Salerno: l’opera in onore di Sàndor Màrai a Mercatello tra degrado ed abbandono

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
10
Stampa
Non passa certo inosservato ai tanti residenti e non solo lo stato di degrado ed i segnali dell’incuria in cui versa da anni il piedistallo commemorativo di Sàndor Màrai, scrittore molto legato alla città di Salerno a cui nell’ottobre del 2006 dall’allora Sindaco Vincenzo De Luca venne dedicato un busto in suo onore.

L’opera, firmata dallo scultore Gyula Gulyas, fu collocata nei giardini pubblici del Lungomare Colombo poco distante dall’abitazione dove lo scrittore ungherese visse (tra 1968 al 1979) nel periodo dell’esilio forzato e volontario dalla madre patria. Sulla facciata dello stabile di via Trento è stata anche apposta una targa commemorativa a cura del Ministero della Cultura Ungherese.

Nel suo epistolario si contano numerosi riferimenti alla città del piccolo golfo, che egli stesso non esita a definire “casa”. Qualche anno dopo, esattamente a fine dicembre 2009 ignoti rubarono il busto in bronzo e da quel momento l’opera è stata dimenticata da tutti.

Un cittadino ha deciso di scrivere alla nostra redazione per riaccendere l’attenzione sull’opera ormai bistrattata chiedendo un intervento concreto da parte dell’Amministrazione ed in particolar modo dell’Assessore alla Cultura Antonia Willburger.

Ecco la lettera che ci è stata inviata:

 «…Il piedistallo in marmo aveva al tempo dell’inaugurazione dei fiori alla base e sorreggeva una scultura in raffigurante il volto del scrittore. Col tempo, i fiori sono stati scomparsi e la scultura in metallo è stata trafugata, tra il generale disinteresse delle istituzioni. Allo stato attuale, il piedistallo è imbrattato con varie scritte (le prime delle quali sfortunatamente a sostegno di un politico) ed è spesso utilizzato come punto di raccolta  per i sacchi dell’immondizia. Solo avvicinandosi è possibile notare la scritta incisa nel marmo che riproduce la firma dello scrittore e che ne spiega quindi la presenza e la funzione originaria…»

 «Si tende spesso a definire Salerno, sia a livello politico che giornalistico, come “città europea”, riferendosi ovviamente non alla collocazione geografica, ma al rispetto di elevati standard qualitativi, civili e culturali. Penso che una così evidente manifestazione di degrado e disinteresse verso una personalità letteraria molto importante, peraltro in un’area che si affaccia sul mare e quindi di passeggio, dia un’immagine della città e del livello culturale dei suoi abitanti estremamente negativa»

L’APPELLO ALL’ASSESSORE WILLBURGER

« A mio parere però, il livello culturale di una città non si esplicita e migliora solamente tramite mostre e rappresentazioni teatrali, certamente meritevoli, ma anche salvaguardando e proteggendo i monumenti sul territorio e diffondendone quanto più possibile la storia».

«Riportare il piedistallo al suo stato originario, provvedendo all’installazione di una nuova scultura e di telecamere di videosorveglianza per evitare nuovi episodi di furto e vandalismo, costituirebbe un piccolo gesto che dimostrerebbe però l’attenzione concreta che l’amministrazione in generale ed il suo assessorato in particolare mostra verso i suoi simboli culturali e servirebbe anche a riqualificare un’area da ormai troppi anni sprovvista delle benché minime attività di manutenzione e vigilanza».

«Inoltre, questo tipo di iniziativa potrebbe anche contribuire a stringere dei rapporti di collaborazione con le istituzioni culturali ungheresi, dimostrando quindi nel concreto che l’ambizione di essere una “città europea” non è solamente uno slogan elettorale».

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

10 COMMENTI

  1. Ritenete voi che il salernitano medio conosca Sandor Marai? Conosca la sua storia? Abbia mai sentito parlare (non letto!) dei suoi libri? Vi illudete, dunque!

  2. X Ermete Zacconi MENO MALE CHE CI SONO PERSONE DI ALTO LIVELLO COME TE… SIAMO MESSI DAVVERO BENE, VISTO CHE LA GENTE ACCULTURATA E’ INCLINE SEMPRE A DISPREZZARE GLI ALTRI. APPROPOSITO… CON TUTTO IL CUORE. VAFFANCULO. POI VORREI DIRE ALL’ASSESSORE ALLA CULTURA… PENSI A SALERNO E AI VERI PROBLEMI. MA CHI TI CONOSCE?

  3. In realtà il problema è il lungomare intero che versa in uno stato di abbandono e degrado assoluto.

  4. Il fatto che il salernitano medio sia ignorante non giustifica comunque quello schifo e l’indifferenza dell’amministrazione a riguardo.

  5. Cambiate personaggio al busto. Mettete quello che ha perso in quel luogo il sangue, la carne e la vita.

  6. Purtroppo il busto di marai era situato nella zona orientale della citta i nostri assessori e tutte le mestranze si ricordano della zona orientale quando si vota e si pagano le tasse

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.