Al Ruggi è allarme dopo la positività del primario: “Troppi ingressi in ospedale”

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
9
Stampa
Il caso del primario infetto ha fatto scattare l’allarme al “Ruggi” di Salerno. La Cgil medici – come titola il quotidiano “Il Mattino” – ha lanciato l’allarme ingressi: «Da evitare le visite in ospedale non necessarie». Ci sarebbero troppi visitatori che spesso bypassano controlli alla tenda allestita nel piazzale dinanzi alla palazzina amministrativa.

Meno contagi nel salernitano, ma anche meno tamponi processati. Sono 10 i positivi emersi ieri, di cui quattro a Baronissi e uno ciascuno ad Angri, Nocera Inferiore, Cava de’ Tirreni, Giffoni Sei Casali, Sarno e Salerno. Al Ruggi, nel frattempo, dopo il caso del primario di urologia, la Cgil medici lancia l’allarme sull’eccessiva presenza di visitatori nel nosocomio, che spesso bypassano i controlli alla tenda allestita nel piazzale dinanzi alla palazzina amministrativa. Salgono a 15, con i 4 contagi di ieri, i positivi a Baronissi. Di questi, 13 sono riconducibili all’istruttore di una palestra del posto, dal quale è emerso un elenco di 93 persone venute a stretto contatto con lui. Un primo step di 40 tamponi, domenica, ha rivelato positività per dieci persone, dicuiotto residenti aBaronissi. Tra gli otto ci sono anche tre bimbi, di cui uno frequentante la primaria (IV A) della scuola Santa Maria delle Grazie. Sono stati ricostruiti i contatti – nominativi dei compagni di classe compresi i docenti e l’elenco dei bimbi utilizzatori dello scuolabus (compresi autista e accompagnatore) – con richiesta di urgente tamponamento all‘Asl. La classe IV A e lo scuolabus saranno sottoposti allemisure previste dal protocollo covid. Intanto, ieri mattina, sono state sottoposte a tampone altre 59 persone, compreso i parenti dell’istruttore che abitano nello stesso palazzo di famiglia, i quali si erano immediatamente posti in isolamento alla notizia della positività del congiunto, e il nucleo familiare di due bambini risultati ieri positivi. Disposta la immediata sanificazione dell’istituto Regeni, che ospita la scuola Santa Maria delle Grazie. L’Asl, nel frattempo, sta tracciando ulteriori contatti legati ai soggettipositivi già individuati.

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

9 COMMENTI

  1. Ridicoli!!!!
    La gente che arriva al San Leonardo per sottoporsi ad una visita ambulatoriale non sa e non capisce, perché non ci sono indicazioni, che deve sottoporsi alla misurazione della temperatura, sotto la tenda predisposta a ciò, prima di accedere nella struttura.
    Casomai arrivano nell’ambulatorio, fanno la fila in sala d’attesa e al momento del loro turno gli viene detto che devono misurare la temperatura e dotarsi del braccialetto.
    Abbiamo una sanità ecceeeezzzionale, ottima organizzazione e grande professionalità.
    RIDICOLO!!!!!

  2. Ovvio,per venire o accompagnare un parente si presentano in comitiva di 5/6 persone un altro po’…a mo di scampagnata…

  3. Che se senso ha tenere aperti i ambulatori ai pazienti esterni in questo momento di pandemia in un ospedale con il rischio di bloccare risorse umane e chiusura dei reparti
    Chiudeteli subito!!

  4. comunico che “la tenda allestita nel piazzale dinanzi alla palazzina amministrativa” il sabato e la domenica resta chiusa! i controlli si bypassano da soli….

  5. Se chiudono gli ambulatori dove vanno tutti gli infermieri raccomandati che ci lavorano? È in azienda di merda in ostaggio di sindacati e baroni

  6. A parlare a vanvera e a magnare siamo buoni tutti.. ..io sono in cura da esterno presso un ambulatorio interno da prima del blocco totale vista la gravitá della patologia e visto che cammino ancora con le mie gambe….per proseguire le terapie appropriate la visita di controllo mi é stata ancora una volta posticipata…..e capisco il perché…..ma chi scrive qua sopra di chiudere tutto fortuna per lui gode di ottima salute

  7. Non bisogna chiudere gli ambulatori ma mettere controlli ad ogni ingresso visto che c’è un parte di utenti che stranamente ancora non sa che bisogna passare per la tenda visto che la febbre la misurano anche al supermercato. Chiudere gli ambulatori sarebbe una tragedia per malati cronici ed oncologici.

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.