Campania, un arancione che sa di nero

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
5
Stampa
Le cose restano così come sono fino al 24, ma il governatore non esprime altro. Al popolo chi ci pensa?
Cosa resta oggi del grido di speranza di speranza di De Filippo? Quando la guerra era conclusa e la Napoli del dopoguerra fronteggiava l’amaro problema della tragedia e la voglia di risollevarsi, c’era il desiderio di guardare al futuro e una forza di volontà senza precedenti. Oggi in Campania regna sovrana l’incertezza, tante categorie produttive ma anche cittadini comuni vedono tutto nero.
Quel colore che non è poi così scuro perché a livello istituzionale lo hanno definito arancione. Come la famosa zucca di halloween, o la distorsione del termine del governatore, che ha sancito l’inizio di una stagione di clausura per i campani.
I tre giorni di zona gialla svaniscono nel giro di pochissime ore, l’ora d’aria ai cittadini non viene concessa e i rifornimenti delle attività che si preparavano alla riapertura finiscono nei congelatori o nei cassonetti. Restammo distanti ieri per abbracciarci più forte domani, ma il problema diventa quel domani irragiungibile quasi utopico.
Tutti i campani emigrati che si preparavano all’esodo del 20 dicembre sono inermi e non sanno se scaricare i veicoli o salire sul treno. La Campania resta così come è, il motivo e il fine vengono lasciati alla libera interpretazione dei singoli.
Dobbiamo scongiurare la terza ondata ma non riusciamo a comprendere se la seconda è andata via, dobbiamo essere pronti per il piano di vaccinazione ma non sono ancora arrivati manco quelli anti-influenzali. Il popolo vige nella più totale incertezza e le istituzioni sono sempre meno rassicuranti.
I sacrifici e le limitazioni sono state rispettate, l’indice è calato ma tutti chiedono spiegazioni sull’accanimento del governatore verso i campani. E a gennaio che colore sarà la regione ? La nottata di cui parlava Eduardo nel 45 non passa e lascia spazio al chi vivrà vedrà !
di Olindo Nuzzo
Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

5 COMMENTI

  1. Io non li ho votati, ma fatemi capire che possono fare?
    Ovunque, si apre esi chiude in continuazione….c’è chi è più ricco e chi è più organizzato, ma l’insalata quella è?

  2. Ma se c’è una pandemia in corso che fa migliaia di morti ogni giorno , i ristoranti ed i bar per tre giorni che aprivano solo a pranzo e facevano 100€ cosa gli cambiava??? In questo modo possiamo evitare migliaia di contagi in più che si sarebbero creati , che caxxo mi protestate ??

  3. Il problema è De Luca che non ha capito nulla e sicuramente sa meglio di tutti che la sanità campana e una ciofeca e come fa ad ammettere una cosa del genere uno che si vanta su tutto meglio dare le colpe al popolo che non sa comportarsi e allora lui chiude ma l’unico che deve rinchiudersi e Lui vorrei tanto sapere come farebbe se non prendesse lo stipendio ma tanto lui e onnipotente spero che tutto vada bene e che questo sia solo un brutto sogno

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.