Covid, come potrebbero cambiare le zone dal 16 gennaio: le ipotesi

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
A partire dall’11 gennaio entrano in fascia arancione Lombardia, Veneto, Emilia-Romagna, Sicilia e Calabria. Ma con i parametri sull’Rt modificati dal governo e con le ipotesi sul tavolo per cambiare altri criteri, sono diverse le regioni – comprese quelle già arancioni – che rischiano un passaggio a un colore diverso. Ecco come comportarsi nelle varie zone

Per quanto riguarda l’indice Rt, i parametri sono già stati modificati: prima la soglia per entrare in zona arancione era 1,25, mentre ora è stata abbassata a 1; per la zona rossa, invece, la soglia è passata da 1,50 a 1,25

Non solo: il governo starebbe pensando, su suggerimento dell’Iss e d’accordo con il Cts, di modificare gli altri criteri in base ai quali le regioni vengono collocate nelle varie fasce colorate: la proposta prevedrebbe la zona rossa automatica, a prescindere dall’Rt, quando l’incidenza settimanale è di 250 casi Covid ogni 100mila abitanti. Veneto, Emilia-Romagna, Friuli-Venezia Giulia, la provincia autonoma di Bolzano e le Marche sono le regioni che rischiano il passaggio in zona rossa per via di questo parametro

Partendo dal presupposto che dall’11 gennaio entrano in zona arancione la Lombardia, il Veneto, l’Emilia-Romagna, la Sicilia e la Calabria, ecco come i colori attribuiti potrebbero cambiare già dal 16 gennaio, regione per regione

In Campania l’ultimo dato sull’Rt vedeva l’indice a 0.83: dovesse raggiungere quota 1 anche i cittadini campani come quelli della Basilicata (situazione praticamente identica) si ritroverebbero in zona arancione. Ma è più probabile che si rimanga in zona gialla:  con la possibilità dunque di raggiungere un’altra regione gialla (se non ci saranno cambiamenti con il nuovo Dpcm). Le attività di bar e ristoranti potranno proseguire fino alle 18, anche la domenica. Rimane il divieto di spostamento dalle 22 alle 5, mentre i negozi saranno regolarmente aperti

 

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.