“Sciacallaggio mediatico”: Regione Campania denuncia trasmissione Tv

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
16
Stampa
“Nel corso di una trasmissione televisiva di una rete nazionale andata in onda ieri sera, si è consumato un ulteriore atto di sciacallaggio mediatico”. E’ quanto si legge in una nota dell’Unità di Crisi della Regione Campania che ha rilevato i seguenti dati completamente falsi, in relazione ai quali, è stato dato mandato all’Ufficio legale di sporgere denuncia.

❌ Falso il numero di terapie intensive

Il numero di 621 posti letto di terapia intensiva a cui si fa riferimento alla data del gennaio 2019, è relativo al numero di posti letto programmati con Decreto Commissariale n. 103 del 2018 relativo al “Piano Regionale di programmazione della rete ospedaliera ai sensi del D.M. 70/2015”. Si trattava quindi di posti letto da realizzare e non “esistenti” come si è voluto far credere.

Infatti, come si è più volte ribadito la dotazione di posti letto di terapia intensiva era:
– a febbraio 2020: posti letto di terapia intensiva 335
– a novembre 2020: posti letto di terapia intensiva 656

Si aggiunge che la previsione del piano del DCA è stata totalmente superata a luglio del 2020 con il nuovo piano di potenziamento dei posti letto di terapia intensiva e sub intensiva finanziato ai sensi del DL 34/2020 che prevede la realizzazione di 834 posti letto di terapia intensiva.

Si ribadisce che ad oggi la Regione Campania ha pienamente funzionali 656 posti letto a supporto della intera rete ospedaliera COVID e NON COVID, che si sono già completati i lavori edili per circa altri 70 posti letto e che potranno essere attivati non appena sarà potenziata la dotazione di personale medico specialistico. È stato quindi realizzato e attuato più del 80% del piano di potenziamento di posti letto di terapia intensiva previsto con la DGR 378 a luglio 2020.

❌ False le cifre mostrate per la realizzazione dei posti letto

Per la realizzazione dei nuovi posti letto, nessun rimborso è arrivato alla Regione che ha anticipato completamente le risorse dall’inizio dell’emergenza. Si precisa infatti che i 163 milioni di euro, relativi al finanziamento del piano di potenziamento dei posti letto di terapia intensiva e sub intensiva ex art. 2 del DL 34/2020 (cd. Piano del Commissario Arcuri), non sono mai arrivati nelle casse regionali. Ciononostante, la regione Campania e le aziende sanitarie hanno anticipato con fondi propri per finanziare la realizzazione degli interventi per il potenziamento dei posti letto ormai in stato avanzato di completamento.

❌ False le notizie sul bollettino informativo

Come già più volte ribadito, il bollettino della Regione Campania è un Bollettino COVID, ed è così costituito:
– Posti letto di terapia intensiva disponibili: 656, ovvero il complessivo dei posti letto di terapia intensiva disponibili per la rete ospedaliera COVID e NON COVID (tra questi la rete della emergenza urgenza) ed è implementato ogni qualvolta che si attiva un posto letto dotato di personale, sulla base dell’avanzamento dei lavori e delle attrezzature pervenute dal Commissario.
– Posti letto di terapia intensiva occupati Covid: il numero è variabile giornalmente e fa riferimento ai posti letto occupati dai pazienti Covid nella giornata.

L’occupazione dei posti, la loro disponibilità, il nuovo utilizzo viene giornalmente definito dalle aziende sulla base della esigenza e sulle urgenze che si manifestano.

❌ Falsi i dati sugli ospedali modulari

Si parla di un Ospedale modulare a MADDALONI che non esiste. L’ospedale modulare a CASERTA è attivo e ad oggi ha in utilizzo 14 Posti letto. L’ospedale modulare a SALERNO è attivo e ad oggi ha in utilizzo 8 Posti letto. L’ospedale modulare a NAPOLI è attivo e ad oggi ha in utilizzo 32 Posti letto. Tutti gli ospedali “modulari” contano 120 posti, tutti pronti e disponibili. Non c’è al momento una emergenza terapie intensive in Campania.

❌ False le cifre (citati 246 milioni) sulle risorse arrivate in Campania

Dall’inizio dell’emergenza, con i provvedimenti DL 14, poi assorbito dal DL 18, e poi con il DL 34, la Regione ha ricevuto: 131 milioni per le diverse linee di azione previste dai DDLL 14 e 18 (assunzione di personale; specializzandi; prestazioni aggiuntive; lavoro straordinario; integrazione del budget strutture private). La Regione ha distribuito alle aziende sanitarie tali risorse chiedendo apposite rendicontazioni;

Rispetto invece a quanto previsto dal DL 34/2020, la Regione ha avuto 115 mln per le linee di azioni previste per l’assistenza territoriale (Usca; cure domiciliari; infermieri di comunità; etc.) e per gli incentivi e le altre assunzioni per l’attività ospedaliera; anche in questo caso, le aziende sanitarie hanno già anticipato in buona parte le relative spese che via via la regione sta provvedendo a ristorare.

Per quanto riguarda, infine, le risorse previste dal DL 104/2020, ad oggi non è ancora stato accreditato nulla.

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

16 COMMENTI

  1. Tra poco denuncio io Asl e regione perché il centro vaccini pediatrici è chiuso da 15 giorni e nessuno risponde e si attiva !
    Vergogna

  2. Nn avendo niente da fare ci mettiamo a fare i cretini in tv e spensiamo soldi per cause che già si sa come vanno a finire . Ma andatevene a f…..

  3. Vabbè ma basta vedere gli ospiti sempre presenti di quella trasmissione per capire chi è il padrone del conduttore (parola grossa)

  4. ma che sciacallaggio!! è lui che dice palle e fesserie!!!! in 6 e dico SEI mesi non ha fatto nulla in previsione della seconda ondata, in tutti i settori!!!!!!!!

  5. Papino Il grande bluff fumo con la manovella fumo di Londra sono tutto fumato che non ce la faccio più, Giletti Perché fai sciacallaggio sulla Campania la ragione per per la quale lavoro che mi costringe a veder passare davanti alla mia stanza il governatore per altri anni .faccio un altro tiro

  6. Tutto falso…ma perché allora non ha messo la faccia affrontando il contraddittorio da Giletti andando alla 7, nonostante l’invito ;
    ma perché il portavoce del Presidente non ha risposto alle reiterate telefonate fattegli in diretta dal giornalista;
    quando qualcuno sfugge al confronto c’è qualcosa che non quadra, non ci si può confrontare solo con il venditore di gelati dello stadio s. Paolo, mentre se il livello professionale è più alto, si sfugge.
    Il mito è ai titoli di coda se si continua così.

  7. Perché la trasmissione su La7 non ha parlato che la maggior parte sono asintomatici e per colpa loro io mi trovo costretto a correre a casa o sul balcone con mia moglie che mi rompe? Io vado a sudare allo studio di Papa e ho sudato per avere l’attico in centro non come questi stipendiati che vi rompete la schiena nelle fabbriche per quattro soldi

  8. Ecco un esempio di disinformazione i ristori non li da la regione ma il governo e arriveranno direttamente sui conti dei aventi diritto tramite agenzia entrate

  9. Se invece di fare i monologhi a Lira Tv o ultimamente andare da un giornalista compiacente che non fa domande (Fazio) facesse come fanno tutti gli altri politici che accettano il dibattito e l’eventuale contradittorio non ci sarebbe lo ‘sciacallaggio mediatico’. De Luca continuamente minaccia querele e denunce ma non credo che le faccia perché si esporrebbe a controlli rischiosi.

  10. Mi sta venendo il dubbio , qualche anno fà sono stato costretto(per guai familiari) a
    chiudere la mia attività.Vuoi vedere che è stata una fortuna?Perchè con quello che sta
    succedendo di questi tempi ,mi sarei inc….di più.

  11. Per Marcos 2 io pago il canone per vedere Fazio, preferisco Gilletti, il quale correttamente ha invitato De Luca a partecipare alla trasmissione.Ma a lui piacciono i monologhi per questo va da fazio.Ti pare giusto pagare il canone per vedere questi personaggi 100.000 volte meglio la 7

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.