Cassonetti fatti esplodere, risse in strada, cortei di motorini in piena notte

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
1
Stampa
Nell’ultimo weekend di zona rossa, nel territorio napoletano vi è stata un’incredibile escalation di violenze ed atti vandalici da parte di baby-gang, come è stato segnalato da diversi cittadini al Consigliere Regionale di Europa Verde Francesco Emilio Borrelli.

Cassonetti fatti saltare in aria, risse in strade, botti illegali, schiamazzi, assembramenti, caos e cortei di scooter in piena notte. È il bilancio del fine settimana nel napoletano.

Alla vigilia del passaggio a zona arancione della Campania, sono i diversi i punti del territorio dove sono state infrante tutte le regole, sono stati soprattutto i più giovani a creare scompiglio nelle strade.

“Signor Borrelli, a piazza Cavour l’altra sera dei ragazzi facevano esplodere botti dalle 16 e hanno pure distrutto un cassonetto”.”- è una delle denunce pervenute al Consigliere Regionale di Europa Verde Francesco Emilio Borrelli.

Mentre da Piazza Mercato arriva una segnalazione su bande di ragazzini in scooter che scorrazzano liberamente per le strade, senza alcun controllo e in molti senza neanche il casco.

Come denunciato un cittadino, in zona Corso Garibaldi, invece, gruppi di ragazzini si rendono protagonisti di schiamazzi, assembramenti ed atti di vandalismo attraverso l’uso di botti, dando anche vita ad un rogo.

A Casoria, invece, scoppia una maxi rissa in strada, protagonisti anche stavolta sono dei ragazzi.

“Purtroppo ci sono, nel nostro territorio, tanti ragazzini fuori controllo che non si fermati neanche durante il lockdown quindi ora, con il passaggio della Campania a zona arancione, siamo ancora più preoccupati. Ovviamente le responsabilità delle azioni scellerate di questi ragazzi ricadono sui genitori che consentono loro di stare fuori casa per tutto il tempo che vogliono senza dar loro alcuna regola e limitazione. A pagare le spese di questa mancanza di educazione e regole è la cittadinanza che viene continuamente sottoposta a questi atti vandalici ed allora c’è bisogno di un’attività continuativa sul territorio da parte delle forze dell’ordine.

Per arginare questa ondata di vandalismo giovanile  e fermare il fenomeno crescente delle baby-gang occorre anche un piano di rieducazione messo in atto attraverso la collaborazione delle forze dell’ordine e dell’assistenza sociale, bisogna intervenire prima che questi giovani ragazzi possano nel tempo evolversi in criminali adulti  e pericolosi, evidentemente i genitori hanno mancato gravemente in aspetti fondamentali dell’educazione e non  sono riusciti a trasmettere né s senso civico né rispetto per il prossimo.  ”. Sono state le parole del Consigliere Borrelli

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

1 COMMENTO

  1. I genitori di questi ragazzi….immagino che soggetti, è il Sindaco? Il prefetto? La.polizia? I carabinieri?? Una città in.mano.alla camorra!! È una vergogna delle istituzioni hanno paura questo è il motivo. Paura di fermarli

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.