Infezioni nell’Ospedale di Eboli: il chiarimento della Direzione Sanitaria

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
Il Manger dell’Ospedale di Eboli Mario Minervini in una lettera, alla luce di numerosi e recenti articoli di stampa denigratori nei confronti del nosocomio “Maria Santissima Addolorata”, intende comunicare “i risultati negativi per Acinetobacter baumanii e Clostridium difficile dei prelievi straordinari di monitoraggio microbiologico effettuati dall’Eurolab Srl il 18 settembre 2020 presso la Rianimazione ed in data 21 settembre preso l’UOC di Medicina Generale e i risultati negativi dei prelievi ordinari eseguiti nelle aree critiche relativi al mese di luglio 2020, oltre che rendere noto che attualmente, nei suddetti reparti, è stata ripristinata la regolare attività di ricovero e assistenza”.

Nella missiva “si fa presente che, in accordo con la Responsabile aziendale della Sicurezza dei pazienti e gestione Rischio Clinico, sono state adottate tempestivamente le precauzioni standard, quelle da contatto e l’isolamento spaziale/cohortin dei pazienti di tali reparti ma, nonostante tali procedure, in Medicina sulle superfici del “letto paziente 1 stanza 5” è stata rilevata la presenza di Anaerobi solfito riduttori (Clostridium perfrigens) in quantità < 0,4 UFC/cm2 (v.n. 0,013-0,7).

– Le infezioni da A. boumannii, patogeno opportunista, rappresentano circa l’80% delle infezioni da Acinetobacter e si verificano in pazienti ospedalizzati e/o con gravi patologie (Rianimazioni);

– Il Clostridiu difficile, che vive come commensale nell’apparato intestinale, è causa frequente in ambiente ospedaliero (Geriatrie) di infezioni nei pazienti immunodepressi e/o defedati, sottoposti a terapie antibiotiche-chemioterapiche immunodepressive e con ripetuti ricoveri in strutture sanitarie.

 Il Direttore Sanitario conclude la nota chiarendo che “le infezioni da Clostrudium denunciate sono da interpretare come comunitarie per n. 1 caso e come nosocomiali negli altri n.2 casi che si sarebbero presumibilmente contagiati in ospedale (entro le 72 ore dal ricovero) ma la cui gestione nel setting assistenziale è stata realizzata secondo i protocolli previsti.

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.