La gentilezza non passa mai di moda, anzi (di Tony Ardito)

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
Il 13 novembre si è celebrata la Giornata Mondiale della Gentilezza. InfoJobs – piattaforma italiana dedicata alla ricerca di lavoro online – ha realizzato una indagine sulla gentilezza al lavoro, intervistando 1.953 lavoratori dai 18 anni in su.

Secondo il 64,3% c’è sempre spazio per la gentilezza, anche se un 25,4% crede dipenda da contesto, ruolo e settore lavorativo, e un 10,2% invece considera l’ambiente di lavoro troppo competitivo e quindi non adatto ad atteggiamenti gentili. Il 65% degli intervistati la considera un punto di forza; per il 20% è addirittura un elemento imprescindibile.

Per il 6,2% è un’illusione, una debolezza (1,5%), o una tattica per trarne vantaggi (7,4%). Il 41% dichiara di avere un leader gentile, per il quale fare squadra e gentilezza sono elementi chiave onde ottenere risultati, mentre per il 41,5% il proprio capo non considera la gentilezza un elemento importante e addirittura il 17,5% ha un superiore che premia un clima rigoroso, credendolo più funzionale.

Il supporto nelle difficoltà o nella distribuzione dei carichi di lavoro (61%) è la principale manifestazione di gentilezza tra colleghi, seguita dalla condivisione di successi e fallimenti (20%).

Seguono a grande distanza l’ascolto, l’essere presenti e disponibili verso i colleghi per evitare che i problemi personali interferiscano nel lavoro (9%) o ancora piccole attenzioni quotidiane come offrire un caffè (10%).

La pandemia ha reso tutti più buoni, infatti gran parte degli intervistati conferma di aver compiuto negli ultimi sei mesi gesti gentili nella quotidianità, in primis verso i colleghi (63,5%), ma anche nei confronti del capo (7,4%).

Alcuni però hanno subìto maggiormente la pressione, dichiarando di non avere fatto gesti gentili, per la perdita di empatia (26%) perlopiù dovuta alla riduzione delle occasioni di socialità e di incontro.

Il 24% afferma di lavorare in un ambiente nel quale la gentilezza è promossa attivamente con attività di team building o iniziative volte alla socialità tra colleghi, per il 26,1% invece viene incentivata ma solo a parole, per il 32,6% la propria azienda non la considera importante e infine per il 17,3% viene demandata al singolo.

In merito alle future aspettative nei confronti della propria azienda, il 36,1% sostiene che la gentilezza sarà una consapevolezza sempre più acquisita: quanto più il lavoratore si sentirà apprezzato, tanto più alta sarà la sua dedizione al lavoro e di conseguenza la sua produttività.

Più pessimista la maggioranza del campione: il 18,2% pensa che se si troverà spazio per la gentilezza, sarà puramente per una questione di apparenza e reputazione; mentre per il 45,7% la propria azienda continuerà a sostenere un clima rigoroso e competitivo, perché visto come più utile alla produttività.

Al di là di numeri, statistiche o dei contesti nei quali ci ritroviamo, la gentilezza ci aiuta e migliora sempre; da essa sì che val la pena lasciarsi contagiare.

di Tony Ardito

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.