Scuole ancora al palo in Campania, Fortini: “Salute ragazzi ora è priorità”

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
10
Stampa
È da poco terminata un’importante e delicata riunione con l’Unità di Crisi della Regione Campania. Continua la sospensione dell’attività didattica in presenza (dalla seconda classe delle primarie fino alla prima classe della secondaria di primo grado) fino al giorno 7 dicembre.

Siamo ben consapevoli dell’importanza della didattica in presenza per i nostri ragazzi, ma la salute resta sempre la priorità.

Lo dichiara Lucia Fortini assessore alla pubblica istruzione Regione Campania

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

10 COMMENTI

  1. Mi pare che sfugga sempre il nocciolo della questione. Preoccuparsi per la salute dei ragazzi e comprensibile ma inutile, perché per fortuna sono poco o nulla colpiti dal virus. Il problema è che portano il virus in giro come portatori sani, contagiando genitori e nonni, quelli davvero a rischio. Si consenta quindi la didattica a distanza a chi ha familiari anziani o a rischio. E in presenza a chi non ha problemi o ha genitori negazionisti.

  2. La salute ….. anche quella mentale dei bambini dovrebbe essere tutelata!!!! Li state rovinando. Ma vi siete mai posti la
    Domanda perché nel resto del mondo stanno andando a scuola? Perché vogliono sterminare tutti i bambini del pianeta terra???? State facendo solo uno squallido gioco politico che pagherete caro. Tanti tantissimi vostri sostenitori hanno cambiato idea. Ci vedremo alle comunali

  3. se negli altri Paesi sono tornati a scuola è perchè, forse, hanno ministri migliori della Azzolina e della De Micheli

  4. Immagino che nessuno dei commentatori qui sopra abbia in casa genitori anziani o familiari a rischio, vero?

  5. La salute dei bambini va tutelata non possono essere gli unici a pagare per tutti. Per quelli che dicono che portano il virus sono solo fesserie perché il rischio è uguale se non minore di quello che si ha andando al lavoro a fare la spesa dal barbiere o prendere un mezzo pubblico etc. E molto più probabile prendere il virus facendo tutte queste cose che non avere un figlio che va a scuola. Aprite le scuole

  6. Trenta adolescenti chiusi cinque ore nella stessa classe non sono una bomba virale? Allora perché hanno chiuso cinema e teatri, molto meno affollati in termini di densità?

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.