Nuovo Dpcm, le ipotesi per le misure sugli ospiti in casa e sui weekend dal 16 gennaio

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
1
Stampa
Nel nuovo decreto in arrivo dovrebbe essere confermata la norma che consente visite di due ospiti, più i minori di 14 anni, già in vigore durante le feste di Natale. Nei fine settimana in ogni regione saranno valide invece le regole relative alla fascia di colore di appartenenza

Resta la regola che consente a due adulti e minori di 14 anni di andare a trovare amici e parenti, mentre nel weekend nessuna zona arancione in tutta Italia: sono due delle ipotesi sul nuovo Dpcm che entrerà in vigore dal 16 gennaio, illustrate dal ministro della salute Roberto Speranza ai presidenti di regione dell’11 gennaio

La regola che consente a massimo due persone (e a minori di 14 anni senza limite di numero) di andare a trovare a casa parenti e amici una sola volta al giorno – “è una norma ragionevole che ha funzionato e avrebbe senso confermarla”, secondo Speranza

Per quanto riguarda i weekend, il governo dovrebbe optare per non rendere tutta Italia arancione nei fine settimana

Anche nei weekend resterebbero quindi valide in ogni regione le regole relative alla fascia di appartenenza (rosso, arancione, giallo)

Con il nuovo provvedimento dovrebbe essere confermato il divieto di spostamento tra Regioni, anche quelle gialle

Resta in piedi l’ipotesi di una modifica dei parametri di rischio in base alla quale scattano i diversi colori attribuiti alle regioni

Le Regioni hanno però bocciato la misura che farebbe scattare automaticamente la zona rossa in quelle regioni in cui l’incidenza settimanale è di 250 casi Covid ogni 100mila abitanti

L’ipotesi ora sul tavolo è di abbassare la soglia critica del tasso di occupazione delle terapie intensive e dei posti letto in area medica, fissata ora al 30% e al 40%. Sopra quella soglia si entrerebbe in automatico in zona arancione o rossa

Nei giorni scorsi i parametri sono già stati modificati riguardo all’indice Rt: prima la soglia per entrare in zona arancione era 1,25, mentre ora è stata abbassata a 1; per la zona rossa, invece, la soglia è passata da 1,50 a 1,25

Dovrebbe essere confermato lo stop alla vendita da asporto per i bar alle 18, con l’obiettivo di evitare assembramenti

Quanto ai ristoranti, potranno aprire fino alle 18 solo nelle zone gialle mentre la sera resteranno chiusi, così come i cinema e i teatri

Potrebbero riaprire, invece, i musei, ma solo nelle regioni gialle

Nel nuovo Dpcm sarà confermato il divieto di uscita notturna dalle 22 alle 5

Resta in piedi anche l’ipotesi di inserire nel nuovo provvedimento la “zona bianca”, in cui potrebbero riaprire bar e ristoranti senza limitazioni, musei, teatri e cinema, ma anche palestre e piscine, e alla quale si accederebbe con un Rt sotto 0,50 o con un’incidenza di casi di 50 ogni 100mila abitanti

Nessuno spiraglio sembra esserci, infine, per la riapertura degli impianti sciistici a breve e per piscine e palestre, anche se su questi temi in queste ore ci sarà una riunione del Cts

Questi i prossimi passaggi prima dell’arrivo del nuovo Dpcm: Speranza illustrerà mercoledì 13 al Parlamento le misure, poi giovedì ci sarà un nuovo incontro con le Regioni, con il ministro per gli Affari regionali Francesco Boccia che ha già garantito ristori per tutte le attività costrette a chiudere, e successivamente il Cdm, che dovrà approvare due provvedimenti: un decreto legge con la proroga dello stato d’emergenza (per il momento fissata al 30 aprile) e del divieto di spostamento tra le regioni, anche quelle gialle, e il Dpcm con il resto delle restrizioni

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

1 COMMENTO

  1. la dittatura resta e resterà per ANNI, con le museruole fisse. è tutto stabilito da quando l’hanno creata. pensate solo che a marzo “erano solo due settimane” (di chiusura)… è passato un anno e stanno ripartendo con la stessa storiella, sempre “emergenza”, sempre falsa sempre con tamponi falsi. e i covidioti continuano a credere che le colpe siano di volta in volta delle discoteche (chiuse!) degli aperitivi (ma de che??? dove???) dei giovani (e per favore! i giovani stanno morendo in casa..)…
    La DITTATURA non finirà mai, fino al chip sottopelle, abolizione contanti, abolizione proprietà privata, abolizione del lavoro e sistema di valuta digitale automatica inserita in chip biometrici. Tutto già scritto nel loro programma criminale, che va avanti finché la gente non si sveglia, ma i covidioti non ci arrivano, credono all’emergenza PERENNE pure senza morti!
    Ospedale del mare una settimana fa: evacuati i SEI positivi ASINTOMATICI! capito l’emergenza???? sei asintomatici su 6 milioni di campani, sono emergenza… e i dementi ci credono alla grande

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.