Cardinale Sepe: “Il virus livella tutti ma c’è ancora odio”

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
”Registriamo ancora atteggiamenti di insofferenza, di intolleranza, di indifferenza, di delinquenza, di illegalità e anche di offesa alla persona e di odio.

Per alcuni continua a prevalere l’io, mentre il virus, livellando tutti, ci invita a unirci, a sentirci ‘noi’, ad affratellarci nella condivisione del pericolo e nella ricerca di una indispensabile sinergia senza la quale non c’è vaccino che tenga, non c’è ospedale che ci accolga e ci salvi, non c’è futuro per nessuno”.

Così l’Arcivescovo di Napoli, cardinale Crescenzio Sepe, nell’omelia in occasione della celebrazione dell’Immacolata nella chiesa del Gesù Nuovo a Napoli che in virtù delle norme anti covid ha richiesto che i fedeli comunicassero al parroco la volontà di presenziare.

”Il virus ci sta facendo capire che siamo persone fragili e inconsistenti, continua a seminare terrore e dolore, continua a farci contare decine e centinaia di morti ogni giorno – ha proseguito – Il virus tenta di farci comprendere che la vita non ha valore ma contro questo tentativo assurdo e inaccettabile dobbiamo unirci per lottare e affermare la nostra identità e la nostra cultura, perché la vita è sacra, va difesa e salvaguardata: ne vanno di mezzo la nostra sopravvivenza, la dignità della persona, il destino dell’intera comunità”. Da qui l’invito di Sepe ”che diventa obbligo di fronte al pericolo virale incombente, a rispettare le norme che devono essere osservate da ciascuno di noi”.

”Chi ha responsabilità di governo della comunità è tenuto a unire le forze, a trovare le giuste intese e a operare per il bene comune, collaborando e integrandosi nella ricerca delle soluzioni possibili e dei provvedimenti necessari per il soddisfacimento dei diritti di ciascun individuo e di tutti”. E’ il monito che Sepe ha lanciato alle istituzioni. Il cardinale ha sottolineato che ”si deve tutelare principalmente la salute di ciascuna persona ma si è anche obbligati ad assicurare a tutti lavoro e reddito che sono le pre-condizioni di una vita possibile e dignitosa. Il rischio reale è che, se non si muore di virus, si muore di miseria e di fame”.

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.