Fonderie Pisano rispondono a sindaco Pellezzano: “Elementi critici da studio Spes non del nostro ciclo”

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
1
Stampa

Signor Sindaco,
desideriamo esprimere grande apprezzamento per l’impegno da Lei profuso a tutela della popolazione che occupa il territorio di Pellezzano: un impegno che è giusto riconoscerLe.
Nel contesto più ampio di questo tipo di azione che Lei meritoriamente mette in campo, siamo  certi che  avrà visionato i dati – pubblicati da noi sul sito www.fonderiepisano.it e certificati da organismi competenti così come richiestoci a suo tempo dalla Regione Campania – relativi alle emissioni delle Fonderie Pisano che escludono ogni riconducibilità del mercurio e delle diossine alla ns. fabbrica impegnata nella lavorazione della ghisa di seconda fusione e, dunque, con il ferro quale materia primaria.
Tale precisazione si rende necessaria dopo avere appreso che proprio il mercurio e le diossine pare risultino gli elementi segnalati dalla “Studio Spes”.
Va detto che i metalli preminenti nel nostro ciclo produttivo – da molti anni  ripetutamente e minuziosamente controllati (valori di emissione di polveri in rete atmosferica) –  sono noti e pubblici da sempre.
Occorre ricordare che tra i cittadini che vivono o lavorano nel territorio di competenza del Comune di Pellezzano, rientra anche  il personale delle Fonderie e anche noi: tutti preoccupati dei dati che si traggono dalle scarne pagine del documento Spes che abbiamo ottenuto dalla Regione Campania.
È, quindi, assolutamente necessario che le analisi e gli studi continuino e accertino tutte le fonti inquinanti nella Valle dell’Irno, affinchè siano controllate, verificando i dati di tutti i soggetti presenti sul territorio, con la stessa accuratezza con cui sono state condotte le analisi sul nostro sito produttivo.
Questo, però, non è il momento delle discussioni o dei ragionamenti: è il tempo dei fatti. E’ il tempo di accertare con chiarezza la dinamica che ha provocato l’innalzamento dei livelli di concentrazione che tanto preoccupa e di evitare la strategia del sospetto.
Andiamo avanti nell’accertare chi realmente inquina. È l’unica strada per tutelare la salute pubblica e i lavoratori.

Salerno, 24 ottobre 2020

Presidente Fonderie Pisano & C. SpA

Guido Pisano

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

1 COMMENTO

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.