Persone mai infettate da covid hanno anticorpi contro il nuovo coronavirus

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
Alcuni anticorpi, prodotti dal sistema immunitario in seguito all’infezione da comuni coronavirus del raffreddore, sono in grado di riconoscere il nuovo coronavirus Sars-Cov-2. Lo hanno scoperto i ricercatori del Fracis Crick Institute e dell’University College di Londra analizzando oltre 300 campioni ematici raccolti prima della pandemia di Covid-19, tra il 2011 e il 2018, dunque prima che il patogeno comparso per la prima volta in Cina alla fine del 2019 si diffondesse a livello globale. Una scoperta che potrebbe essere particolarmente promettente nello sviluppo di un vaccino universale, dunque in grado di proteggere sia dall’infezione da Sars-Cov-2 sia da futuri altri coronavirus.

Persone mai infettate da Sars-Cov-2 hanno anticorpi contro il nuovo coronavirus
Nel loro studio, pubblicato sulla rivista Science, gli studiosi hanno osservato che questi anticorpi appartengono alla classe delle immunoglobuline IgG e sono diretti contro la subunità S2 della proteina Spike presente sulla superficie di Sars-Cov-2. “La proteina Spike del nuovo coronavirus – spiega George Kassiotis, autore senior dello studio a capo del gruppo di ricercatori del Laboratorio di Immunologie retrovirale del Crick Francis Institute – è costituita da due subunità. La subunità S1 consente al virus di legare le cellule ed è relativamente diversa tra i coronavirus. La subunità S2 permette invece al virus di penetrare all’interno della cellula ospite ed è molto più simile tra i comuni coronavirus e Sars-Cov-2. Ed è per questo che alcuni anticorpi agiscono contro entrambi”. In precedenza, aggiungono i ricercatori, si pensava che solo gli anticorpi anti-S1 potessero bloccare l’infezione da Sars-Cov-2 mentre adesso “ci sono buone prove che alcuni anticorpi anti-S2 possano essere altrettanto efficaci”.

Gli studiosi sono arrivati a questa conclusione mentre stavano sviluppando test antigenici altamente sensibili per Covid-19. Per valutare la performance di questi test, hanno confrontato la capacità diagnostica in campioni ematici provenienti da pazienti positivi al nuovo coronavirus rispetto a quelli raccolti da soggetti negativi e che non avevano mai contratto l’infezione: nonostante alcune persone non fossero mai state esposte a Sars-Cov-2, nel loro sangue erano presenti anticorpi in grado di riconoscere il patogeno. In particolare, i ricercatori hanno osservato che queste immunoglobuline erano presenti principalmente nei campioni ematici ottenuti da bambini e adolescenti, probabilmente sviluppati in risposta all’esposizione ad altri coronavirus che causano i comuni raffreddori e che hanno somiglianze strutturali con Sars-Cov-2.

“Questi anticorpi cross-reattivi sono stati trovati molto più frequentemente nei campioni di sangue prelevati da bambini e ragazzi di età compresa tra i 6 e i 16 anni, probabilmente perché sono esposti più regolarmente ad altri coronavirus” hanno rilevato gli studiosi, suggerendo che “questi livelli più elevati potrebbero aiutare a fornire una possibile spiegazione al perché hanno meno probabilità di sviluppare forme gravi di Covid-19”.

Tuttavia, puntualizzano, non ci sono ancora prove sufficienti per poter affermare che questi anticorpi siano in grado di proteggere dall’infezione o dalla trasmissione di Sars-Cov-2. “È importante sottolineare che ci sono ancora molte incognite che richiedono ulteriori indagini. Ad esempio, come viene esattamente modificata l’immunità a un coronavirus dall’esposizione a un altro? Oppure, perché questa attività diminuisce con l’età? Non è il caso – ha concluso Kassiotis – che le persone che hanno recentemente avuto un raffreddore pensino di essere immuni a Covid-19”.

Fonte fanpage.it

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.