Bozza Manovra: blocco licenziamenti, Cig in deroga fino a giugno. Fondi per Reddito cittadinanza

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
Arriva una prima bozza dell’articolato della maxi-Manovra per il 2021. Il testo, non ancora definitivo, prevede infatti 243 articoli, suddivisi in 21 capitoli: dal rinnovo della cassa integrazione, al fondo per la proroga delle misure di sostegno per le imprese, passando per il blocco ai licenziamenti fino al 31 marzo alla proroga del congedo di paternità fino al 2021. Il valore degli interventi arriva a 37,9 miliardi.

Il testo è atteso in commissione Bilancio della Camera “speriamo lunedì sera”, riferiscono fonti parlamentari. I tempi sono molto stretti per l’esame del provvedimento.

 

Cinque miliardi per la Cig, in deroga fino a giugno. Nella bozza della Manovrasi prevede lo stanziamento di altri 5,3 miliardi di euro per rifinanziare dodici settimane di cassa integrazione nel 2021 alle aziende che siano in difficoltà a causa dell’emergenza Covid. Le dodici settimane devono essere collocate tra il primo gennaio 2021 e il 31 marzo 2021 per i trattamenti di Cassa integrazione ordinaria e tra il primo gennaio 2021 e il 30 giugno 2021 per la Cig in deroga. Ai datori di lavoro privati, con esclusione del settore agricolo, che non richiedono la cig è riconosciuto l’esonero dal versamento dei contributi previdenziali a loro carico per un ulteriore periodo massimo di otto settimane fruibili entro il 31 marzo 2021.

 

Blocco licenziamenti fino al 31 marzoLa legge di Bilancio conferma il blocco dei licenziamenti fino al 31 marzo 2021. La misura vale indipendentemente dal numero di dipendenti dell’azienda.

 

Più fondi per il Reddito di cittadinanza nel 2021-2029Aumentano per gli anni dal 2021 al 2029 i fondi destinati al Reddito di cittadinanza. “L’autorizzazione  è incrementata di 196,3 milioni di euro per l’anno 2021, 473,7 milioni di euro per l’anno 2022, 474,1 milioni di euro per l’anno 2023, 474,6 milioni di euro per l’anno 2024, 475,5 milioni di euro per l’anno 2025, 476,2 milioni di euro per l’anno 2026, 476,7 milioni di euro per l’anno 2027, 477,5 milioni di euro per l’anno 2028 e 477,3 milioni di euro annui a decorrere dall’anno 2029”.

 

Tre miliardi per l’assegno unico nel 2021Per l’assegno unico sono stanziati 3 miliardi aggiuntivi nel 2021. L’articolo 2 del testo prevede che arrivino 3.012,1 milioni di euro per l’anno 2021 e 5.500 milioni di euro annui a decorrere dal 2022.

 

Quattro miliardi per fondo anti-Covid nel 2021Viene inoltre confermata l’istituzione di un fondo ad hoc dal valore di quattro miliardi nel 2021 per finanziare le misure anti-Covid. Lo scopo è quello di “consentire il tempestivo adeguamento degli interventi di sostegno alle attività produttive”.

 

Quattro miliardi per la riforma del fisco dal 2022 Al fine di dare attuazione a interventi in materia di riforma del sistema fiscale, nello stato di previsione del ministero dell’Economia e delle Finanze viene istituito un Fondo con una dotazione di 2.500 milioni di euro per l’anno 2022 e 1.500 milioni di euro a decorrere dall’anno 2023. Viene anche istituito “un fondo denominato Fondo per la fedeltà fiscale cui è destinato, a decorrere dal 2022 l’ammontare di risorse che si stimano come maggiori entrate permanenti derivanti dal miglioramento dell’adempimento spontaneo”.

 

Lotteria scontrini solo con pagamenti elettroniciLa lotteria degli scontrini sarà solo per i pagamenti elettronici. La modifica, si legge nella relazione illustrativa, è disposta “in modo da assicurare le conseguenti sinergie con altre iniziative poste in essere per incentivare l’utilizzo di strumenti di pagamento elettronici all’ interno del Piano Italia Cashless”.

 

Sette giorni congedo di paternità anche nel 2021 Come previsto nella bozza alla Manovra “sarà prorogato il congedo di paternità di 7 giorni anche per il 2021”

 

350 milioni per aumentare i bus per gli studenti Sono in arrivo 350 milioni per potenziare i servizi di trasporto scolastico di Comuni e Regioni. Nella bozza della Manovra si prevede infatti lo stanziamento di 200 milioni per aumentare i bus per gli studenti e di altri 150 per consentire agli scuolabus di effettuare il servizio rispettando le norme anti-Covid. La bozza della legge di bilancio prevede inoltre la “proroga per il congedo di paternità di sette giorni anche per il 2021”.

 

Il bonus bebè resta per i nati nel 2021 Il bonus bebè resta in vigore nonostante l’arrivo a partire da luglio dell’assegno unico. Il bonus (calcolato in base all’Isee e per un importo minimo di 960 euro annui) verrà riconosciuto a tutti i bambini nati o adottati da primo gennaio al 31 dicembre 2021. L’onere è valutato in 340 milioni di euro per il 2021 e in 400 milioni di euro per il 2022.

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.