Vaccini, De Luca: “E’ mercato nero, stop manfrine o invalidiamo piano distribuzione”

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
3
Stampa
“Nessuno mi dica che stiamo rispettando criteri oggettivi, abbiamo assistito al mercato nero dei vaccini. Lo abbiamo denunciato e chiesto un riequilibrio che ancora non è avvenuto”. E’ quanto afferma il Governatore della Campania Vincenzo De Luca nel corso della sua diretta social settimanale.

“Stiamo discutendo con Arcuri su come garantire la copertura dei richiami, qualcuno ha detto che la Campania non ha accumulato scorte, è un’idiozia. È arrivato il tempo di smetterla con le manfrine, arriveremo a chiedere l’invalidazione del piano di distribuzione, mi auguro che prevalga il buon senso e la correttezza da parte di tutti”.

LE PAROLE DEL GOVERNATORE

“Il Governo ha fatto un piano di distribuzione dei vaccini tra le Regioni che noi abbiamo contestato dall’inizio perché assolutamente squilibrato e penalizzante per noi. Il piano è rapportato a due parametri: il numero di dipendenti nelle strutture sanitarie e il numero di anziani ospitati nelle residenze sanitarie assistite.”

“Le motivazioni sono inaccettabili e totalmente sbagliate. Se avessimo voluto distribuirli sulla base del numero di dipendenti non avremmo avuto gli squilibri che abbiamo registrato. Sul numero di residenze sanitarie anche questo è un ragionamento bizzarro. Ci sono regioni con molte più residenze di noi per ragioni storiche ma averne il doppio non significa che hai il doppio di anziani. Non è che gli anziani non ospitati nelle RSA sono scomparsi. Sono presenti, sono in vita e forse hanno condizioni anche di maggiori sofferenza”

“I presupposti del piano generale sono profondamente sbagliati. Tutto quello che è venuto dopo è rapportato a quel piano. Così la conseguenza di queste ore sarebbe la seguente: ci troviamo di fronte a 135.000 vaccini in Campania, tenendo conto della diminuzione del 10%. L’Emilia-Romagna ne ha 50.000 in più, il Lazio 45.000 in più. La Lombardia ha 340.000 vaccini cioè 265.000 in più di noi. Il Piemonte ne ha 170.000 con un milione e mezzo di abitanti in meno.”

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

3 COMMENTI

  1. … cosa non si fa per una poltrona ed un vaccino…. entrambe si conquistano con la moneta…. fra poco il popolo Italiano per vaccinarsi dovrà andarsene all’estero! Ma volete farci credere che è la Pfizer il problema? O sono le tangenti che si sono bloccate? Che possiate essere folgorati da 10.000 volts … Arcuri & Co. e che tutte le tangenti , estorsioni e ruberie … vengano punite in modo esemplare. L’unico paese al mondo dove viene trovato il soggetto con le mani nel bidone della marmellata… gli viene consentito di continuare ad impastare con mascherine, tamponi, siringhe a doppia scala, vaccini, termo scanner e tecnologie tutte pagate a caro prezzo se non almeno 5 volte tanto.

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.