de Magistris: “De Luca ora riveda decisioni su scuola”

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
8
Stampa
“Alla luce dei contenuti del dpcm, credo che il presidente della Regione Campania debba rivedere la decisione assolutamente non condivisibile della chiusura degli asili e delle scuole elementari che in tutta Italia, addirittura nelle zone più tragicamente colpite, restano aperte”.

Lo afferma il sindaco di Napoli, Luigi de Magistris, lette le norme sulla scuola contenute nel dpcm che entra in vigore domani mentre in Campania, già da diverse settimane e fino al 14 novembre, tutte le scuole sono chiuse con il passaggio alla didattica a distanza. Secondo de Magistris, per consentire la scuola in presenza “a Napoli si potrebbero utilizzare spazi all’aperto così come le aule delle scuole superiori che sono chiuse. Organizzando insieme si potrebbe garantire soprattutto ai più piccoli, per cui è molto difficile se non impossibile la didattica a distanza, la scuola in presenza”.

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

8 COMMENTI

  1. Scusate ma sull’articolo precedente si diceva preoccupato perché la Campania stava donando zona rossa e dopo un’ora vuole riaprire le scuole, ma non stanno bene proprio allora

  2. Come giustamente sostiene De Luca è una nullità… nulla ha fatto per Napoli ed ora si permette di parlare delle scuole senza neanche verificare i dati del contagio nella popolazione 0-18 anni. Pura demagogia e qualunquismo! Teniamoci stretti De Luca che è l’unico a prendere decisioni sulla base dell’effettivo contagio e sempre prima degli altri!

  3. Sta cosa inutile! Appena cadono quattro gocce d’acqua chiude le scuole di Napoli. Taci che è meglio!

  4. Al di là che le regioni possono prendere misure più restrittive….ma con un aumento spaventoso dei contagi, di sintomatici e anche di terapie intensive, pensi che sia il caso di aprire le scuole?

  5. A Napoli si potrebbero utilizzare spazi all’aperto?? A dicembre?? Se non ci ammaliamo di Covid sicuramente di polmonite! Forse non si è compreso che gli alunni portano nella scuola “sicura” eventuali contagi e così alterniamo una settimana a scuola e 14 gg di quarantena se tutto va bene a casa!…

  6. Aprirei prima e seconda elementare, prima media, primo e terzo anno delle superiori.
    Quindi niente affollamento. I piccoli delle elementari di sicuro non prendo mezzi pubblici.
    Negare a qst classi la presenza significa sacrificarle la loro istruzione. Qst classi sono il pilastro con cui affrontare le classi successive del ciclo di studi.
    Tutti gli altri in DAD fino a quando ci vorrà.
    Tutto qui… niente di eccezionale!! Credo sia una proposta di buon senso

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.