Fonderie Pisano appello alle istituzioni: “Noi pronti ad andare via”

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
5
Stampa
In una lettera indirizzata alle istutizioni regioani e cittadine tra cui Governatore, Presidente della Provincia e Sindaci di Salerno e Buccino la proprietà delle Fonderie Pisano sottolinea ancora una volta la propria volontà a delocalizzare il sito di Fratte.

«Negli ultimi anni la nostra azienda ha subito un attacco mediatico attraverso il quale è stata “accusata” di avere contribuito ala “distruzione” degli equilibri ambientali e, addirittura, di essere la unica fonte inquinante nella Valle dell’Irno – si legge nella nota -».

«Va detto che – anche grazie agli accertamenti promossi dalla Regione Campania – lo studio Spes ha dimostrato che i fattori inquinanti riscontrati nella zona (mercurio e diossine) non fanno parte del ciclo produttivo della nostra Fonderia, in quanto tutte le analisi compiute dagli organi competenti hanno dimostrato che le emissioni di questi due elementi sono particolarmente ridotte».

«Nei giorni scorsi si è concluso il giudizio sulle accuse a noi formulate in seguito a una indagine che ha preso il via nel 2016. Il Tribunale di Salerno ha assolto la nostra azienda da tutti i capi di imputazione “perché il fatto non sussiste”, riscontrando l’assenza di qualsiasi tipologia di reato di inquinamento di aria ed acqua, appurando il pieno rispetto di tutte le norme, e sanzionando la non corretta gestione di una parte dei rifiuti “non pericolosi”».

«La nostra azienda, presente nella zona da oltre centosessanta anni, a questo punto – dopo tutti gli accertamenti compiuti – può continuare a fare attività industriale e apportare ricchezza e valore aggiunto lì dove si trova a operare; ma, invece, intende avviare un programma che prevede una nuova localizzazione del sito».

«Non è la prima volta che torniamo su tale questione che riteniamo fondamentale e decisiva sia per noi, parte imprenditoriale, che per i lavoratori che ci accompagnano nella produzione di ghisa da moltissimi anni».

«La nostra attuale collocazione è in una area industriale che negli anni ha visto espellere tutti i siti produttivi per, poi, essere invasa da insediamenti residenziali,  qualche volta anche in maniera non conforme alle disposizioni legislative».

«Noi, quindi, avendo rispettato tutte le regole ambientali, siamo nelle condizioni di poter continuare ad operare nel sito di Fratte. Ma, poniamo una questione non secondaria. Da molto tempo abbiamo posto al centro dell’attenzione la necessità di procedere verso una nuova localizzazione dello stabilimento di Fratte, vincendo – innanzi al Tar – la causa proposta dal Comune di Buccino, e siamo pronti a entrare nel merito del nuovo stabilimento da noi progettato con la massima attenzione agli aspetti ambientali e produttivi».

«Il punto sul quale discutere e confrontarci è uno solo: siamo pronti  e disponibili – tutti insieme – ad affrontare questa nuova e grande, non più rinviabile, sfida? Noi, sì».

«E’ per tali motivazioni che richiediamo un incontro con Voi nel corso del quale illustrare il progetto nei minimi dettagli, con particolare riferimento agli aspetti tecnici e alle ricadute economiche e occupazionali. Sarà approfondito, ovviamente, da parte nostra ogni tipo di influenza sugli equilibri del contesto ambientale nel quale la struttura produttiva andrà a inserirsi».

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

5 COMMENTI

  1. Cu e sold putit ricr chell ca vulit. Stat a fa o iuoc re tre cart. V putit accatta nu sac e cos mal’onor o rispetto e a Mort no. Lasciar in pace e muort nuostr…..

  2. Ma è mai stata fatta una valutazione dell’inquinamento complessivo dell’area? Perché tra gente che appiccia sterpaglie, autostrada, ingorghi di fratte, scarichi delle aziende dovuti al riscaldamento delle stesse, scarichi delle case e il fatto che quella è una conca poco ventilata, mi pare strano che si sia puntato direttamente su questi come inquinatori. Inoltre, non capisco perché le centraline di rilevamento a salerno si trovino in posti ameni come il parco del mercatello e non a fratte.

  3. premessa : non lavoro alle fonderie pisano detto questo, vorrei capire da una vita che quell’azienda è li e nel corso degli anni avete comprato terreni edificabili a 4 soldi costruendo ville e villette centri commerciali ed altro ancora ma dico io perchèèè??? se sapevate che in quella zona c’è una fabbrica ???
    io denuncerei chi vi ha dato l’acutizzazione notai e altro, personalmente io non mi compro una casa o costruisco parchi dove c’è una fabbrica del genere a voi le conclusioni.

  4. Cioè, se ho interpretato bene il messaggio, vogliono dei soldini per delocalizzare lo stabilimento…….

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.