Incubo quarantena: ‘Chiusi in casa da un mese senza risposte e senza tutela’

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
5
Stampa
“E’ vergognoso siamo chiusi in casa da un mese”. E’ l’inizio di una lettera inviata al presidente della Regione Campania e alle varie associazioni per denunciare quanto sta accadendo ad una famiglia alle prese con la quarantena.
“Ad oggi siamo a 6 giorni dal tampone che dovrebbe darci la libertà ma nessuno ci dà riscontro”.

ECCO LA LETTERA

«Vi scrivo per denunciare la situazione assurda e vergognosa che stiamo vivendo, come noi credo in tantissimi. Il giorno 28 settembre mio marito A.S. effettua un sierologico per l’azienda dove lavora ed il risultato è subito positivo al COVID 19 per entrambi i valori.

Subito chiamiamo il 118 e medico di base che aprono la procedura presso ASL (detto questo ci riteniamo in quarantena fino ad esito del tampone naso faringeo)

Il giorno 29 settembre alle ore 09 io, mio marito e i miei figli  (uno di 5 anni e uno di 8 mesi) e i miei genitori sessantenni andiamo a fare i tamponi. (siamo sempre in quarantena)

Il giorno 30 alle ore 22:00 riceviamo dei whatsapp, si leggete bene whatsapp (HO TUTTO SALVATO) da una dottoressa che ci invia foto o screen shot dei tamponi positivi tra cui mio marito, mio figlio di 8 mesi ed entrambi i miei genitori. Tutto solo tramite foto. Naturalmente siamo ancora in quarantena

Quindi il certificato di malattia che le istituzioni dicono che è automatico lo fa il nostro dottore per me, mio marito e mio padre che lavoriamo.

Il giorno 01 ottobre (dopo 4 giorni) ci arriva una mail di obbligo quarantena con fine solo dopo che i tamponi diventano negativi.

Giorno 07 ottobre ricevo finalmente i risultati negativi ma solo miei e di mio figlio di 5 anni conviventi dei positivi. Senza dovervi dire che nessuna assistenza abbiamo ricevuto se non fosse per amici che ci portano acqua e latte per il bambino, ect…

Dopo il danno la beffa, dopo 14 giorni vengono a casa per i tamponi, il giorno 13 ottobre, e volevano farli solo a mio marito e al neonato. Per noi conviventi da 14 giorni non era previsto.  Dopo aver fatto esplicita richiesta li hanno fatti a tutti ma dei risultati ancora non si sa chi deve fornirli.

Dopo 4 giorni, dopo aver scritto 2 mail, chiamato l’USCA, chiamato la dottoressa del laboratorio che non ha mai risposto riceviamo una risposta alle 19 e 30 con l’esito dei tamponi.

Tutti i tamponi sono negativi, sabato 17 ottobre mio marito si reca presso l’USCA a fare il 3° tampone (noi abbiamo contattato l’Usca e chiedere il tampone, nessuno ci ha chiamato) e oggi  dopo oltre 48 ore, non 12-24 ore come è stato da lei comunicato, nessuno ci dà risposta.  Siamo a 4 settimane di quarantena, ad oggi ancora bloccati in casa e poi chi dovrà fornirci il certificato che ci liberi dalla quarantena?

Nessuno sa fornirci una risposta! E’ vergognoso nulla funziona siamo abbandonati. La quarantena così non è di 14 giorni ma infinita! Ma l’assurdo dell’assurdo è l’arrivo di una raccomandata dall’Inps che dice che la nostra malattia è anomala e non riconosciuta e che dobbiamo noi fornire la documentazione ASL e un certificato del medico  con una raccomandata entro 7 GIORNI.

Ma mi spiegate come facciamo a mandare una raccomandata se siamo in quarantena dal 28 per dimostrare che la nostra malattia è corretta? Lo Stato non aveva detto che per tutti coloro che si ammalavano di Covid e che erano in quarantena non dovevamo preoccuparci di nulla perchè le segnalazioni erano automatiche?

E’ una vergogna che nessuna procedura funziona e per lo Stato che ci mette in queste condizioni dove oltre a stare in casa da 4 settimane rischiamo anche di non avere lo stipendio.

Caro presidente ma chi deve controllare che tutto funzioni? A chi bisogna denunciare queste situazioni? A chi bisogna rivolgersi per conoscere le procedure?»

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

5 COMMENTI

  1. la lettera deve essere inviata al ministro della salute, al presidente della regione. ed al presidente del consiglio. Devono capire che non c’è organizzazione nella sanità. Cacciassero via arcuri ed altri incapaci, prendessero un esperto di organizzazione aziendale a livello mondiale, affiancato da tre medici che sono in trincea, un esperto di virologia e mettessero (IN 5 GIORNI,NON COME FA ARCURI CHE PRENDE BANCHI A ROTELLE COME AL LUNA PARK E ACQUISTA COSE INUTILI CON I NOSTRI SOLDI) a punto un iter pratico per assistere gli ammalati, ecc ecc
    di casi simili di inefficienza organizzativa ve ne sono a migliaia. BASTA CHIACCHIERE VOGLIAMO FATTI

  2. Uno che finisce agli arresti domiciliari ci finisce perché ha fatto qualcosa e ha deciso un magistrato che appartiene a un tribunale, qui invece ci mettono ai domiciliari, in un modo ancora più stringente, delle persone come noi che non hanno nessuna competenza per limitare la libertà personale, è vero che bisogna rispettare queste regole covid ma il tuo deve essere fatto nei tempi previsti perché anche un giorno in più limita un diritto fondamentale e universale, la libertà di una persona, dimenticarsi delle persone così in una casa è da denuncia penale e qualcuno deve intervenire in questo

  3. In una nazione ove vengono scarcerati i detenuti mafiosi associati in carcere al 41bis, Vi meravigliate che accadano queste cose alle persone normali? Ora tutti a dargli addosso ma vi ricordo che De Luca è stato rivotato alla regione Campania da circa il 70% degli elettori, che evidentemente già conoscono le magagne e le falle del sistema sanitario regionale. A che serve protestare ora?

  4. Come si risolve??? Con un bel lockdown alla faccia della inefficienza e inettitudine di tutto lo stato. Ma si sa, a lui piace vincere facile..che scuorn’r’omm

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.