Il Covid non ferma Oculistica pediatrica al Ruggi: salvata la vista a tanti bambini

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
1
Stampa
L’attuale scenario di pandemia Covid, presentandosi come una sfida globale senza precedenti, ha fatto emergere, tra le molte incertezze caratterizzanti il nostro quotidiano, la certezza della percezione di un sistema sanitario italiano sotto sofferenza e impreparato a far fronte all’epidemia.

In questo contesto arriva, tuttavia, una buona notizia dall’Azienda ospedaliera Universitaria San Giovanni di Dio e Ruggi D’Aragona di Salerno in cui,  nonostante le numerose problematiche, le scelte programmatiche operate dall’ospedale consentono all’ Oftalmologia
Pediatrica di continuare ad offrire un servizio di altissimo livello ponendosi ancora una volta quale forte punto di riferimento territoriale e non solo.

In questo periodo si sono, infatti, registrati  interventi di alta complessità a bambini affetti, per esempio, da cataratta congenita, glaucoma congenito, osservazioni in sedazione per uveiti, sospetti glaucomi, patologie retiniche, traumi con corpi estranei intraoculari ritenuti, patologie  queste che, se non operate da mani esperte e nei tempi giusti, portano
inevitabilmente alla cecità.

Tutto questo è stato possibile grazie a un fronte unito di professionisti: la direzione strategica del Ruggi, il Capo Dipartimento materno-infantile Dott. Ennio Clemente, il
primario della pediatria ospedaliera Dott. Rosario Pacifico, il primario della pediatria universitaria Prof.  Pietro Vairo, la partecipazione della U O C di anestesiologia e rianimazione con il primario Dottor Renato Gammaldi e i suoi validissimi collaboratori
anestesisti pediatrici, dott.ri V. Caterino,I. Cione,S. Palmese, S. Perciato, A. Siglioccolo,D. Sofia.

La sfida attuale, in un panorama pandemico così complesso ed emergenziale, è anche quella di creare una nuova normalità e una nuova credibilità raccontando storie di successo che riescano a restituire dignità alla sanità campana.

E la storia che racconta oggi il Ruggi si inserisce in questa ambiziosa prospettiva con i suoi coraggiosi e attenti meccanismi di gestione e di realizzazione di progetti in
essere.

Questi bambini  rischiavano altrimenti di essere investiti dallo tsunami covid perdendo l’opportunità di una vita normale, rischiando di dover rinunciare a una funzione vitale e prioritaria quale è la vista.

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

1 COMMENTO

  1. E ci mancherebbe altro?!

    perchè mai medici, pagati con i nostri soldi dovrebbero ancora fermarsi con il proprio lavoro?

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.