Ancora proteste no-Dad: ma nelle poche classi campane aperte, presenti il 40% di alunni

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
Proseguono le mobilitazioni organizzate da professori e studenti davanti alle scuole italiane per chiedere la riapertura di tutti gli istituti scolastici, di ogni ordine e grado. Da venerdì a domenica è in programma un fitto calendario di iniziative in numerose città, tra cui Faenza, Firenze, Perugia, Torino, Milano, Napoli, Salerno, Mantova, Verona, Vicenza, Mestre, Padova, Treviso

Sabato 12 dicembre nell’isola pedonale di via Scarlatti al Vomero, a Napoli, si sono dati appuntamento le famiglie No Dad. Con lo slogan “A Natale regala una scuola”, torneranno in piazza per manifestare contro il permanere della didattica a distanza nelle scuole di Napoli e della Campania. In contemporanea manifesteranno anche i genitori No Dad di Salerno, che si ritroveranno in Corso Vittorio Emanuele

Le manifestazioni sono promosse dal Coordinamento Scuole Aperte Campania e si svolgeranno nel primo sabato in cui i negozi saranno aperti, dopo il recente passaggio della Regione in zona arancione. L’obiettivo delle famiglie No Dad è sensibilizzare “chi sarà impegnato negli acquisti natalizi” rispetto alla situazione della scuola in Campania, nonché “evidenziare l’incoerenza delle decisioni prese dalla Regione in merito alle riaperture”

‘Speravamo – aggiungono – che lunedì 7 dicembre la Campania si allineasse al resto del Paese con la riapertura delle scuole in presenza dalla seconda classe delle elementari alla terza media, e invece l’assessore regionale all’Istruzione Fortini ha comunicato la decisione di far ritornare in presenza soltanto le classi dalla materna fino alla seconda elementare, giustificando tale decisione in virtù dei risultati dello screening e adducendo, ancora una volta, la responsabilità alla mancata partecipazione da parte dell’utenza”

Il Coordinamento evidenzia inoltre che molti sindaci dei Comuni campani hanno emesso ordinanze restrittive (possibilità offerta dall’ordinanza regionale), e dunque in diverse città “gli alunni anche di materne e prime elementari sono lasciati a casa a oltranza”. I genitori No Dad parlano di ”anomalia Campania ormai diventata una beffa ai danni di studenti e famiglie che va avanti dal 16 ottobre. Chiediamo che gli studenti campani tornino a scuola subito perché hanno gli stessi diritti dei loro coetanei italiani”, concludono. Ma a discapito delle proteste le classi che hanno riaperto, ovvero la scuola materna e prima e seconda elementare rimangono pressochè vuote. Molti genitori per pochi giorni prima dello stop natalizio hanno evitato il ritorno a scuola. Si stima una presenza in classe inferiore al 40%

 

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.