La Farnesina ‘tradita’ da Google Translate. Lo screenshot dell’errore diventa virale

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
Manlio Di Stefano esprime grande soddisfazione per la firma degli Accordi Artemis, un traguardo che rappresenta un tangibile passo in avanti a 50 anni dal primo sbarco sulla Luna”. Detto così non fa una piega, l’entusiasmo del sottosegretario agli Esteri è sincero e le parole scivolano via lisce. Peccato che il messaggio comparso sul sito della Farnesina fosse pensato in italiano e tradotto in inglese. Con l’aiuto di Google Translate, spesso utile e a volte traditore.

Se “di” in inglese è “of”, ecco che il testo del comunicato stampa – pubblicato ieri e subito rimosso – esibisce un errore che non passa inosservato: la “great satisfaction of the Undersecretary Of Stefano” è incontenibile, e non c’è software che possa domarla. Il sottosegretario Di Stefano diventa insomma “Of” Stefano, il vice perfetto per Luigi “Of” Maio. Dopo poche ore il titolo è stato cambiato e il comunicato rimaneggiato, ma per il sottosegretario era già tardi. Tu nascondi la gaffe e le tracce resteranno ovunque.

Sta di fatto che improvvisamente “Di” in inglese è diventato “Of”. E non se ne erano neanche accorti. La modifica, come riporta Il Foglio, è arrivata solamente qualche ora dopo, ma ormai le tracce del clamoroso inciampo erano rimaste sul web.

Così il cognome del sottosegretario è stato confuso e tradotto automaticamente in “Of”. Una persona umana lo avrebbe capito subito, mentre il povero Google Translate ha il solo compito di tradurre parola per parola. Sui social si sono scatenati immediatamente i commenti: “Siamo alle comiche finali”; “Ignoranti fino al midollo”; “Esprimo la mia indignazione per essere rappresentato nel mondo da questa gente.

Al di là della politica, qui si tratta di persone arroganti e ignoranti che assumono ruoli assolutamente fuori dalla loro portata”; “Abbiamo un ministro degli Esteri che non sa l’inglese e usa Google Traslate che gli traduce in ‘Of Stefano’ il cognome del sottosegretario Di Stefano. Non è un governo ma un circo”.

LA PRECISAZIONE DELLA FARNESINA

In relazione a quanto riportato in data 15 ottobre da “Salerno Notizie” nell’articolo “Di Maio usa Google Translate? Ennesima gaffe. Il suo vice diventa Of Stefano” relativo all’erronea traduzione del titolo del comunicato stampa del 13 ottobre scorso “Firma degli Artemis Accords per l’esplorazione dello spazio. Grandissima soddisfazione del Sottosegretario Di Stefano”, la Farnesina, ribadendo quanto già precisato ieri sul proprio sito, conferma nuovamente che si è trattato di un mero errore materiale interno occorso nella fase tecnica di caricamento del contenuto e dunque in alcun modo imputabile al Ministro Di Maio o al suo staff. L’errore è stato rapidamente corretto. Ce ne scusiamo con tutti i nostri utenti.

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.