Libero titola: “allerta arancione” per l’Italia. Contagi e ricoveri, dopo lockdown generale

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
1
Stampa
A che punto siamo dell’allarme rosso che ha fatto scatenare a marzo la chiusura totale delle attività? E’ stato elaborato un protocollo che indica quali misure adottare che comprende l’indice di contagio, i ricoveri ordinari e in intensiva, la saturazione dei reparti, la capacità di tracciamento dei contatti dei positivi. Lo scrive Liberoquotidiano.it

Uno strumento di osservazione  realizzato con la collaborazione dell’Istituto superiore di sanità, Regioni, la Protezione civile, l’Aifa, l’Inail, lo Spallanzani, l’università Cattolica, il servizio 118 Lombardia e l’istituto Bruno Kessler. Gli scenari ipotizzati, scrive Il Giornale, sono 4 e vanno dal verde, al giallo, all’arancione e al rosso. L’Italia semplificando un po’ è all’arancione chiaro.

Il rosso, scenario da scongiurare, prevede contagi fuori controllo, pressione critica sul sistema sanitario, Rt regionali superiori a 1,5. Con questo quadro il servizio sanitario rischia di andare in tilt in 30 giorni.

Il primo scenario, verde, corrisponde alla situazione che abbiamo vissuto in estate quando il coronavirus circolava, certo, ma in modo localizzato con l’indice di contagio sotto controllo e gli Rt regionali sopra la soglia di rischio per periodi limitati.

Scenario arancione. Con un indice di contagio Rt tra 1 e 1,25 e una crescita costante dei casi ma lenta e dunque più controllabile. Diminuiscono i casi asintomatici e cominciano invece a salire le ospedalizzazioni ma non si segnalano sofferenze da parte della tenuta del sistema sanitario nazionale.

In questo secondo scenario si raccomanda una riduzione dell’orario di apertura dei locali come bar e ristoranti e un ritorno della didattica a distanza sempre però non generalizzato ma mirato alle aree più colpite dove si consiglia anche la riduzione della mobilità.  Questo lo scenario attuale per le regioni con il numero di contagio più alto. Si va verso una crescita dell’Rt regionale sistematicamente e significativamente compreso tra 1,25 e 1,5″.

Scenario rosso: I casi si moltiplicano più velocemente e non si è più in grado di individuare tutte le catene di trasmissione, come segnalato nell’ultimo Report dell’Iss. Il servizio sanitario nazionale tiene ma inizia ad andare in sofferenza in alcune aree meno attrezzate. Il monitoraggio segnala una crescita dei casi gravi.

Alla luce di quando accaduto lo scorso inverno gli esperti osservano che se si riesce a tutelare i fragili e l’età media dei contagiati resta bassa l’evoluzione della crisi sarebbe più contenibile. Per questo scenario si prevedono lockdown locali temporanei e circoscritti (ad esempio come quello di Latina), zone rosse temporanee. Si deve procedere anche all’interruzione delle attività sociali più a rischio affollamento e ridurre la mobilità. Inevitabile l’incremento della didattica a distanza nelle scuole.

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

1 COMMENTO

  1. libero??? il quotidiano più razzista ed antisociale che esiste, per quanto mi riguarda mi viene il vomito solo a nominarlo

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.