano essere completamente disinteressati a evitare che i Comuni pretendano il versamento della Tari, visto che spaventa (e non poco) la tassa sui rifiuti a carico delle piccole e medie imprese non congelata. Lo scrive Luca Sabatini su Il Giornale.it

La scorsa settimana è terminato il sondaggio online lanciato dal Ministero dell’Ambiente, con 327 figure – tra privati cittadini, imprese, associazioni e studiosi – che hanno lasciato i proprio suggerimenti sul tema: la consultazione riguardava alcune proposte di legge che mirano a rimuovere progressivamente dei sussidi considerati ambientalmente dannosi. Tra queste figurava anche la volontà di aumentare l’accisa sul gasolio per autotrazione, portandolo così a essere meno conveniente rispetto alla benzina.

A intervenire a favore degli autotrasportatori è stato Confartigianato Imprese, che nella persona di Mauro Ciani ha voluto lanciare un avvertimento: “Se l’aumento delle accise sul gasolio azzerasse il gap che esiste tra quest’ultimo e la benzina, le conseguenze saranno a carico non solo di chi lavora nel settore ma, a caduta, anche dei i singoli cittadini”.

Mazzata su alberghi, bar e ristoranti
Tranne qualche rara eccezione, chi è intervenuto si è schierato a favore di una penalizzazione ulteriore del gasolio. Un risultato prevedibile. Come riportato da Libero, a partire dal mese di gennaio il prezzo alla pompa del diesel aumenterà per effetto della crescita dell’accisa.

Al momento sul diesel grava un’accisa di 61,64 centesimi a fronte di un prezzo netto di 43 centesimi al litro; destinata ad aumentare addirittura oltre l’accisa applicata alla benzina, ora pari a 72,6 centesimi. In tal modo si vorrebbe spingere gli italiani a puntare sulle auto elettriche. Appare però evidente che del rincaro beneficerebbe l’Erario, con un extra gettito di oltre 17 miliardi da qui al 2030.

Fonte IlGiornale.it

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.