Covid: Regioni, Dpcm approvato senza confronto

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
“Stupore e rammarico” per il metodo seguito dal governo nell’approvazione dell’ultimo Dpcm vengono espressi dalla Conferenza delle Regioni che sottolinea “l’assenza di un preventivo confronto” con i presidenti. Un metodo, viene fatto notare, che “contrasta con lo spirito di leale collaborazione, sempre perseguito nel corso dell’emergenza, considerato peraltro che la scelta poteva essere anticipata anche nel corso del confronto preventivo svolto solo 48 ore prima”.

Regioni, stupore e rammarico per metodo governo

“Stupore e rammarico” per il metodo con cui il governo ha approvato il decreto che fissa le regole per gli spostamenti a Natale. Lo afferma la Conferenza delle Regioni sottolineando che le “forti limitazioni” imposte a “spostamenti e relazioni sociali” dal 21 dicembre al 6 gennaio “rende di fatto pleonastico il pronunciamento su parti essenziali del Dpcm”. I governatori contestano in particolare il “mancato confronto istituzionale” e sottolineano che nei provvedimenti “non si fa riferimento alcuno” ai ristori promessi dal governo per le attività che saranno sospese.

Regioni, maggiori riserve su stop movimenti tra Comuni

Gli enti locali non sono stati consultati”. Son stati diversi i governatori che, nel corso della Conferenza delle Regioni, hanno sottolineato la mancanza di confronto con il governo per il decreto legge e il successivo dpcm per le regole anti Covid nel periodo delle festività natalizie. Secondo quanto appreso dall’AGI le riserve maggiori dei governatori sono legate alle restrizioni sugli spostamenti sui territori, anche tra Comuni vicini, durante i giorni principali delle festività.

“Una decisione lunare”, aveva commentato in tarda mattinata il governatore della Lombardia, Fontana. Mentre il vice presidente della Conferenza delle Regioni, Giovani Toti, governatore della Liguria, aveva puntato il dito contro il fatto che il parere degli enti locali è stato chiesto dopo la pubblicazione del decreto sulla Gazzetta Ufficiale.

Covid: Regioni, in ultimo dl nessuna norma sui ristori richiesti

Nel decreto legge approvato ieri dal governo “non si fa riferimento alcuno a norme sui ristori economici delle attività che subiscono limitazioni e/o chiusure, piu’ volte richieste dalle Regioni e dalla Province autonome”. E’ quanto afferma la Conferenza delle Regioni in un documento.

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.