Al bar dalle 11 solo acqua: ‘Non ci fa vendere nulla, nemmeno il caffè’

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
16
Stampa
Nell’ultima ordinanza del governatore della Regione Campania non solo si conferma il Dpcm nazionale del 3 dicembre della zona arancione ma si applicano misure restrittive ai bar e agli altri esercizi di ristorazione.

‘Dalle ore 11,00 del mattino – si legge –  è fatto divieto di vendita con asporto di bevande, alcoliche e non alcoliche, con esclusione dell’acqua». Ed ancora: «per tutto l’arco della giornata è fatto divieto di consumo di cibi e bevande, anche non alcoliche, con esclusione dell’acqua, nelle aree pubbliche». Confermato il divieto di raggiungimento delle seconde case, anche se in regione.

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

16 COMMENTI

  1. Lo avete voluto voi, con i vergognosi episodi accaduti nelle vigilie degli anni scorsi. Vi è piaciuto vendere alcool ai minorenni? Ricordo che una volta io e mia moglie abbiamo dovuto fare velocemente ritorno a casa perchè mia figlia, allora quattordicenne, era terrorizzata dalle scene che vedeva.

  2. Ma tua figlia ne porta ancora i segni?
    Adesso non fa anche lei parte dei pecoroni che nelle vigilie vanno a festeggiare?
    Sta ancora a casa con te o esce con gli amici?
    Ho la sensazione che il trauma più grande che tua figlia abbia subito sia il fatto di avere un padre come te…….
    Le quattordicenni di oggi già hanno dei figli mentre tua figlia era terrorizzata tanto da costringervi a rincasare……….
    Falla curare…….

  3. È proprio vero che l’italiota medio gode a farsi sottomettere. Non pensi che sarebbe stato più opportuno multare allora questi comportamenti di cui parli? Piuttosto che ora quando ristoratori alla fame avevano fatto la spesa per questi quattro giorni e ora hanno dovuto chiudere perché governo e regione non si parlano? Senza contare che fare di tutta l’erba un fascio è la tipica reazione priva di ragionamento degli italioti.

  4. Ha fatto benissimo De Luca! In questi giorni solo lo stretto indispensabile deve essere consentito. Auguri, brindisi e feste possono aspettare l’anno prossimo

  5. Chi commenta non capisce che il rigore sbandierato, gli fa perdere sì voti in campania ma lui mira al governo, a scalzare Conte, a mangiarsi il PD.

  6. la cosa assurda è che ai bar è posto il divieto ma negli esercizi commerciali limitrofi come supermercati o altro gli stessi generi si possono tranquillamente acquistare….

  7. Certa gente scrive senza capire la drammaticita economica e senza capire i milioni di addetti alla ristorazione al commercio che rischiano la disoccupazione purtroppo quanto erano giovani festeggiavano natale con garibaldi e mazzini capisco il virus gli assembramenti le distanze la mascherina ma si poteva trovare una soluzione ma si che falliscano tutti

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.