Napoli: extracomunitari aggrediscono forze dell’ordine, 8 agenti feriti

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
13
Stampa

“Stanotte a Napoli otto poliziotti sono stati feriti in servizio, aggrediti selvaggiamente da decine di extracomunitari mentre tentavano di mettere fine a una specie di festa, dove quasi tutti erano senza mascherine. Gli allegri avventori si sono infuriati perché gli agenti osavano disturbarli mentre loro violavano praticamente tutte le disposizioni in tema di emergenza sanitaria, e hanno pensato bene di dargli addosso.

Scene come questa non solo sconcertano, ma sono l’ennesima conferma di quanto assurdo sia continuare a operare per la sicurezza di tutti con ‘armi spuntate’, senza leggi adeguate, mandati al macello anche in zone che sono davvero terra di nessuno all’interno delle città. Altro che rispetto delle norme anticovid.

In quartieri come Borgo Sant’Antonio una volante non può entrare senza rischiare di non uscire, lo sanno tutti, compresi quelli che rimangono in un ancor più sconcertante silenzio a fronte di continue indegne aggressioni a chi porta la divisa. E se domani i colleghi intervenuti in quel finimondo risulteranno contagiati con chi dovremo recriminare?”.

E’ questo il duro commento di Valter Mazzetti, Segretario Generale Fsp Polizia di Stato, dopo quanto accaduto ieri notte a Napoli, dove una sorta di festino con circa 200 extracomunitari è stato interrotto dalle forze dell’ordine, ma solo dopo le violente reazioni dei presenti che hanno causato otto feriti fra gli agenti (7 i giorni di prognosi per loro refertati all’ospedale).

Alla fine i poliziotti hanno operato tre arresti e cinque denunce in stato di libertà per reati che a vario titolo vanno da resistenza a lesioni a pubblico ufficiale a danneggiamento aggravato.

“Due volanti – racconta Mauro Di Giacomo, Segretario Fsp di Napoli – sono intervenute in via Morelli dopo una chiamata al 113 di cittadini preoccupati da un gigantesco e rumoroso assembramento, e presto sono state raggiunte da una terza auto con anche un funzionario a bordo. Ma la situazione era critica e così è stato necessario chiamare a supporto Carabinieri e Guardia di finanza, e per fortuna erano fuori anche i colleghi del Reparto mobile impegnati fino a poco prima con la partita del Napoli.

Così è stata domata la protesta, ma in quel quartiere le chiamate al 113 sono continue. E’ una zona dove molti, soprattutto oltre una certa ora, fanno un po’ come gli pare. Una zona problematica come ce ne sono altre di cui lo Stato deve assolutamente riappropriarsi. Ma per fare questo – conclude – ci servono maggiore fermezza, protocolli certi e chiari, severità e concretezza sul piano giudiziario. Altrimenti noi continuiamo solo a intervenire sfidando ogni volta la sorte”.

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

13 COMMENTI

  1. Per mille e trecento euro devi pure farti aggredire senza poter reagire perchè se ai violenti, autoctoni o extra come questi, gli fai un graffietto poi ti arriva pure una denuncia.

  2. Nemmeno nei quartieri dove domina indiscussa la camorra le volanti delle forze dell’ordine hanno problemi ad entrare. Invece ora grazie alle risorse nigeriane, nordafricane etc e a leggi pro clandestini, lo Stato perde 8nteri pezzi di territorio. Chi deve ristabilire l’ordine? La camorra?

  3. Ma è uno stile di vita,da cui noi dobbiamo imparare. Qùà se non si prendono provvedimenti seri,imiziando a rimpatriare tutti i clandestini, siamo fregati.

  4. Complimenti a questo grande circo di pagliacci politico,che fa entrare questi delinquenti parassiti solo per gonfiarsi le tasche non per misericordia e questi sono i risultati grandissimi pagliacci,invece a questi delinquenti auguriamo una presto salita sulla barca di Caronte

  5. Essendo un perbenista e buonista, sono dalla parte dei fratelli extracomunitari, che sono da accudire e sfamare. Sicuramente forze dell’ordine raSSiste…..

  6. il male dell’italia” LA SINISTRA ” servi dell’europa dei cazzi loro fregandosene del popolo italiano,ma come si fa’ in un italia stremata dalla pandemia a permettere che entrino ancora extracomunitari con una lamorgese che si permette di dire (lampedusa porto d’europa) nel medioevo le streghe andavano al rogo ma quand’e’ che mandiamo questa sinistra al macero? e le povere forze dell’ordine mandati a fare la guerra con la sciaboletta di legno e……guai ad usarla sarebbero incriminati subito da qualche solerte magistrato.

  7. Di bene in meglio! Fanno i propri comodi e nessuno può impedirglielo, pena essere accusati di razzismo o, peggio, finire in ospedale. Quello che mi fa più specie in queste situazioni è il silenzio assoluto dei “buonisti” e dei sostenitori dell’accoglienza indiscriminata. La gente prova rabbia e indignazione; questo è un altro bubbone che prima o poi esploderà.

  8. una semplice domanda, se colti sul fatto perchè non metterli al muro? basta uno o due esempi vedrai che poi si calmano. altrimenti se ne ritornano da dove sono venuti sinistra permettendo. adesso via con la censura.

  9. E il “famoso” sceriffo tutto chiacchiere sguaiate e ditino del pci non ha né provvedimenti né battute da fare?

  10. Brava Lamorgese, ottimo ministro degli affari interni!!!!! Io la chiamerei ottimo ministro degli affari loro!!!!!

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.