Ucciso dalla figlia di un boss, Agenzia delle Entrate cancella pretesa da 17mila euro

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
1
Stampa
“L’Agenzia delle Entrate ha ritirato una pretesa fiscale di 17mila euro ai danni della famiglia di Nicola Scarpa, 24enne ucciso a Capodanno da un colpo di pistola esploso dalla figlia di un boss dei Quartieri Spagnoli.

L’avvocato della famiglia ha infatti fatto sapere che l’ente ha cancellato la cifra dovuta, l’equivalente delle spese che l’omicida, nullatenente, non avrebbe potuto pagare. Somma richiesta anche in relazione a un ingente risarcimento, 626mila euro, che però la famiglia delle vittima non avrà mai dalla donna, appunto nullatenente.

Un grosso respiro di sollievo per una famiglia già enormemente danneggiata e devastata dalla perdita di un figlio. Questa legge, però, va assolutamente riformata. E’ assurdo pretendere cifre del genere dalle vittime, ed è altrettanto incredibile come questa donna,  figlia di un boss, non debba pagare nulla perché risulta nullatenente. Come è possibile?” Lo ha detto Francesco Emilio Borrelli, consigliere regionale di Europa Verde.

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

1 COMMENTO

  1. ogni tanto si ragiona….
    sarebbe un utile spunto per risolvere definitivamente il problema dei FINTI NULLATENENTI…centinaia di migliaia se non milioni di italiani chiamati furbetti ma che invece sono dei veri truffatori che nessuno colpisce prendendo il rdc, la naspi e le varie decine di bonus della sinistra assistenzialista…
    una società civile imporrebbe di eseguire lavori socialmente utili per almeno 20/25 ore settimanali così da ripagare tutti i debiti verso lo stato, verso i creditori o verso, chi, come nel caso dell’articolo, è stato ucciso…
    purtroppo no, in italia siamo finti moralisti, finte persone civili perchè secondo i più non si può obbligare qualcuno a lavorare perchè verrebbero calpestati i diritti civili.
    Al contrario è segno di civiltà imporre – e spesso consentire – ai debitori di ripagare il proprio debito, anche obbligandoli a lavorare….

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.