“Vieni a curarti a Milano”. Pubblicità su bus Napoli fa imbestialire De Luca

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
23
Stampa
“Abbiamo registrato una campagna pubblicitaria dell’Istituto Nazionale dei Tumori di Milano sugli autobus di Napoli con cui pubblicizzano l’ospedale e invitano i nostri concittadini ad andare a Milano a farsi le diagnosi. Siamo davanti all’ennesimo atto di speculazione sulla pelle dei malati”.

Così Vincenzo De Luca si è scagliato contro l’iniziativa dell’Istituto milanese di sponsorizzare sui mezzi pubblici le loro cure. Per De Luca si è trattato di una vera e propria speculazione sulla pelle dei cittadini del Sud.

Il governatore non ci sta e rivendica sul tema dei tumori la superiorità della qualità delle cure in Campania. “È giusto ricordare che abbiamo a Napoli il principale Istituto di cura dei tumori di Italia che è l’Istituto Pascale che è un’eccellenza nazionale, europea e mondiale. Non abbiamo bisogno di andare da nessuna parte di Italia”, ha continuato.

Video correlati
Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

23 COMMENTI

  1. Perchè si incazza il re??????. Perchè cerchiamo di salvare la pelle!!!!!!! Il RE ci deve spiegare perchè quando loro hanno un problema serio di salute(lui e i suoi compari di merenda), scappano a Verona , ad Aviano a Milano? Forse non è nulla di vero in quello che va predicando in TV. Ci sono anche le eccellenze a Napoli ma muori per una infezione o una bronchite presa in corsia. Parlo per diretta esperienza.

  2. Speculazione??? Da che mondo è mondo che ci si va a curare al Nord perchè nella sanità meridionale si muore! Qual è la novità???

  3. dovrebbe essere contento perchè cosi non gli affollano gli ospedali campani e può continuare a vantarsi.

  4. Caro Vincenzino, si chiama pubblicità e non è vietata. Oltretutto non è né comparativa né denigratoria nei confronti della sanità campana. Chi scrive ha girato, per sua sfortuna, molti ospedali d’italia tra cui sia il Pascale che l’istituto dei tumori di Milano. Se può essere accettabile un confronto tra questi ultimi due nosocomi (anche se quello di Milano è meglio organizzato e la cortesia è di casa), non può di certo reggere il confronto un paragone tra la sanità campana e quella lombarda. Il personale competente e professionale qui non manca, ma è il resto che non c’è : cultura del lavoro, strutture tecnologicamente all’avanguardia, organizzazione, umanità, senso del dovere, propensione a trasmettere il proprio sapere ai giovani, osservanza delle regole, pulizia nei reparti, rispetto dei diritti del malato… e tanto altro ancora. Le ricordo che nelle altre regioni chi ha un’esenzione per patologia non paga neanche i 5€ a prescrizione, mentre in Campania ogni anno, ad un certo punto, occorre pagare la prestazione per intero. È stato riconfermato per altri 5 anni, si rimbocchi le maniche e cerchi di portare la sanità campana ad un livello degno di una società civile, i siparietti li lasci fare agli attori.

  5. … cosa c’è di sbagliato… ❓‼️❓‼️ Per esperienza personale… meno male che esiste l’ IEO di Milano…. se no hai voglia di morire‼️ Poi, dovresti prendertela con la società pubblicitaria che accetta di pubblicare sui busitalia….

  6. A differenza del nord intanto che fai la fila appresso ai raccomandati sei già morto a Napoli . Li in 15 giorni operano e programmano le cure , cose vissute sulla mia pelle . Taci sciacallo carte alla mano ti farei vedere la differenza . Sei un povero bugiardo ipocrita falso accattone e venditore di menzogne a gli idioti che ti credono pure . Dovremmo ringraziare loro se al sud ancora vive tanta gente , fai solo vomitare

  7. E la verita pure mio suocero buonanima andava al Nord, per farsi curare.La cosa bella che trovava medici del sud, bravi ma non raccomandati per stare al Sud, in strutture che funzionano privati o non privati.Contano i risultati. Gli Istituti come Pascale o plessi come il Cotugno, sono belle realta, ma in un contesto che fa pena……

  8. Il bello e che quando dice che la sanità qui è buona la gente gli crede pure. La cosa strana e che queste persone che gli credono sono i nostri vicini di casa.

  9. In ogni caso chi specula sulla salute sono solo quelli che hanno pagato la pubblicità, tutto il resto sono chiacchiere.

  10. Caro De Luca i miei figli sono medici che ora lavorano a Milano. Assunti con regolare concorso espletato in tempi brevi senza necessità di raccomandazioni politiche. Adesso partecipano ad importanti studi scientifici dei loro Ospedali. I loro colleghi di università purtroppo rimasti in Campania si arrangiano con la Guardia Medica e fanno gli spettatori alle riunioni elettorali dei tuoi “delegati alla sanità” in attesa di tempi migliori. Questa la TUA sanità.

  11. il governatore dovrebbe ringraziare quei creduloni che si sono fatti ingannare dalle sue parole fumose durante la prima pandemia e dalle sue spiritosaggini come il lanciafiamme-fratacchione ecc.ecc ed e’ stato rieletto,ma si tenga stretto i suoi ultimi anni al timone che di fessi non ce ne sono piu,la sanita’ campana e’ allo sfascio sia come strutture sia come specialisti per non parlare delle convenzioni a singhiozzo un mese con l’esenzione e due mesi per intero,invece di sbraitare stronzate si vergogni che lei in campania non ha fatto niente di niente solo i cazzi suoi e della sua famiglia.

  12. C’è poco da dire, è fuori di testa.
    Tantissime persone del sud, di fronte ad un problema importante di salute vanno nei tantissimi ospedali del nord per essere sicuri di trovare professionalità, competenza, esperienza e umanità.
    Nei nostri ospedali campani, a parte qualche rara, anzi rarissima eccellenza, troviamo il degrado, la superficialità, la mancanza di professionalità e la mancanza della voglia di lavorare.
    C’è poco da discutere la realtà è questa.
    Quei pochissimi che si fanno curare nei nostri ospedali campani purtroppo non hanno la possibilità di andare al Nord e si affidano nelle mani del Signore.
    Vorrei vedere se Papino o qualcuno della sua famiglia, di fronte ad un problema serio di salute, si facesse operare al San Leonardo.
    Buffone……

  13. al Pascale 3 mesi di vita, inoperabile, sono andato all’IEO, operato, sono cinque anni e sono ancora vivo…ma che caz… dice sto imbecille.. ma davvero??? i medici qui da noi sono saccenti, presuntuosi ed inumani…ed anche incompetenti, per non parlare delle strutture e degli infermieri…anche questo fa la differenza nel cancro

  14. Papino Silvio il grande bluff fumo con la manovella fumo la pipa fumo di londra fumo di tutto e di più, sono fumato più dei figli delle chiancarelle, aspetta ho scritto Salvio…lapsus froidiano,

  15. Le realtà e i fatti sono questi.Gli ospedali del Nord funzionano meglio perchè prevale la Meritocrazia.Nel mio e profondo Sud prevalgono raccomandazioni al personale sanitario che vale poco e si vivacchia di assistenzialismo statale e parassitario.Milano è la capitale del capitalismo Meritevole e funzionante.Bisogna essere obiettivi e critici facendo autocritica evidenziando che il nostro Profondo Sud Sprofonda Sempre più a Sud

  16. Munnezza leggi i commenti di chi stava morendo in Campania ed è andato a salvarsi la vita al nord . Sei solo un buffone ma i fatti ti rendono peggio di quello che ti mostri

  17. Credo che un governatore non può non difendere la propria sanità. Che i medici al sud siano saccenti e venali però è verissimo…ma ho avuto esperienze al nord da usare il Kalashnikov…

  18. x il sig.coglioni con diritto di parola 21:11
    Sono un medico psichiatra ed esercito la professione a Milano.Se ti senti Babbo Natale vieni al Nord Milano ospedale psichiatrico,provvediamo subito a curarti facendoti diventare un sano paziente che non assomiglia al vecchio Babbo Natale o al De Luca,ma assomiglierai al Grande e vincente Silvio Berlusconi o Matteo Salvini

  19. Solo un pagliaccio questo sei!!! Vogliamo parlare da quale regioni d’Italia provengono i professionisti chi rendono “grandi” gli ospedali del nord? del numero di meridionali ( a tutti i livelli assistenziali come medici, infermieri, oss, tecnici) che lavorano negli ospedali del nord come appunto quello contro il quale ti sei scagliato? Del numero di campani nella fattispecie costretti ad andare via dalla loro terra e dai loro affetti piu cari perchè non hanno amicizia con qualche tuo paggio o addirittura con te? Gente che probabilmente non rientrerà mia nella propria terra di origine (lavorativamente parlando) perchè “vanno prima sistemati gli amici di, i parenti di, ecc..”? Invece di sputare fuoco e sentenze taci! Rifletti prima di parlare! Saluterei te e tutti i tuoi amici del cuore alla tua maniera facendo sarcasmo e goliardia. Ma non meriti null’ altro se non il silenzio ed il disprezzo…

  20. X 19:37 l’ebete parassita che si firma con nickname falso

    Pur di sostenere il tuo padre adottivo, Papino, saresti disposto anche a far ritornare tua madre a fare la “vita” dietro le chiancarelle.
    Ma un po ti vergogni?
    Se tua madre ha appeso la mutanda al chiodo lasciala in pace.
    È vero, non sai chi è il tuo vero padre e cerchi in Papino la figura paterna che ti è mancata, ma almeno trovati una persona seria ed onesta intellettualmente.

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.