Covid: nuova ordinanza di De Luca, da lunedì stop alla scuole dell’infanzia

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
27
Stampa

E’ in corso di pubblicazione l’Ordinanza n.86, firmata dal Presidente Vincenzo De Luca, che contiene, oltre la riconferma di alcune disposizioni già in atto, ulteriori misure di contenimento e prevenzione per contrastare l’epidemia da Covid-19. Da lunedì prossimo, stop alle attività nelle scuole dell’infanzia.

Ecco i contenuti dell’ordinanza:

1) Con decorrenza dalla data del presente provvedimento e fino al 14 novembre  2020, su tutto il territorio regionale è confermata la sospensione delle attività didattiche in presenza per le scuole primaria e secondaria, fatta eccezione per lo svolgimento delle attività destinate agli alunni affetti da disturbi dello spettro autistico e/o diversamente abili, il cui svolgimento in presenza è consentito previa valutazione, da parte dell’Istituto scolastico, delle specifiche condizioni di contesto; è altresì confermata la sospensione delle attività didattiche e di verifica in presenza (esami di profitto e verifiche intercorso) nelle Università, fatta eccezione per quelle relative agli studenti del primo anno, ove già programmate in presenza dal competente Ateneo;

2) Con decorrenza dal 2 novembre 2020 e fino al 14 novembre 2020, su tutto il territorio regionale, fatta eccezione per l’attività amministrativa e fermo restando l’obbligo di effettuare le riunioni da remoto, è sospesa l’attività in presenza nelle scuole dell’infanzia;

3) Con decorrenza immediata e fino al 14 novembre 2020, è confermato l’obbligo a tutte le aziende di trasporto pubblico locale di modulare l’erogazione dei servizi minimi essenziali in modo da evitare il sovraffollamento dei mezzi di trasporto nelle fasce orarie della giornata in cui si registra la maggiore presenza di utenti, comunicando i servizi così modulati alla Direzione Generale Mobilità della Regione Campania, nonché all’Ente titolare del contratto di servizio.

Dalla data di comunicazione il servizio è erogato secondo la nuova rimodulazione, salvo il potere della D.G. Mobilità della Regione Campania e degli Enti titolari del contratto di servizio di disporre modifiche, sulla base di eventuali esigenze di interesse pubblico. E’ fatto obbligo alle Aziende di trasporto di dare la massima diffusione alla nuova programmazione dei servizi essenziali a tutti gli utenti sui propri siti aziendali, alle fermate, alle stazioni e su ogni altro mezzo di comunicazione alle stesse in uso.

E’ demandato alla Direzione Generale per la Mobilità di monitorare i programmi e gli orari del servizio assicurato sul territorio e di proporre ogni eventuale determinazione necessaria al fine del perseguimento delle finalità di contenimento e prevenzione dei rischi di ulteriori contagi;

4)  COMUNE DI ARZANO: con decorrenza dalla data del presente provvedimento e fino al 4 novembre 2020, con riferimento al centro urbano di Arzano (NA), sono confermate le seguenti misure:

  1. a) divieto di allontanamento dal territorio comunale da parte di tutte le persone ivi residenti;
  2. b) divieto di accesso nel territorio comunale;
  3. c) sospensione delle attività degli uffici pubblici, fatta salva l’erogazione dei servizi essenziali e di pubblica utilità;
  4. d) sospensione delle attività commerciali, ivi comprese le attività di ristorazione (bar, ristoranti, pasticcerie, pub, e simili), salvo che in modalità di consegna a domicilio, fatta eccezione per soli i servizi alla persona ed attività connesse all’approvvigionamento di beni e servizi di prima necessità come a suo tempo individuate dagli allegati 1 e 2 del DPCM 10 aprile 2020.

– Sono pertanto sospese ad Arzano le attività commerciali al dettaglio, fatta eccezione per le attività di vendita di generi alimentari e di prima necessità individuate nel citato allegato 1. Restano aperte le edicole, i tabaccai, le farmacie, le parafarmacie. Sono esclusi dai divieti i servizi bancari, assicurativi, finanziari, nonché le attività finalizzate ad assicurare la continuità della filiera produttiva e le attività delle libere professioni. Sono chiusi, indipendentemente dalla tipologia di attività svolta, i mercati.

È fatto divieto di allontanamento dalle proprie abitazioni se non per esigenze di approvvigionamento di beni e servizi di prima necessità, come sopra individuati, per motivi di salute nonché per   lo svolgimento delle attività – anche lavorative – non sospese, per il cui espletamento è consentito  l’allontanamento dal territorio comunale, nei limiti strettamente necessari;

  1. e) è fatta salva la possibilità di transito in ingresso ed in uscita dal centro urbano per comprovati motivi di salute o di necessità urgenti ed indifferibili; è  in ogni caso consentito il transito  da parte degli operatori sanitari e socio-sanitari, del personale impegnato nei controlli e nell’assistenza alle attività relative all’emergenza, nonché degli esercenti le attività consentite ai sensi della lettera d) del precedente punto 1.4, e quelle strettamente strumentali alle stesse, limitatamente alle presenze che risultino strettamente indispensabili allo svolgimento di dette attività e a quelle di pulizia e sanificazione dei relativi locali e con obbligo di utilizzo di dispositivi di protezione individuale.
Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

27 COMMENTI

  1. Siamo al ridicolo vengono permesse le attività ai soli disabili…stiamo tornando a 50anni fa dove si facevano le classi di soli disabili invece di permettere anche agli altri bambini di integrarsi…vergogna!

  2. Ma dico….si possono scaricare tutte le mancanze di organizzazione sulla didattica e i bambini?
    Un intero anno in didattica a distanza…stiamo dando i numeri

  3. …..e……r……..d…….a, trattare i bimbi così vuol dire essere menomato mentale…

  4. Giusto, si sa che i bimbi di 3 4 e 5 anni intasano i trasporti pubblici……ahahahahah. Sempre più giù, che goduria assistere alla sua disfatta. E il lanciafiamme?

  5. X RUNNER: Sono quasi sempre d’accordo sulle cose che dici ma stavolta NO e mi spiego: Il fatto è che non guardate mai oltre il proprio naso , i bambini dell’infanzia non prendono i mezzi pubblici e questo lo si sa ma il problema è che le mammine nullafacenti dopo aver accompagnato i bambini si assembrano davanti alle scuole e si organizzano per la colazione ed inoltre non dimenticate che i piccoli non è che stanno da soli a scuola ma esistono insegnanti, bidelli segretari etc….. che non credano sia proprio classificabili come INFANTI.

  6. Vergogna. De Luca sei una vergogna. In Francia e Germania hanno chiuso tutto tranne le scuole in campania caso unico al mondo dopo uno stop forzato da marzo sono state aperte un mese dopo per soli 10 giorni e poi di nuovo chiuse. Vergogna mondiale. Vergogna unica al mondo de luca sei una vergogna.

  7. Che genitori siete se mandereste a scuola i vostri figli in questo momento ? Basta che ve ne liberate. Vergognatevi.

  8. x Runner: Hai passato gli ultimi 8 mesi a scrivere su ‘sto sito strxxxxte regolarmente smentite dalla realtà, ha insultato i morti, i malati e i parenti che soffrivano e ancora ti permetti di fare il miserabile? Sei solo un povero sfigato. Sarai sempre un perdente

  9. Per runner ed il doppio anonimo che poi è lo stesdo
    I ridicoli siete voi, poi tu runner sei il numero uno in stronzo logica applicata alla tua testa di merda. Hai ascoltato il governatore, bambini di asilo infettati i quali senzaascherina anche se asintomatica infetta o tutti e tutto come i grandi. Me crer runner a te t vuless di mm cunosc p vre com’è nu strunz bipede.

  10. Comunque aggiungo…meno male che si può ancora andare a correre perché è essenziale. Ora scendo a fare una oretta e poi raggiungo papà allo studio…ciao stipendiati chini a lavoro

  11. DE LUCA SEI UNA FRANA…ORA SALE A GALLA TUTTA LA TUA GESTIONE FASULLA E CLIENTELARE….DIMETTITI CHE FAI PIÙ BELLA FIGURA ( non censurate)

  12. Questo purtroppo deve farsi vedere da un buon medico , offro la mia quota per una visita accurata al cervello . Ma come cazz ti hanno votato che porti pure sfiga

  13. Siamo al 30 ottobre e ancora ragioniamo sull’organizzazione della mobilità e dei trasporti. Questo è il livello di efficienza. Vergogna…Razza di incapaci.

  14. FORSE NON AVETE ANCORA CAPITO CHE SE NON SI CHIUDE TUTTO, VEDREMO ANCHE IN CAMPANIA LE SCENE CHE ABBIAMO VISTO A BERGAMO NELLA PRIMA ONDATA. LA SITUAZIONE STA DEGENERANDO, E QUI SI FA SCIACALLAGGIO POLITICO DANDO LA COLPA A TIZIO O A CAIO. IL VIRUS NON GUARDA I POLITICI, ANCHE CON UNA SANITA’ AI MASSIMI LIVELI DI EFFICIENZA, NON POSSIAMO PIU’ FRONTEGGIARE QUESTA PESTE SE NON CHIUDENDO TUTTO, MA PROPRIO TUTTO, PER EVITARE AL MASSIMO I CONTAGI. CHI SCRIVE, E’ UN LAVORATORE AUTONOMO, CHE SE SI CHIUDE NON GUADAGNERA’, MA PREFERISCO MANFGIARE PANE ED ACQUA, CHE VEDERE I MIEI CARI MORIRE.
    E TU RANNER CHE GODI DI QUESTA SITUAZIONE PER VEDERE LA FINE DI DE LUCA. SAPPI CHE POTRESTI ANCHE TU BECCARTI IL VIRUS ED ESSERE INTUBATO, NON HO PAROLE PER DEFINIRTI.

  15. Ma che dice questo ignorante , torniamo a 50anni fa … imbecille vedi che i disabili erano messi da parte ciuccio ..e poi nn parlare di bambini diversamente abili che nn sai un cazzo di quello che subiscono quotidianamente x avere quello che gli spetta ….

  16. Leggo solo idiozie su idiozie, ancora con le mamme che , che prendono il caffè creando assembramenti e diffondendo il contagio…CHE STRONZATA AVETE DEI DATI SU QUESTO ASPETTO .. NO? E NON DITE CAXXATE .Sulla scuola questo personaggio ha fallito, non è in grado di offrire un servizio di trasporto decente, chiude scuole dell’infanzia, che hanno un livello di contagiosità bassissimo , dati confermatI dall’Istituto Superiore della Sanità, anche perchè non ci sono studi e NUMERI per dire che la riapertura delle scuole, comporti un aumento sensibile dei contagi. qUINDI STIAMO PARLANDEO DELL’ARIA FRITTA… COME AL SOLITO

  17. Quando al testicolino parli male del papino si arrabbia e dive ancora più lecchino. Rita96, Maria e sfigati vari sono sempre la stessa inutile persona. Ci vediamo sul balcone

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.