Campania resta “zona gialla”: ipotesi mini lockdown Napoli e Caserta

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
10
Stampa
La Campania resta nell’area gialla”. In serata è arrivata la decisione dalla cabina di regia di confermare la Regione nella zona a rischio più basso. Lo scrive IlRiformista.it. Gli esperti oggi si sono riuniti per esaminare il caso Campania: dopo avere inviato tecnici del ministero della Salute per una ricognizione più precisa sui dati sull’epidemia di Covid-19, la cabina di regia dovrebbe confermare la Campania nell’area gialla, quella con rischio moderato.

Al ministero della Salute, al Viminale e al governatore De Luca, adesso, il compito di elaborare misure di controllo più restrittive, da mini lockdown territoriali a zone rosse. Tra i comuni più in difficoltà ci sarebbero Castellammare di Stabia e Giugliano. Sui media da ore rimbalza anche l’ipotesi che anche le aree di Napoli e Caserta possano entrare in Zona Rossa.

Un’eventualità possibile dalla collaborazione tra esecutivo e Regione. Se da Roma si può decidere per l’assegnazione nella fascia di rischio intermedio, a Palazzo Santa Lucia si può decidere di chiudere – non tutto: si tratterebbe di restrizioni più severe, al limite del lockdown – aree dove la situazione epidemiologica è più problematica. Un combinato disposto che potrebbe quindi rendere meno scontenti tutti, a livello sia nazionale che locale, anche se il governatore propone da settimane la chiusura di tutto il Paese.

L’ordinanza. Allo scopo di contrastare e contenere il diffondersi del virus responsabile di Covid-19 il ministro della Salute, Roberto Speranza, sentiti i Presidenti delle Regioni interessate, ha firmato l’Ordinanza che individua le Regioni che in base all’analisi dei dati epidemiologici sulla diffusione dell’epidemia e agli scenari di rischio certificati nel report dell’Istituto superiore di sanità, passano dall’area gialla a quella arancione e rossa (rischio alto, livello 3 l’area arancione;  rischio alto, livello 4 l’area rossa). Le misure previste dall’Ordinanza entrano in vigore l’11 novembre 2020.

Nello specifico in base alla nuova Ordinanza entrano nell’area arancione le regioni Abruzzo, Basilicata, Liguria, Toscana, Umbria, entra nell’area rossa la Provincia Autonoma di Bolzano.

Complessivamente, quindi, la ripartizione delle Regioni nelle diverse aree è attualmente la seguente:

  • area gialla: Campania, Emilia Romagna, Friuli Venezia Giulia, Lazio, Marche, Molise, Provincia autonoma di Trento, Sardegna, Veneto
  • area arancione: Abruzzo, Basilicata, Liguria, Puglia, Sicilia, Toscana, Umbria
  • area rossa: Calabria, Lombardia, Piemonte, Valle d’Aosta, Provincia Autonoma di Bolzano.
Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

10 COMMENTI

  1. Emilia Romagna, Friuli e Veneto hanno scelto restrizioni più drastiche rispetto a quelle delineate dal governo e la Campania che fa’? DORME… in attesa di cosa? Booooh

  2. Se de Luca prende misure più restrittive lo riempite di improperi… Mettetevi d’accordo col cervello, se lo avete…

  3. Papino il grande bluff fumo con la manovella fumo la pipa fumo di londra fumo di tutto e di più mi fuma la testa…papino dormi con la zizza in bocca…beato te ,magari potessi farlo io che è una vita che non ci riesco e resto qui a dire eco…balle

  4. Non Siete contenti vero piccoli stipendiati con 27 assicurato mentre io sudo allo studio di papà…allora sono asintomatici come dico io? Corro corro che è tardi e la mia signora non mi fa entrare a casa

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.