Niente ‘liberi tutti’ alla fine delle feste: le preoccupazioni dell’Iss

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
L’Istituto superiore di sanità mette in guardia: non ci dovrà essere nessun “liberi tutti” alla fine delle feste. Questo è il messaggio che trapela dal report dell’Iss sull’epidemia, che nonostante una flessione rilevata in precedenza continua a essere preoccupante. Si inizia a vedere uno spiraglio in fondo al tunnel grazie ai vaccini ma la strada è ancora lunga e un nuovo aggravamento della curva epidemiologica del coronavirus potrebbe influire proprio sul processo di vaccinazione. Sebbene la situazione sia migliorata rispetto a ottobre e novembre, i dati dicono che è in atto una nuova inversione di tendenza con una ripresa, seppur lieve, della corsa dell’epidemia, che dev’essere attestata il prima possibile.  Lo scrive IlGiornale.it

“Continua il segnale di controtendenza nell’indice di trasmissione segnalato nelle due precedenti settimane nell’intero Paese. Questo si realizza in un contesto europeo caratterizzato da un nuovo aumento nel numero di casi in molti paesi Europei e la comparsa di varianti virali segnalate con una potenziale maggiore trasmissione. L’epidemia in Italia si mantiene grave ancora a causa di un impatto elevato sui servizi assistenziali”, dice l’Istituto superiore di sanità nella bozza del monitoraggio che fa riferimento al periodo 21-27 dicembre.

Quei dati sono frutto dei primi allentamenti delle misure messi in atto a dicembre e, infatti, l’Iss sottolinea che “l’incidenza in Italia rimane ancora molto elevata e l’impatto dell’epidemia è ancora sostenuto nella maggior parte del Paese. Il valore è ancora lontano da livelli (50 casi per 100.000 in sette giorni) che permetterebbero il completo ripristino sull’intero territorio nazionale dell’identificazione dei casi e tracciamento dei loro contatti”.

L’unica strada attualmente percorribile per evitare che la situzione degeneri e porti a una nuova ondata di decessi, con la coda della seconda ondata che ancora miete centinaia di morti ogni giorno, la traccia l’Iss, ribadendo che si “conferma la necessità di mantenere nel tempo la linea di rigore delle misure di mitigazione adottate nel periodo delle festività natalizie”. Il ben noto indice Rt del Paese è tornato a salire e si avvicina pericolosamente a 1 a livello nazionale, attestandosi attualmente a 0,93.

È la terza settimana consecutica che si registra un incremento, dopo alcune settimane di discesa. Sono 4 le regioni che preoccupano maggiormente: Basilicata, Calabria, Liguria e Veneto. Qui, l’indice Rt è superiore a 1, mentre in Puglia e in Lombardia è tornato a 1. “La Regione Veneto oltre ad un Rt puntuale maggiore di uno si accompagna ad una incidenza particolarmente elevata.

Nella settimana di monitoraggio si osserva una diminuzione generale del rischio, principalmente dovuta a una lieve riduzione nei tassi di occupazione dei posti letto in terapia intensiva e aree mediche”, spiega l’Iss. L’Istituto superiore di sanità, poi, fa un monito: “La settimana in valutazione è quella natalizia ed è stata caratterizzata da un numero particolarmente basso di tamponi nelle giornate festive. Questo potrebbe influenzare la stima dell’incidenza e della velocità di trasmissione”.

fonte IlGiornale.it

 

 

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.