Campania, il Tar boccia De Luca: sì alle lezioni in presenza per elementari e medie

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
21
Stampa
Il Tar della Campania boccia il governatore Vincenzo De Luca e apre al ritorno alle lezioni in presenza per le scuole elementari e medie della Campania. Il decreto firmato dalla presidente Maria Abbruzzese accoglie per la prima volta un ricorso presentato contro le ordinanze del governatore De Luca che fino ad oggi limitano le lezioni in presenza alle prime due classi della scuola primaria. La Regione corre ai ripari e prepara l’ordinanza che riapre quarta e quinta elementari.

L’istanza cautelare era stata presentata da famiglie e dal gruppo Pillole di Ottimismo che ha supportato con relazioni tecniche e scientifiche le posizioni dei legali che già avevano vinto analogo ricorso in Lombardia. Per quanto riguarda gli effetti della decisione, scrive il Tar, la sospensione delle ordinanze regionali, con riferimento alle sole scuole elementari e medie, è “da intendersi autoesecutiva quanto alle classi della scuola elementare” che, si legge nel decreto,  “sono allo stato già aperte sia pure per un numero più limitato di studenti e che non richiedono misure ulteriori ai fini della riapertura totale”.

Per quanto riguarda le scuole medie, “essendo invece necessarie attività propedeutiche alla materiale riapertura”, che sono “di competenza dei singoli dirigenti scolastici”, l’accoglimento “deve intendersi nel senso” che la Regione non potrà reiterare una nuova ordinanza che disponga la “ulteriore sospensione delle attività didattiche in presenza oltre il 24 gennaio 2021” e che spetta agli organi regionali “impartire ogni disposizione necessaria o opportuna per consentire la riapertura delle scuole medie entro il 25 gennaio 2021”, beninteso sempre “fatte salve le competenze dei Sindaci e del Dirigenti scolastici”.

In ogni caso, “l’eventuale ulteriore dilazione, purché di ragionevole e certa durata, potrebbe essere presa in considerazione solo quale misura determinata da specifiche e peculiari difficoltà operative locali, ma non potrebbe comunque essere giustificata come misura generalizzata su tutto il territorio regionale”, sottolinea il presidente della quinta sezione.

Nel suo provvedimento, il Tar non nasconde che “ricorra tuttora una situazione di emergenza sanitaria, peraltro normativamente dichiarata; che ha, nel recente passato, giustificato misure variamente restrittive di diritti e interessi e che ne richiederà probabilmente, in prospettiva, delle altre”. Ma rileva alcune “criticità” nel potere esercitato dalla Regione Campania.

Ad esempio, si legge, “non si è dato conto di un’attività di rilevazione sul territorio che desse conto dell’effettiva utilità della misura restrittiva, incidente sul diritto all’istruzione, sul contenimento del contagio, che ha, nonostante le disposte sospensioni della frequenza scolastica (anche per effetto della chiusura natalizia), continuato a diffondersi”. Anzi, aggiunge il Tar, “i dati acquisiti, anche quelli “aggiornati”, dimostrano invece che il contagio si sviluppa anche quando le scuole sono chiuse (appunto, durante le vacanze natalizie)”.

Elemento che, prosegue il decreto “fa sorgere il legittimo dubbio sull’effettiva idoneità della misura restrittiva dell’attività scolastica in presenza ai fini della riduzione del contagio, in assoluto ma anche ove si sposti l’attenzione sul piano della relazione costi/benefici, che è parte integrante del sindacato sulle ordinanze contingibili e urgenti; è quantomeno dubbio, quindi, che si tratti di misura “idonea” all’auspicato contenimento e men che meno di misura “significativamente idonea” a tale scopo, anche tenuto conto delle misure di prevenzione comunque apprestate nell’esercizio delle attività scolastiche e di cui la regione ha dato conto (tracciamento, isolamento del caso positivo, dispositivi di protezione)”.

Inoltre,  evidenzia il presidente della quinta sezione, “occorrerebbe dimostrare che si tratti di misura anche indispensabile, escluse tutte le altre ipotizzabili, a tale scopo; e che si tratti di misura “proporzionata”, ossia oggettivamente limitata a quanto strettamente necessario a fronteggiare il pericolo, il che è da escludersi in ragione della operata generalizzazione della misura restrittiva in tutto l’ambito regionale, e ciò nonostante la notoria differenziazione dei territori, metropolitani, urbani e rurali, che, anche sotto il profilo della pressione demografica, compongono il territorio di pertinenza; e, infine, che si tratti di misura temporalmente limitata, il che, considerata la saldatura con le precedenti disposte sospensioni, che rimontano a diversi mesi or sono, rende non più ragionevole la imposta restrizione”.

Il Tar ricorda inoltre “la scarsa incidenza delle problematiche relative al trasporto pubblico per gli alunni delle scuole elementari e medie”, ritenendo dunque che non vi sia “motivo alcuno di perpetuare la sospensione per tali classi, non essendo la sospensione ulteriormente giustificata ed incidendo la stessa sulla piena fruizione del servizio scolastico nella ordinaria modalità in presenza, che garantisce anche il pieno sviluppo della personalità dei minori”.

Il decreto fissa la trattazione collegiale dell’istanza per il 2 febbraio prossimo.

Fonte: LaRepubblica

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

21 COMMENTI

  1. finalmente! iniziamo a mettere FINE all idiozia covidiota e al protagonismo stupido dei governatori (non uno solo purtroppo).
    Aprire solo la 1 e 2 elementare è da idioti.

  2. Ai genitori che hanno proposto ricorso vorrei dire non pensate di aver vinto non era una gara, non pensate di essere stati in gamba, non esultare, non gioite alle spalle dei genitori preoccupati e scossi da questa notizia MA PENSATE E MEDITATE SU QUELLO CHE AVETE CHIESTO ED OTTENUTO solo il tempo ci dirà se avete vinto!

  3. Assurdo che non si stia dando la possibilità ai genitori di scegliere.

  4. Tranquilli. Tante maestre già si stanno mettendo in malattia. Immagino che durante la notte si troveranno tante supplenti… il tempismo è tutto! Da domani bidelli a sorvegliare gli alunni. Tutto qua.

  5. E il famoso imprenditore che si sta battendo per tutte le ragioni del mondo chi lo sente adesso…

  6. 18:52 fetente sei tu. Dopo un anno di scuole e attività chiuse, stiamo esattamente COME PRIMA, NULLA è cambiato, e tu ancora non hai capito la truffa covidiota? Ancora credi al virus “a ora”, oppure che viaggia aun km sputando, o che sta nei caffè al bar fino alle 11 del mattino, o che esce alle 22 di sera ma solo se non stai in ristorante, altrimenti esce alle 18…??
    davvero credi a questo?
    I test sono falsi e quindi quelli che ti spacciano per casi positivi semplicemente non lo sono. Sono malati? forse! ma di altro! I morti? certo che ci sono! ma morti per altro, non per forza per covid!
    Da mesi si dice ormai che i morti sono dovuti a cure non fatte o sbagliate, imposte dall’alto. La morte per covid avviene per problemi circolatori a livello polmonare. Sono problemi seri, ovvio, ma curabili abbastanza facilmente, SE, e sottolineo SE, vengono curati come tali.
    Ancora dovete capire dopo un anno???

  7. Il TAR, in base alle conoscenze scientifiche attuali, in sintesi:
    – le scuole chiuse non fanno diminuire i contagi
    – scuole chiuse + DAD portano gravi danni.
    Quindi le continue chiusure campane: decisioni scellerate.

  8. Dal pediatra avSalerno in 10 minuti sono arrivate due telefonate di genitori con bimbi positivi che non sapevano cosa fare ….che esultate la scelta giusta di riaprire le scuole sarà sancita dai contagi in non contagi dopo 15 giorni, ne dal TAR ne dal testicolino negazionista che non capisce una beata m….

  9. ed ecco il cretino che appare con la solita parola che gli è tanto cara, testicolino. Li tiene sempre in testa, non c’è che dire, è il fesso 23:35.
    I genitori coi bimbi positivi che non sapevano cosa fare??!? ma lo sanno che nessun bambino è morto per covid al mondo? e lo sanno che positivo è solo una condizione mentale ormai, visti i test fasulli?? per il 97% i tamponi danno falsi positivi in coltura, quindi quei bambini molto probabilmente non hanno nulla, ma la cosa peggiore è che potrebbero avere un’altra malattia e non vengono curati solo perchè il test fasullo ha detto che è covid, mentre non lo è.
    Risultato? si ammalano e si aggravano NON per il covid, ma perchè non sono stati curati per quello che realmente hanno.
    Questa è la situazione generale in italia e nel mondo, finché ci stanno idioti come 23:35 a scrivere cose sull’unico argomento che conosce, i testicolini.
    I danni psicologici su bambini e ragazzi sono infinitamente maggiori, e sono causati dal terrorismo e dai genitori che li tengono in casa h24 di fronte a un cellulare… Vergognatevi.

  10. 3:58

    Altro nome, stesso imbecille che si crede una volpe. Preoccupati della tua di condizione mentale.

  11. Adalgiso TU SI CHE SEI UN IDIOTA! Chi scrive ha visto la morte in faccia e sono stato contagiato e perché devo lavorare e per forza con il pubblico. Bene, io sono stato positivo al COVID19, ma fortunatamente della patologia non ho avuto i sintomi, ma comunque ti vedo passare tutta la VITA davanti agli occhi e spero che non accada nulla ai tuoi cari giovani o anziani. Ancora che fate i negazionisti di questo caxxo❓ Io sono un soggetto sano, ma aldilà di tutto… bisogna sempre essere fortunati -(nella sfortuna) ad prendere una forma patogica che non ti porti ad essere ricoverato etc etc.
    Smettetela di parlare di cose che non conoscete, fate i CITTADINI Civili se ci riuscite, e non aiutate l’ignoranza a prevalere sulla ragione. Si, è ignoranza quella che anima quattro deficiente che non ne sanno nulla, eppure, io per cultura e mestiere avrei potuto scansare il contagio… invece, non sono in grado di spiegarmelo… la cosa importante che anche questa è passata è sto qui a raccontarla. Ma 85.000 morti non vi dicono nulla ❓ Se poi volete fare i tifosi di questo è quel politichello… fate pure,… ma ricordatevi che tutti dovremo essere contagiati direttamente (infezione) indirettamente col vaccino e se non si arriva alla famosa quota del 75/80% del contagio di gregge…. qui conteremo ancora migliaia di morti. Che ognjmo faccia la sua parte e smettetela di fare i faziosi e gli “esperti” del piffero!
    Pregherei la redazione di non censurare, ma di non alimentare dibattiti tra idioti. Grazie

  12. È sempre bello vedere scienziati salernitani con la terza media in agricoltura che indicano quale test è buono e quale è falso. Meno male che ci siete voi con i vostri studi e le vostre verità, la mattina portate il caffè e preparate l’impasto ma la sera siete luminari in medicina.

  13. -uno che si firma e quindi autodefinisce 4ciucci è non solo un ciuccio ma un ciuccio quadruplo per sua stessa ammissione!

    -cacatonemontanaro, altro autodefinitosi. Uno al quale basta prendere una rondine per dire che è primavera! Il mondo è la sua vita e la sua vita è il mondo! Uno che per sua stessa ammissione NON ha avuto sintomi, quindi ha avuto la peggiore malattia dellìumanità ma SENZA SINTOMI! e nonostante questo continua a ripetere le pappagallate sulla presunta tragedia! Ti sei insultato da solo, lo capisci?! I morti? ancora devi capire che gli 85mila morti sono presi dalla mortalità ordinaria per la quasi totalità?? e per il resto sono STATI UCCISI dalle terapie imposte e da quelle vietate, nonostante fossero validissime. Vedi il plasma. E finiscila con quelle cretinate inutili, esperto del piffero è chiunque sta parlando in TV, ora pure Marzullo è diventato esperto, dopo Fiorello e la d’urso.

    -09.12 sei pratico di snai e di cose create perfare fessi quelli che ci credono vero? Uno come i tanti che, non avendo capito nulla e non sapendo cosa dire, si autoconvincono che chi dice cose diverse sia uno che sbaglia. Peccato che non sapete dire mai niente nel merito.

    -11.03, un idiota! in base a cosa dici che sono la stessa persona? e tu come ti chiameresti, sentiamo un po’, “Per Adalgisio e Bordin (stessa persona)”!??!? questo è il tuo nome??! che cretino che sei! uno che si firma “Per Adalgisio e Bordin (stessa persona)” accusa altri di essere persone diverse dal nome scritto qui! Se non sei un cretino tu, chi lo è!???!

  14. perchè non ci dici qualcosa di serio piuttosto? e puoi anche dirci in base a cosa affermi che sono la stessa persona? se ce lo illustri puoi avere una certa credibilità, altrimenti passi solo per un bimbominkia.
    Curtatone, lo capisci che ti stai sput anando da solo?! prima parli della gravità della malattia, poi dici che non hai avuto nessun sintomo (strano per una malattia tanto grave), e poi dici che tutti dovremo essere contagiati tramite il vaccino! peccato che quel contagio “lieve” si sarebbe potuto ottenere naturalmente facendo vivere le persone normalmente all’aperto, prendendosi esattamente quella piccola dose di virus tale da immunizzarci tutti o quasi!
    Come sempre da che mondo è mondo, prima che i boccaloni come voi si facessero infinocchiare dalla tv e stampa di regime.

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.