San Valentino Torio: proteste in piazza contro i decreti anti Covid del Governo

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
Anche San Valentino alza la voce contro il Governo nazionale per contestare gli ultimi decreti Anti-Covid  che stanno ulteriormente decretando la morte del commercio locale.

Verso le 18 una pacifica manifestazione di protesta organizzata dai commercianti e da altre persone che hanno sposato questa causa si sono ritrovati in piazza Amendola, bloccando la circolazione ed  esponendo uno striscione eloquente  che citava “LAVORO E DIGNITA’”.

Subito sono sopraggiunti i Carabinieri della locale stazione guidati dal comandante Gennaro Corvino per far ritornare la calme ad aprire di nuovo il passaggio alle auto, ma la protesta è proseguita. Gli esercenti hanno richiesto ed ottenuto a gran voce un incontro con il sindaco ing. Michele Strianese, nonché pres. della Provincia.

Il sindaco oggi, con un suo post, aveva paventato l’ipotesi che se i contagi dovessero aumentare ulteriormente San Valentino potrebbe diventare zona rossa. La rabbia sale ed i problemi economici non ancora risolti dal precedente lockdown potrebbero far affossare definitivamente tante attività.

All’incontro sono sopraggiunti il sindaco Strianese, il vice sindaco Rosanna Ruggiero e gli assessori Giancarlo Baselice e Pasqualina Garofalo, per il comitato dei commercianti ha preso parola il responsabile Arcangelo Saggese ed i maestri Gianluca Ceglia ed Antonio Califano, sono state esposte le preoccupazioni per una nuova chiusura ma allo stesso tempo è stato richiesto di intercedere verso il governo regionale e nazionale per scongiurare tale cosa, che porterebbe al fallimento di tante attività commerciali, ma anche di tanti  liberi professionisti, inoltre è stato richiesto di rivalutare i bonus e le agevolazioni fiscali perché quelle del precedente lockdown non sono state certamente soddisfacenti, ma l’obiettivo era  anche quello di far ragionare sugli orari di chiusura, questo in riferimento a bar, pizzerie e ristoranti, perlomeno con chiusura alle 23, il sindaco ha ribadito che nel suo piccolo proverà a discutere con chi di competenza, del resto sull’orario di chiusura già il pres. De Luca si era espresso contro la linea nazionale che poi è passata, cioè con la chiusura alle 18 e si è dichiarato pronto a sospendere o rinviare, dove possibile, le tasse  comunali, quali la Tari ad esempio, ma ci teneva a sottolineare: “signori  il problema sanitario di emergenza è reale e non dobbiamo sottovalutarlo, quindi tutti uniti proveremo a superare anche questo fosso, San Valentino  ha sempre dimostrato civiltà, come stasera del resto che vi siete ritrovati per una pacifica manifestazione di protesta”.

 

SERGIO   VELARDO

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.