Covid: a Cava de’ Tirreni la protesta dei commercianti ‘Tu ci chiudi, tu ci paghi’

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
1
Stampa
Manifestazione di protesta dei commercianti cavesi nei pressi della stazione di Cava de’ Tirreni. ‘Tu ci chiudi tu ci paghi c’era scritto su uno dei tanti striscioni esposit. Una iniziativa per manifestare il proprio dissenso e il forte malcontento per le disposizioni prese dal Governo Conte con l’ultimo DPCM per contrastare il diffondersi del contagio da coronavirus.

“Siamo stanchi – dicono – di vedere disattese le promesse fatte dal Governo e di pagare per le scelte scellerate di Governo, Regione e Comune” I commercianti chiedono tra le altre cose l’esenzione al pagamento della Tari e Tosap e la concessione di un contributo straordinario per l’emergenza  a sostegno del canone di locazione  delle attività commerciali in fitto.

I manifestanti chiedono a piu’ riprese la presenza del primo cittadino. “Il sindaco – spiega un commerciante al megafono – ha deciso di non scendere ad ascoltarci. A noi basterebbe una parola di conforto e capire se lui sta dalla nostra parte o con il Governo. Altrimenti noi da qui non ci muoviamo”.

“Siamo gli unici in Italia – continua il commerciante – che stanno protestando in maniera civile. Supportateci. Noi vogliamo solo lavorare. Abbiamo bisogno di essere aiutati. Scusateci se abbiamo bloccato la mobilità a Cava, noi non siamo degli incivili ma temiamo solo per il nostro futuro”.

Con una simbolica bara che decreta la morte del commercio, il corteo si sta nuovamente dirigendo verso la stazione. “Il sindaco – ribadisce il portavoce della protesta – non vuole scendere in piazza e quindi i miei colleghi commercianti vogliono continuare ad occupare. Per colpa del sindaco che non vuole intervenire, noi non ci muoviamo da qui. Stiamo facendo tutto questo solo per il commercio cavese”.

Foto Andrea Pellegrino L’Ora di Cronache

 

 

VIDEO CAVA.IN

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

1 COMMENTO

  1. Domanda: ma avete capito o no che rischiamo di MORIRE?!…e se ci ammaliamo tutti con bisogno di ricoveri, terapie intensive, ossigeno, intubazioni e quant’altro, mi dite chi va a fare acquisti nei negozi o chi va al ristorante e al bar?! Perlomeno la chiusura totale darebbe il tempo alle terapie di svuotarsi e agli ospedali di liberare i posti letto e permetterebbe ai NUOVI AMMALATI di entrare e salvare la vita…
    A me sembra che gli uomini siano impazziti…la morte non è virtuale come nei videogiochi…

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.