Intascavano soldi del parcheggio: nei guai 6 dipendenti di Amalfi Mobilità

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
8
Stampa
Truffa ai danni del gestore dei parcheggi comunali, sospesi sei dipendenti della società municipalizzata “Amalfi Mobilità”. Si sarebbero fatti consegnare direttamente la somma per pagare la sosta del parcheggio, senza quindi inserirla nell’apposita cassa automatica, intascando il denaro e causando alle casse comunali un danno di circa 10mila euro.

I carabinieri di Amalfi, nell’ambito dell’operazione, denominata Berma Parking, avevano più volte ricevuto segnalazioni da parte di alcuni fruitori del parcheggio sul porto situato alla fine del Lungomare dei Cavalieri di una inusuale consegna della somma da pagare direttamente all’ausiliario della sosta, invece che presso l’apposita cassa automatica.

I militari hanno accertato, anche grazie alla videosorveglianza che, effettivamente, gli indagati (in oltre 300 episodi in tre mesi di osservazione), dopo aver verificato il tempo effettivo di sosta, si facevano consegnare la somma dovuta brevi manu e, invece di inserire il dovuto nella cassa continua, intascavano il denaro, dando agli automobilisti un gettone “scarico”, che apriva la sbarra posta all’uscita del parcheggio.

Più spesso, invece, invitavano gli utenti ad attendere in auto nell’area di uscita dal parcheggio, riscuotendo direttamente il denaro previsto per la sosta e consentendo l’uscita delle vetture con l’attivazione manuale della sbarra, mediante l’apposito pulsante di emergenza, bypassando così l’utilizzo della cassa automatica.

Nell’ottobre 2019, era stato arrestato un altro dipendente della municipalizzata per gli stessi fatti.

Visti gli elementi raccolti, univoci e fortemente concordanti, nell’arco dei mesi in cui si è svolta l’indagine, supportata anche da attività tecniche di intercettazione telefonica, il GIP del Tribunale di Salerno ha emesso nei confronti degli indagati – che hanno cagionato alle casse comunali un danno di ca. 10.000 euro – la sospensione dall’esercizio del pubblico ufficio o servizio per dodici mesi, con interdizione totale dalle attività ad esse inerenti.

Continueranno ora le indagini per approfondire se ci sia il coinvolgimento di altri soggetti nella vicenda

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

8 COMMENTI

  1. Vergognatevi!!! Volevate arrotondare a fine mese? Non vi bastava lo stipendio, non vi bastava il contratto di lavoro che avevate? E poi padri di famiglia che ora sono in difficoltà senza lavoro, vorrebbero un semplice ed onesto lavoro.

  2. I soldi fanno venire la vista ai CECATI
    La divina costiera dove per fare un bagno allo SGARRUPO inevitabilmente i VIGILI a tolleranza zero ti fanno pervenire a domicilio almeno 2 o 3 verbali per un divieto di sosta……ma non ci sono parole ,dove mettere i motorini se non create delle areee…….

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.