L’aspettativa di vita è calata di oltre un anno a causa della pandemia

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
2
Stampa
Due nuovi studi condotti nel Regno Unito e negli Stati Uniti hanno dimostrato che la pandemia di COVID-19 ha avuto un impatto significativo sull’aspettativa di vita, calata di oltre un anno dopo decenni di crescita. Negli USA l’impatto peggiore sulle popolazioni nere ed ispaniche, con un calo rispettivamente di 2,1 e 3,1 anni.

Lo scrive Andrea Centini su FanPage.it.

A condurre lo studio negli Stati Uniti – scrive Centini – i due scienziati Theresa Andrasfay e Noreen Goldman, rispettivamente della Scuola di Gerontologia “Leonard Davis” dell’Università della California Meridionale e dell’Office of Population Research presso la prestigiosa Università di Princeton.

I due scienziati hanno determinato che la pandemia di COVID-19 ha abbattuto l’aspettativa di vita media negli USA di 1,13 anni, con riduzioni dalle 3 alle 4 volte superiori per le popolazioni nere e latine. Secondo il modello statistico, per i bianchi il calo dell’aspettativa di vita alla nascita è risultato essere di 0,68 anni, mentre è stato di 2,1 anni per i neri e di 3,1 anni. Una disparità evidente che mette in luce le disuguaglianze sociali negli USA, che si riflettono sulla capacità di accesso all’assistenza sanitaria. Senza dimenticare che nei mesi critici del lockdown le comunità nere ed ispaniche sono state particolarmente esposte al rischio di contagio, poiché molti erano impiegati nei lavori essenziali che non hanno mai smesso di funzionare.

A evidenziate l’impatto catastrofico della pandemia il fatto che l’aspettativa di vita negli USA è cresciuta costantemente (di 10 anni) nell’ultimo mezzo secolo, e solo recentemente aveva raggiunto una certa stabilità. In base ai dati dei CDC la COVID-19, l’infezione provocata dal coronavirus SARS-CoV-2, negli USA nel 2020 è stata la terza causa di morte dopo patologie cardiovascolari e tumori. Lo studio americano è stato pubblicato sulla rivista scientifica PNAS.

A risultati analoghi è giunta un’indagine dell’Università di Oxford, che sarà presto pubblicata sul Journal of Epidemiology and Community Health, come specificato dal Daily Mail che ha intervistato l’autrice principale Ridhi Kashyap. Lo studio britannico si è basato sulla mortalità in eccesso tenendo conto dei dati che vanno dal 2 marzo al 20 novembre del 2020, un intervallo di tempo nel quale nel Regno Unito sono stati registrati poco meno si 60mila morti.

Sono il 15 percento in più di quelli previsti, se non ci fosse stata la pandemia. “Il cinquantacinque percento delle morti in eccesso si è verificato tra gli uomini. Le morti in eccesso sono aumentate notevolmente con l’età e gli uomini hanno sperimentato rischi elevati di morte in tutte le fasce d’età”, hanno scritto gli autori dello studio. Considerando l’impatto devastante della pandemia nel Regno Unito nelle ultime settimane, i ricercatori ritengono che i risultati finali saranno ancor più pesanti.

In base alle analisi condotte da Kashyap e colleghi, la diffusione del coronavirus ha ridotto di 1,2 anni l’aspettativa di vita degli uomini e di 0,9 anni delle donne. Gli scienziati ritengono che una certa riduzione dell’aspettativa di vita persisterà anche nel 2021, non solo a causa diretta della pandemia, ma anche per l’impatto sociale ed economico della stessa.

 

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

2 COMMENTI

  1. Questi pubblicano dati senza farsi autorizzare dal PROF. Pino Ciccio Bello.
    Sicuramente saranno smentiti dal testicolino corridore, prof. emerito del taglia e incolla bufale on-line.

  2. Io aggiungerei che oltre la speranza di vita, il COVID ha ridotto il funzionamento dei neuroni in molte persone, runnerizzatevi!

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.