Blocchi e lockdown, ecco i 3 scenari del Comitato tecnico scientifico

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
1
Stampa
Il Comitato tecnico scientifico (Cts) ha elaborato un documento con tre scenari di diffusione del virus per ognuno dei quali vengono indicate le misure da adottare per fronteggiare in modo adeguato il Covid-19.

Allarme giallo

Con un indice Rt regionale tra 1 e 1,25 (che rispecchia la situazione attuale) scatteranno interventi straordinari solo in aree geografiche limitate. Si studieranno misure per rafforzare il distanziamento sociale e ci saranno eventuali zone rosse solo a livello locale. La chiusura delle attività sociali, culturali e sportive (tra cui discoteche, bar e palestre) verrà valutata caso per caso e potrebbe avvenire anche per fascia oraria. Possibile che il Governo adotti misure come il coprifuoco per i locali a partire dalle 24, il divieto di vendita di alcolici dopo una certa ora, la sosta off limits in piedi fuori dagli stessi. Così come potrebbero scattare limitazioni per eventi pubblici e feste private, compresi nozze e battesimi, fino ai funerali.

Verrà chiesto alle aziende di favorire lo smart working al fine di ridurre l’affollamento dei trasporti pubblici e delle sedi lavorative. Potrà essere valutato uno stop temporaneo alla mobilità in piccole aree. Per quanto riguarda le scuole, sarà possibile chiedere di indossare le mascherine anche quando gli studenti sono seduti al banco. Arriverà la direttiva di favorire lezioni a distanza e scaglionamento di quelle in presenza.

Allarme arancione
Con un indice Rt regionale tra 1,25 e 1,5 gli interventi straordinari saranno più numerosi. Il distanziamento sociale verrà imposto attraverso rigidi controlli. Nelle zone rosse scatterà un lockdown temporaneo, la cui durata verrà valutata a seconda dell’indice Rt. Verranno interrotte tutte le attività sociali, culturali e sportive a maggior rischio di assembramenti.

Scatteranno restrizioni alla mobilità da e verso aree dove il virus circola maggiormente. Sarà valutata caso per caso l’interruzione delle attività produttive che presentano situazioni a rischio. Potrebbe essere vietata la mobilità interregionale. Per quanto riguarda la scuola, verrà dato ai presidi la possibilità di obbligare i propri studenti a indossare sempre le mascherine. Le lezioni in presenza avverranno su più turni. Sarà possibile valutare la chiusura temporanea degli istituti.

Allarme rosso
Se l’indice Rt regionale dovesse superare l’1,5 il governo sarà costretto a percorrere la strada del lockdown su grande scala. La tenuta del sistema sanitario, in questo scenario, è ritenuta a rischio nel breve periodo. L’imperativo, se ci troveremo in questa situazione, sarà quello di evitare il collasso. Verranno chiuse tutte le scuole e le università e potrebbero arrivare stop alle attività produttive ritenute non essenziali. Sarebbe una replica, a tutti gli effetti, del primo lockdown.

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

1 COMMENTO

  1. la dittatura DEVE continuare, era già programmato tutto da agosto, lo avevano pubblicato vari giornali spagnolie tedeschi, dal 18 settembre e a tappe di due settimane ci sarebbero stati blocchi sempre piu pesanti e dittatoriali fino al blocco totale, era già scritto da due mesi.
    “Tutti i paesi saranno in blocco totale in cui l’esercito è schierato prima della fine di settembre e per sei mesi” e infatti da metà settembre in spagna potete leggere che il regime militare ha iniziato il lavoro. e poi in altri stati.
    tutto questo senza nessun motivo sanitario, i casi non sono malati, sono solo positivi strumentali da un esame criminale.

    Pochi giorni fa pure il prof.Donato Greco, consulente OMS e grande scienziato, ha affermato “L’epidemia è finita a maggio”, ma gli amanti del covid non sono contenti, vogliono più violenza, più dittatura, più repressione e più virus. altrimenti s’incazzzano. stanno tanto bene sul divano a fare un caccchio

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.