Codacons denuncia: Tassa rifiuti, 300 euro a famiglia: “Campania più cara”

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
9
Stampa

In Italia la tariffa rifiuti pagata dalle famiglie risulta più elevata nelle regioni dove il servizio è qualitativamente peggiore. Un paradosso assurdo che danneggia due volte gli utenti. Lo afferma il Codacons, commentando lo studio sull’andamento delle tariffe per il servizio di smaltimento dei rifiuti.

“La Campania, con 419 euro annui, si conferma la regione più costosa sul fronte dei rifiuti, ma al tempo stesso è quella dove i cittadini subiscono le più gravi inefficienze nell’erogazione del servizio e dove alcune zone della regione sono sommerse da spazzatura che rimane in strada e non viene raccolta – afferma il presidente Carlo Rienzi – Vergognoso poi il caso di Roma, dove la tariffa nel 2020 è aumentata del +2,9% a fronte di un servizio peggiorato e sempre più inadeguato, e a problemi cronici che l’amministrazione non ha saputo risolvere”.

“I cittadini che pagano la Tari sono così doppiamente danneggiati: pagano di più per avere sempre meno – prosegue Rienzi – Crediamo che il Governo debba intervenire per ripristinare un equilibrio nelle tariffe dei rifiuti che, al momento, appaiono del tutto lesive dei diritti e delle tasche dei consumatori”.

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

9 COMMENTI

  1. Le tariffe dovrebbero essere stabilite per legge nazionale ed i Comuni dovrebbero poi rispondere del rapporto tributo/servizio. E’ giunto il tempo, visti i risultati, anche in tempo di Covid, che lo Stato ritorni centrale nelle decisioni. Lo Stato non è terzo e il governo del Paese è figlio di una volontà popolare e non calato dall’alto. Che si tolgano di mezzo tutte le strutture intermedie che hanno fatto solo debiti e malcostume.

  2. 300 euro a famiglia….!!!??? intanto secondo Rienzi sono 419…
    Forse avete sbagliato qualcosa nel titolo…

  3. ma pagare tanto e avere la citta’ sporca con ritiro spazzatura a giorni alterni e’ solo scandaloso.

  4. Rienzi ha scoperto l’acqua calda ed è pure in difetto rispetto alle tariffe che sono ben più alte.

  5. Un Salasso necessario, per mantenere tutto il baraccone di scansafatiche, che altrimenti, dubito, possano trovare un’altra occupazione se si mettono sul mercato del lavoro, quale imprenditore sensato se li prenderebbe….

  6. è un sistema vessatorio, la tari misurata sui mq dell’abitazione e non sui componenti familiari e un obbrobrio giuridico ma tant’è siamo nelle mani di sperperatori di danaro pubblico che viene fatto pagare ai cittadini che ricevono servizi pessimi. si potevano ridurre le tariffe con i riditemi delle luci d’artista

  7. La Tari è una vera vergogna in Campania, ancora un primato negativo, chi governa questa regione dovrebbe provvedere al più presto

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.