Cts: “Scuola deve riaprire, se Regioni vogliono chiudere si assumano responsabilità”

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
1
Stampa
Gli esperti del Comitato tecnico scientifico sono stati convocati oggi dal governo per un parere in merito alla riapertura delle scuole e hanno ribadito che le scuole devono riaprire e se le Regioni scelgono di tenerle chiuse se ne dovranno assumere la responsabilità. Per domani è previsto il ritorno in presenza dal 50% al 75% degli studenti delle superiori in zona arancione e gialla, ma vista la situazione epidemiologica, molti governatori hanno posticipato la riapertura.

Non sono poche le Regioni che avevano posticipato autonomamente la riapertura delle scuole. Troppi contagi ancora, per permettere il ritorno di milioni di studenti tra i banchi, sottolineavano.

Ieri il Friuli Venezia Giulia ha emanato una nuova ordinanza che stabilisce la didattica a distanza al 100% per le superiori fino a fine gennaio, dopo che il Tar aveva annullato il precedente provvedimento rimandando i ragazzi a scuola. Ma il governatore Massimiliano Fedriga ha rilanciato, firmando un’ordinanza che chiude tutte le scuole superiori nella Regione.

Anche in Calabria, Veneto, Sardegna, Marche e Basilicata le superiori riapriranno direttamente a febbraio. Si valuterà solo allora se i rischi legati all’emergenza coronavirus saranno tali da permettere agli studenti di rientrare in classe. Anche in Liguria, dove le scuole sarebbero dovute riaprire il prossimo 25 gennaio, il governatore Giovanni Toti aveva comunque annunciato di voler posticipare il rientro almeno di una settimana, per permettere ai contagi di scendere ulteriormente. Lo stesso era accaduto in Campania.

Dovrebbero invece rientrare il 18 gli studenti di Lazio, Molise, Piemonte ed Emilia-Romagna. Erano invece tornati in aula lo scorso 11 gennaio, subito dopo le vacanze natalizie, quelli di Toscana, Abruzzo e Valle d’Aosta. Per quelli di Lombardia, Sicilia e Bolzano, invece, al di là delle decisioni dei governatori sul calendario della riapertura, si continua con la didattica a distanza al 100% secondo le regole della zona rossa.

 

 

 

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

1 COMMENTO

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.