Contagi, sei Regioni in bilico. Oggi il verdetto: Campania a rischio zona arancione

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
6
Stampa
Contagi Covid, oggi il verdetto: sei Regioni in bilico tra il giallo e l’arancione. Si tratta – come riporta il sito web repubblica.it – di Veneto, Liguria, Emilia, Toscana, Umbria e Campania: sono a rischio cambio zona. L’Alto Adige anticipa i tempi e si proclama da solo zona rossa. L’Ordine dei medici invoca subito il lockdown in tutto il Paese.

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

6 COMMENTI

  1. Fate la provincia di Napoli zona rossa…il problema sta lì…perché noi dobbiamo subire a causa loro???

  2. I problemi grossi sono a Napoli e provincia e a Caserta e provincia! Queste sono le aree da dichiarare non arancioni, ma rosse.

  3. sono d’accordo con anonimo. Nella prima ondata tutta l’Italia ha dovuto subire la pandemia scatenatasi nel nord. Adesso l’intera Campania deve subire la situazione fuori controllo di Napoli. E i napoletani hanno anche avuto il coraggio di protestare quel famoso venerdì notte.

  4. Il Paradosso è che a pochi km di distanza, da una parte c’era la fila al Cotugno con scene drammatiche di persone “ossigenate” in auto (con somma gratificazione di giornalisti e media nazionali che non vedono l’ora di fare lo scoop e decretare i campani “i soliti inferiori”), dall’altra, sul lungomare Caracciolo la gente trangugiava cocktail e “si godeva” uno addosso all’altro, la giornata di sole.
    Tutto ciò grazie al sindaco De Magistris, un personaggio pericoloso che sta provando a spaccare l’opinione pubblica ed ad arruffianarsi i commercianti e popolino in vista della scadenza del suo secondo mandato da sindaco.
    Costui ha bisogno della ribalta e di trovarsi una collocazione politica perchè presto sarà disoccupato (non essendo neanche più Magistrato). La sua strategia? Obbligare Del Luca a far chiudere tutto al fine di cavalcare il già forte malcontento.
    De Luca con queste premesse è tutt’ora in difficoltà a Napoli e ha chiesto al Governo di far decretare un lockdown nazionale, rispedito al mittente da Speranza.
    Se province “gialle” quali Avellino, Benevento e Salerno saranno costrette a diventare rosse, sappiate di chi saranno la responsabilità, anche se fra qualche settimana, data la velocità del contagio, non avrà più senso trovarne l’origine: L’Agro nocerino sarnese, data la sua vicinanza alla provincia di Napoli sta via via diventando rosso e la pandemia entra a Salerno dalla valle dell’Irno.

  5. Fanno zona rossa Napoli, così ce li ritroviamo tutti qui a Salerno poi. Sarebbe veramente una cosa stupida. Lockdown inevitabile purtroppo.

  6. chi tene a panza chien a fine mese parla facile di lockdown tanto u stipendio ci arriva,ma il governo dovrebbe penalizzare anche chi ha lo stipendio sicuro non e’ detto che la crisi siano sempre gli stessi a pagarla lo dice anche massimo caciarri cosi’ vediamo se parlano ancora di lockdown.

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.