Covid: 100 positivi a Castellabate. Polemiche sul coro. La rabbia di don Pasquale

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
13
Stampa
Arriva a quota 100 il numero degli infetti a Castellabate. Di questi sei sono in ospedale tutti gli altri sono asintomatici. Sull’argomento è intervenuto don Pasquale Gargione dopo le polemiche sul coro parrocchiale della frazione Alano

“Ho riflettuto un po’ prima di scrivere – si legge sul profilo social di don Pasquale -, se fosse stato il caso o no, ma poi mi sono detto: Perché deve andare avanti la menzogna, la calunnia, il giudicare per sentito dire, a discapito della verità? Anche se questa alla fine si farà strada da sola. Posso capire la rabbia, legittima, la delusione, normale, ma non l’odio e la cattiveria fine a se stesse che traspaiono da alcuni commenti al limite della decenza.

È stato detto e inventato di tutto e di più su di me, sul coro, su tanto altro, con una superficialità e una banalità infantile da non credersi. Si è detto e sentito: era necessario il coro? Ma è vero che poi hanno mangiato la pizza dopo? Ma a che serve la chiesa ora? Ma è vero che c’è stato il rinfresco di un battesimo? E vai con altre fantasie…

Parlo non per necessità di giustificare qualcuno ma per dovere di verità…sempre se si è disposti ad ascoltarla e a non rimanere nelle proprie comodi e maliziose convinzioni, che alla fine non hanno nemmeno riscontro nella realtà, alimentate solo dal sentito dire.

Il coro era necessario? Certo che lo era! Il coro è presente in chiesa da quando le leggi dello stato lo hanno permesso, osservando i dovuti protocolli. Come mai ci si accorge solo ora che in chiesa c’è un coro che canta? E durante l’estate dove erano costoro?

E alle feste patronali? Possibile che mai nessuno ha visto o ascoltato il coro durante le messe di questi mesi? Che strano! Probabilmente chi si stupisce o si meraviglia nel saperlo adesso, chi oggi cade dalle nuvole, nei mesi scorsi era impegnato e distratto su altri fronti. Forse partecipava a qualche assembramento sulle spiagge, o nei corsi, o davanti ai bar, o nei centri commerciali ecc.

Ora, a coloro che in questi giorni invocano tutte le leggi possibili e immaginabili, ai maestri di diritto, bisognerebbe dire di ricordarle tutte…non solo quelle che fanno comodo, ovvero quelle in cui si dice che il coro, anche in questo periodi può svolgere in sicurezza le sue funzioni.

Il coro in questione stava provando per la messa di Natale, non per fare un concertino, cosi come i cori religiosi e civili che abbiamo visto in tv e su internet in questi giorni, tranne se non si è annebbiata la vista degli occhi e del cervello. Ricordo ancora un video di qualche giorno fa di un coro, formato forse di infermieri, che, uno vicino all’altro, con mascherina, eseguivano canti natalizi presso il famoso istituto dei tumori, il Pascale di Napoli.

Il nostro coro ha provato e ha cantato con mascherina e nonostante tutto molti (non tutti) dei partecipanti si sono contagiati. Come è potuto accadere? Non si sa. E quale è la spiegazione di membri di una stessa famiglia, marito e moglie ad esempio, che pur vivendo nella stessa casa uno si contagia e l’altro no? Non si sa.

Misteri su misteri…appena avrò una spiegazione sul secondo mistero cercheremo di comprendere anche il primo.

Forse come è possibile che nella stessa casa due persone possono essere positiva e negativa cosi è possibile che più persone si siano contagiate pur avendo la mascherina.

Si è detto anche che il coro ha mangiato la pizza dopo le prove (una versione dice nella sala parrocchiale, un’altra in pizzeria). FALSO! Basterebbe ricordare che in questo periodo le pizzerie sono chiuse e per un eccesso di zelo, controllare sulle App…tipo MoMo…se risultano consegne effettuate quella sera presso la chiesa di Alano.

Si è detto del ricevimento di un battesimo. FALSO! Sono mesi che non ne celebriamo uno.

Il coro…sì il coro…quello che avete voluto ai vostri matrimoni, battesimi, funerali di vostri congiunti, il coro formato da mamme, mogli, mariti, padri, di tutte le età, che hanno messo a rischio anche la propria salute per animare e rendere più piacevole la messa di Natale, partecipata solitamente da tante persone che si ricordano della chiesa solo in quel giorno (oltre Pasqua e festa patronale).

Immaginate se a Natale aveste partecipato ad una messa senza coro…come poteva sembrare e quante critiche ci sarebbero state. Sicuramente, col senno di poi, sarebbe stato meglio cosi, ma nessuno ha la sfera di cristallo, e nemmeno nessuno ha cercato o voluto il contagio.

Purtroppo è accaduto…e non credete che io o il coro stesso stiamo vivendo a cuor leggero e senza avvertire la responsabilità questa situazione. Ci sono persone che hanno a casa persone con problemi di salute, attività lavorative, ecc. Ecco perché hanno sempre cercato di osservare tutte le norme di prevenzione necessarie.

È successo ad Alano; poteva succedere in qualsiasi paese del nostro comune… Ma leggere accuse, invenzioni, offese, fa veramente male, soprattutto a chi (sacerdote, chiesa, coro) ha sempre servito la comunità, come missione, in molteplici modi.

Ho e abbiamo avvertito il peso non solo del fatto accaduto ma del giudizio severo di gran parte della comunità che si è preoccupata non solo di indagare ma, ripeto, anche di inventare, modificare, togliere, aggiungere senza aver né visto e né sentito di persona. Detto questo, sono a disposizione per qualsiasi chiarimento da parte di chiunque abbia la capacità di avere un contatto personale senza fare il piglia e porta da dietro o fermarsi ad uno sterile commento di piazza o facebook (il più delle volte anche sgrammaticato).

Noi, ribadisco, avvertiamo la responsabilità (senza averlo voluto) di una parte di quanto è accaduto…spero che avvertano la stessa responsabilità coloro che stanno facendo sentire me e il coro i peggiori criminali del mondo. Non abbiamo nessun problema nemmeno a porgere le scuse per tutto quanto è accaduto e per aver, alcuni di loro, aver preso il virus, se questo serve a placare gli animi.

Poi ci sarà sempre chi vorrà continuare a parlare, inventare, condividere falsità solo per il gusto di farlo, a dare per vero solo il sentito dire, ma non si può entrare nella testa di tutta la gente.

E alla luce di questo i miei cori faranno anche un passo indietro per un po’ di tempo e, “volentieri” faranno a meno di essere considerati fautori di contagio, per prossimi battesimi, matrimoni, funerali, messe domenicali ecc. Cosi avremo risolto alla base il problema del contagio nel nostro territorio.

Da sacerdote e pastore accolgo, incasso e perdono perché il mio riferimento è Gesù Cristo che la domenica venne accolto con gli “osanna” e il venerdi successivo inveito con “i crocifiggilo”…che ebbe misericordia fino agli ultimi minuti della sua vita.

So anche che tanti di voi hanno fatto arrivare a me e al coro tanta solidarietà e che manifestano la parte buona di questo territorio, che sa capire quando fare silenzio e come approcciarsi a fatti in cui non si è stati spettatori.

Faccio mio l’appello di tante persone che, invece di lasciarsi andare al chiacchiericcio da bar, hanno invitato a stringersi attorno alle famiglie colpite e, nei momenti di prova, a ritrovare la solidarietà e l’unità necessarie per superarli.

Mi duole il cuore per le famiglie che in prima persona vivono il contagio e anche per chi ne ha risentito di questa storia, lavoratori che dovevano guadagnarsi il pane.

Ma ricordiamoci sempre di quella famosa frase di Gesù alla folla inferocita che voleva lapidare l’adultera (che lui invece perdonò): chi è senza peccato, scagli per primo la pietra! Il racconto termina: Ma quelli udito ciò, se ne andarono uno per uno, cominciando dai più anziani fino all’ultimo

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

13 COMMENTI

  1. che ragionamento del piffero, e’ questo sarebbe un prete???? poveri voi…
    lo capite o no che in emergenza tutti devono fare la loro parte??? il coro era necessario???? NOOOOOO, la messa era necessaria???NOOOOOO, evitare contatti sociali questa e’ lunica misura di sicurezza

  2. Hai proprio ragione padre!! Oggi si condanna tutto quello che si fa, e c’è una cattiveria in giro che fa paura!! Lei vada avanti e serva il Signore sempre, costi quel che costi!!

  3. La messa è sempre necessaria, dico ad anonimo, si salvano decine di vite!!! Il Signore trasforma i cuori malati, in cuori di gioia ed amore!! Ma lei che ne sa?

  4. Ottima risposta da parte del parroco, don Pasquale!! Chi urla, si batte i pugni in petto e s’indigna sull’utilità di un coro in chiesa (composto, generalmente, da non più di 3-5 persone, opportunamente distanziate tra loro e con microfono personale per cantare), sono quelle stesse persone che non hanno rinunciato allo struscio pre-natalizio; non hanno rinunciato allo spritz (con relativo assembramenti e storia sui social) davanti a qualche bar alla vigilia di Capodanno; non hanno rinunciato al cenone in famiglia, invitando parenti fino alla quarta generazione! Gli stessi che poi, però, accendono i loro smartphone dalle tastierine fumanti e vomitano solo insulti e ridicole invenzioni addosso a un parroco ed alla propria comunità.
    IPOCRITI!!
    Sempre pronti a puntare alla pagliuzza nell’occhio altrui, ignorando la trave nel proprio.

  5. La Santa Messa è raggiungibile attraverso qualsiasi canale comunicativo: internet, tv, radio. In diretta o in streaming. Il diritto di confessione parimenti può essere espletato attraverso comunicazione che non necessità necessariamente la presenza fisica. La comunità scientifica ci ha detto dal primo giorno di pandemia di evitare nel modo più assoluto i contatti fisici, ed in effetti ad ogni occasione di assembramento, con o senza mascherina e bla bla bla, si scatenano focolai. La chiesa deve tutelare i propri fedeli e tutelandoli con un gesto d’amore dovrebbe impedire le attività religiose in presenza. Punto. Senza se e senza ma, senza giustificarsi. Se tutti fossimo più responsabili e propensi al sacrificio oggi avremmo dei risultati migliori rispetto ai contagi.

  6. gli esperti hanno detto da tempo di evitare i cori nelle chiese nelle piazze perché aumenta la capacità di infettare di virus con il doplet che viene fuori dalla bocca nei vociare poi io la messa Sono due anni che la vedo in televisione vale lo stesso Certo si perdono le offertedei fedeli un po’ di sacrificio va bene a tutti dovrebbero dare il buon esempio Poi si lamentano Se arrivano i carabinieri la legge è uguale per tutti

  7. ma il signore non dice anche di amare il prossimo come te stesso??? ma lei cara SASY mi sa che non si ama troppo o sbaglio???

  8. Carla sasy La vita umana è più importante e anche pure sempre meglio una messa in meno che un malato in più e buon esempio Si prega bene e si razzola male

  9. riflettendo in una zona come la contrada alano 100 infettati sono tanti troppi se ben ricordo la chiesa della Contrada alano e piccola può contenere il coro e i fedeli ??ripeto niente e’ necessario e ‘ necessaria solo la salute

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.