Varianti Covid: arriva una stretta sui viaggi in Europa

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
Non è una buona notizia quella che arriva dall’Ue. Le nuove varianti del Covid-19, infatti, preoccupano moltissimo tutto il Continente. Proprio per questo la presidente della Commissione europea, Ursula von der Leyen, ha spiegato che è necessaria una nuova mappatura in cui saranno previste zone “rosso scuro” per le aree dove la situazione epidemiologica è particolarmente complicata e per le quali  — ma saranno gli Stati a decidere — saranno fondamentali quarantene e test.

In poche parole è stato stabilito di mantenere aperte le frontiere interne al Continente, applicando però un forte scoraggiamento a intraprendere tutti i viaggi non essenziali.

A raccomandare la necessità di misure più restrittive è stata anche l’Ecdc (Agenzia europea per il controllo e la prevenzione delle malattie). Misure che saranno facilitate anche dalla decisione di un riconoscimento reciproco dei test, compresi quelli rapidi, in tutta l’Unione.

I primi a mettere in campo una nuova strategia al riguardo sono stati i francesi. Infatti, a partire da domenica a mezzanotte, tutti i viaggiatori all’interno dell’Unione europea dovranno possedere un certificato di un tampone molecolare negativo effettuato 72 ore prima di superare i confini territoriali. Il test sarà obbligatorio per “tutti i viaggi non essenziali” e resteranno esclusi solamente i frontalieri e quelli del trasporto via terra.

Sembra, invece, ancora troppo presto per raggiungere un vero e proprio accordo sul certificato vaccinale come documento di viaggio. Proposta arrivata qualche giorno fa dal Ministro greco Kyriakos Mitsotakis, e sostenuta da Spagna e Malta.

A tal proposito, infatti, restano i dubbi di molti, con in testa Francia, Germania e Olanda, mentre i leader dell’Unione europea sembrano essere favorevoli a un documento per fini medici. Il punto è che la sanità è competenza esclusiva nazionale e per questo il coordinamento tra i governi Ue non risulta del tutto semplice.

Intanto, dopo un dibattito iniziato a dicembre, gli Stati Ue hanno approvato all’unanimità una raccomandazione – non vincolante -, ma fortemente sostenuta da Berlino. Indicazione che stabilisce un quadro comune per il riconoscimento reciproco dei risultati dei test Covid-19 in tutta l’Ue e sull’uso dei test rapidi antigenici. L’obiettivo di tutto ciò è continuare a consentire gli spostamenti transfrontalieri, al fine di permettere il funzionamento del mercato unico.

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.