Campania zona rossa, cosa si può fare e cosa no: chiusi negozi e locali

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
31
Stampa
Il Ministro della Salute Roberto Speranza firmerà in serata una nuova ordinanza che andrà in vigore a partire da domenica 15 Novembre. Passano in area rossa le regioni Campania e Toscana. Passano in area arancione le regioni Emilia Romagna, Friuli Venezia Giulia e Marche.

Oggi in Campania ci sono 3900 nuovi contagi su 25mila tamponi. La percentuale è del 16,5%. «Devo dire che da 3-4 giorni la percentuale di positivi sui tamponi scende leggermente. Speriamo che sia una tendenza» ha dichiarato il governatore.

Ecco le misure e i divieti che scattano dopo la firma dell’ordinanza che inserisce la Regione nella fascia rossa.

1 – Quanto durano le misure?
Ogni ordinanza ha valore di 15 giorni.

2 – Se sono residente in una Regione in fascia rossa, posso uscire?
Ci si può muovere soltanto per «comprovate esigenze» dunque motivi di lavoro, salute e emergenze.

3 – Se devo andare in una Regione in fascia rossa, posso entrare?
Si può andare ma soltanto se si hanno «comprovate esigenze» dunque motivi di lavoro, salute e emergenze.

4 – Devo avere l’autocertificazione?
È stata la circolare del Viminale a chiarire che il modulo va compilato con le proprie generalità e il motivo dello spostamento e consegnato in caso di controllo.

5 – Se vado da una persona che ha un’emergenza devo giustificarlo?
Sì, perché rientra nelle «comprovate esigenze» ma non si deve indicare il nominativo delle persona da cui si va per motivi di privacy.

6 – Per andare in una Regione in fascia gialla posso attraversare una Regione in fascia rossa?
Sì, «il transito sui territori è consentito qualora necessario a raggiungere ulteriori territori non soggetti a restrizioni negli spostamenti o nei casi in cui gli spostamenti sono consentiti».

7 – Se sono residente in una Regione in fascia rossa posso uscire dal mio Comune?
No, è vietato ogni spostamento con mezzi di trasporto pubblici o privati, all’interno del territorio salvo che per «comprovate esigenze» dunque motivi lavoro, studio, salute».

8 – Posso accompagnare un figlio a scuola?
Sì, sono «consentiti gli spostamenti strettamente necessari ad assicurare lo svolgimento della didattica in presenza nei limiti in cui la stessa è consentita».

9- Quali scuole sono aperte?
I nidi, le scuole per l’infanzia, le elementari e le prime medie. Possono seguire lezioni in presenza anche gli alunni con disabilità e con bisogni educativi speciali».

10 – I laboratori scolastici sono aperti?
Sì, per questo «è consentita la possibilità di svolgere attività in presenza».

12 – Posso andare nei negozi?
No, sono chiusi tutti i negozi al dettaglio. Rimangono aperti i rivenditori di generi alimentari, le farmacie, le parafarmacie, i tabaccai, le edicole.

13 – Quali sono gli altri negozi aperti?
Lavanderie, ferramenta, ottici, fiorai, librerie, cartolerie, informatica, abbigliamento per bambini, giocattolai, profumerie, pompe funebri, distributori automatici.

14 – Posso andare nei centri commerciali?
No, sono chiusi. All’interno possono essere aperti gli alimentari, le farmacie, le parafarmacie, i tabaccai.

15 – Posso andare al mercato?
No i mercati sono chiusi, «salvo le attività dirette alla vendita di soli generi alimentari».

16 – Posso andare dal parrucchiere?
Sì, i parrucchieri e i barbieri sono aperti.

17 – Posso andare in un centro estetico?
No, centri estetici e centri massaggi sono chiusi.

18 – Posso andare al bar o al ristorante?
No «sono sospese le attività dei servizi di ristorazione – bar, pub, ristoranti, gelaterie, pasticcerie – ad esclusione delle mense e del catering continuativo».

19 – Posso ordinare cibo a domicilio?
Si, è sempre consentito ordinare cibo e bevande e domicilio.

20 – Posso comprare cibo o bevande da asporto?
Sì, ma solo fino alle 22, e con divieto di consumazione sul posto o nelle adiacenze del locale.

21 – Posso andare nei centri sportivi?
No l’attività è sospesa anche in quelli all’aperto.

22 – Come posso fare sport?
L’attività sportiva è consentita «esclusivamente all’aperto e in forma individuale». Sono consentite soltanto le competizioni di livello nazionale.

23 – Posso fare jogging?
Si, si può andare correre.

24- Si può andare in bici?
Sì perché rientra nell’attività sportiva.

25- Posso fare una passeggiata?
Sì, ma si tratta di “attività motoria” e dunque è consentita soltanto da soli e «in prossimità della propria abitazione».

26 – Se faccio una passeggiata devo indossare la mascherina?
Nel Dpcm è scritto che si può svolgere attività motoria «purché comunque nel rispetto della distanza di almeno un metro da ogni altra persona e con obbligo di utilizzo di dispositivi di protezione delle vie respiratorie»

 

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

31 COMMENTI

  1. E rieccoci punto e a capo, ringraziamo i negazionisti del cazzo che cosi duramente hanno lavorato per questo risultato, quelli che “il virus è clinicamente morto”, quelli che “sono asintomatici”, quelli che “ma avevano malattie pregresse”, quelli che ogni cazzata è buona per un po di sciacallaggio politico, ma si, parlo dei soliti stronzi.

  2. Cioè noi di Salerno dobbiamo pagare per i menefreghisti di Napoli e Caserta, ma quando ci sarà una scissione da Napoli? Perché non fare un referendum per dividerci da Napoli?

  3. … fate i CITTADINI e smettetela di fare differenze,…‼️ Quando, i “signori del norde” ci denigrano…. tutti compatti e poi ci denigriamo tra noi‼️ LA COLPA È DELLE ISTITUZIONI, LA COLPA È DELLA “PSEUDO-POLITICA” DELLA NS. REGIONE, LA COLPA È DELLE AUTORITÀ CHE NON CONTROLLANO, LA COLPA È CHE IN QUESTA REGIONE ED IN ITALIA CHI COMANDA È LA CRIMINALITÀ… DIVERSAMENTE, NON SI CAPISCE IL PERCHÉ DI TANTA APPROSSIMAZIONE….

  4. Negazionisti o meno, cosa avrebbe dovuto fare la gente, visti i servizi attivati dallo stato? Risposte ai tamponi in 15 giorni (2 massimo 3 dai privati), medici di famiglia che imperterriti continuano a non fare niente, nessun servizio a chi è in quarantena, magari malato, venite a casa mia in Toscana e vi faccio capire. A dei buffoni simili, DeLuca in prima linea, chi avrebbe potuto dare retta. Chiudi e richiudo, ma quali servizi dai. Questo stato di maledetti loffari e dirigenti dove il lavorare non conta ormai più niente, solo l’apparire e farsi belli, in culo a tutti. Uno stato non può affidarsi alla sola solidarietà, incamerare migliaia di miliardi di tasse per sperperarli in stipendi e pensioni d’oro, sprechi assurdi, enti inutili, aiuti a pioggia che finiscono tutti nelle tasche dei soliti ladri. BASTAAAAAAA

  5. a caserta e napoli ci sono emergenze e a Salerno dovremo pagare anche noi con le chiusure è assurdo

  6. De Luca Presidente a vita! Finalmente uno con le palle!!! Il problema vero non è il virus, ma quegli inetti di PD e 5 Stalle che, purtroppo, in Campania, hanno tanto, troppo, consenso.

  7. siete ridicoli quando parlate di divisione tra salernoNapoli e caserta ma voi siete nella stessa barca siete campani e dovreste essere fieri di esserlo e non sputare nello stesso piatto ! solo la gente di salerno può fare questi discorsi ma voi già siete soli

  8. Ma voi non avete capito chi avete come presidente della regione? Vi insulta dice cazzate e ancora lo sostenete roba dell’altro mondo vi credevo +inteliggenti

  9. I servizi utili alla persona restano aperti si può fare attività fisica e un artigiano non può lavorare però puoi andare dal barbiere e parrucchiere ,insomma chi uole uscire basta dire che si va dal barbiere io non capisco questi esperti del covid da dove le prendono queste strane idee bha

  10. Caro Enzo hai ragione. Sono di Napoli ma posso assicurarti che quei menefreghisti sono una minima parte di Napoli. Noi altri siamo i primi a criticarli

  11. La maggioranza dei Napoletani condannano i menefreghisti di cui parli tu Enzo. Siamo i primi a dissociarci Caserta, Napoli, Salerno….Siamo tutti campani e tutti italiani . Un saluto

  12. La maggioranza dei Napoletani condanna il menefreghismo di cui parli tu Enzo. Siamo i primi a dissociarci Caserta, Napoli, Salerno….Siamo tutti campani e tutti italiani . Un saluto

  13. Pensiamo alla risoluzione del problema non a dare colpe inutili a governo e istituzioni e forze dell’ordine.Siamo noi che dobbiamo avere buon senso e rispettare i DPCM che sono stati dati in precedenza.
    Il problema e che siamo un gregge di pecore e deve esserci sempre il pastore per metterle in fila.

  14. Cia ragione c’è ancora gente crede che tutto ma stronzata questo virus e io o litigato su questo x che mi trovavo in una tabaccheria a comprare cartine e entrato un ragazzo con la mascherina abasata e odeto al ragazzo alzati la mascherina e lui mi a risposto e tutt na struzat e poi ecc..

  15. Non bastava la discriminazione nord e sud,ora ci combattiamo tra di noi,finirà che si dichiari guerra al quartiere vicino per qualche caso di covid in più.

  16. Ma se nel contagio conteggiato anche gli asintomatici spero che qualcuno capisca la parola per forza siamo in zona rossa.

  17. Ciao, se il popolo non capirà che questa è una punizione divina non finirà mai, ormai sulla terra regna Satana, le nostre città, regioni,paesi ormai sono come le foreste con animali selvatici,a loro e permesso per sopravvivere si sbramano per cibarsi, a noi non è permesso perché il nostro signore ci ha dato intelligenza, e civilizzazione, ma visto i comportamenti :siamo bestie assassine peggio degli animali selvatici delle foreste.
    Smettiamola che il signore ci sta punendo, siamo arrivati al quasi culmine. Che dio ci perdoni

  18. Volevo sapere se sto nel mio comune devo camminare con l’autocertificazione per andare a fare la spesa?

  19. Enzo.
    Lo sai perché conoscono Salerno?
    Perche Napoli e i Napoletani sono unici al mondo. Chi è buono si salva. Nn offendere

  20. Parlare parlate parlate senza mai concludere niente. Tutto aperti e con l’esercito. Xrche se no che ce l’abbiamo a fare.

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.