Ninfa, il primo singolo del salernitano Zaffiro su Spotify e YouTube

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
11
Stampa
Quella di Mario Ferrara è una voce giovane, penetrante, a tratti graffiante, di richiamo sanremese. Il testo è impegnato, semanticamente denso, capace di sperimentare la forza espressiva di un linguaggio allusivo

Mario Ferrara è un giovane di Salerno, che frequenta l’ultimo anno del Liceo scientifico “Da Vinci”. Ha da poco compiuto diciott’anni e che ai festeggiamenti in grande, sognati e programmati nei minimi particolari, ha dovuto rinunciare per via delle restrizioni imposte dall’emergenza sanitaria. La stessa contingenza che gli ha offerto il tempo e la concentrazione ideali, nel chiuso della sua camera, per concretizzare il primo step del suo progetto creativo: la realizzazione di un brano musicale autoprodotto. Con la sua inseparabile chitarra ha dato vita a Ninfa, singolo pubblicato su Spotify e Youtube (VIDEO IN BASSO)  sotto il nome d’arte di Zaffiro, potendo esprimere il suo talento.

Quella di Mario Ferrara è una voce giovane, penetrante, a tratti graffiante, di richiamo sanremese. Il testo è impegnato, semanticamente denso, capace di sperimentare la forza espressiva di un linguaggio allusivo che trasferisce il tema complesso della vita legata all’amore dalla prospettiva di un giovane sensibile e al tempo stesso riflessivo, che individua la Ninfa come immagine composita di donna ideale. La stessa ritratta nel disegno di copertina del singolo, realizzata dal fumettista salernitano Gerardo Gambone, coetaneo e amico dell’autore.

 

Mario appartiene a quella generazione di adolescenti che spesso viene accusata ingenerosamente di non avere né ideali né passioni e viene dipinta come superficiale, ottusamente gaudente e discotecara, sorda a ogni stimolo che non sia quello di un videogioco. Stereotipi ed etichette che ragazzi come Mario contribuiscono, nel loro piccolo, se non a estirpare, almeno a combattere.

Di interessi Mario ne ha diversi (la filosofia, la storia, l’arte, la lettura e il cinema), ma quella per la musica è una passione totalizzante con cui convive da sempre e che lo ha portato a studiare chitarra classica a sei anni, ad avvicinarsi poi alla chitarra elettrica e a sentire, urgente e prepotente, la necessità di esprimersi attraverso la composizione di testi. Poter pubblicare il suo primo lavoro creativo  sulle piattaforme dalle quali ascolta abitualmente i suoi artisti preferiti costituisce per un ragazzo della sua età una piccola grande soddisfazione, che lo gratifica per l’impegno  profuso, incentivandolo altresì  a continuare sulla via della ricerca e dello studio.

La musica come ponte: ponte levatoio che si alza quando si vuole rimanere da soli con se stessi e isolarsi, ma che, una volta abbassato, ci collega col mondo.

Per Mario – di cui sentiremo sicuramente parlare bene – scrivere canzoni rappresenta un veicolo di comunicazione privilegiata con l’altro, per mettersi a nudo con una sensibilità delicata e allo stesso tempo con l’irruenza e l’impulsività che accompagnano naturalmente l’adolescenza nel cammino faticoso e spesso doloroso che porta alla crescita personale. Scavo interiore necessario per costruire i suoi testi (per l’inizio del 2021 è programmata l’uscita del suo secondo lavoro) semanticamente densi, che mirano a sperimentare la forza espressiva del linguaggio.

L’esigenza e la volontà di aprirsi, di calare quel ponte levatoio, meritano un incoraggiamento proprio in questo periodo di grosse difficoltà per tutti, specie per i più giovani.

Link al brano:

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

11 COMMENTI

  1. Che commento sterile! Strazio, addirittura!
    Non è un capolavoro, ma almeno suona, canta, fa musica. Non come tanti trapper salernitani.

  2. Per essere una creazione ed esecuzione di un giovanissimo, sfido chiunque a far di meglio…Mi sento di apprezzare l’opera, direi benfatto per essere una “prima”… El Rescador Eduardo

  3. La voce è unica, il testo originale, la musica è un po’ zoppicante, cambierei una parte inserendoci un tema più orecchiabile e toccante. Certo che con un miglioramento del tema musicale…poi diventa una canzone da San Remo…

  4. Un brano davvero originale e profondo, piacevolissimo da ascoltare. Considerando che il cantautore ha solo 18anni, direi che siamo di fronte ad una vera forza della natura. E che dire del suono della chitarra?

  5. Un brano originale e profondo, piacevolissimo da ascoltare. Considerando che il cantautore ha solo 18 anni , siamo di fronte ad una vera forza della natura! E che dire del suono della chitarra? Elvira Paudice

  6. Un brano originale e profondo, piacevolissimo da ascoltare. Considerando che il cantautore ha solo 18 anni, siamo di fronte ad una vera forza della natura! E che dire del suono della chitarra? Elvira Paudice

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.