“La balena di Sorrento come ambasciatrice della sua specie”, appello di Marevivo

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
3
Stampa
Nella mattinata di lunedì si è svolta l’ultima fase del recupero della balena di Sorrento, il cui scheletro è stato interrato in attesa di poter procedere, nei tempi dovuti, alla futura esposizione. Il grandissimo lavoro è stato possibile grazie al coordinamento dei tanti soggetti coinvolti:

Capitaneria di Porto, Area Marina Protetta di Punta Campanella, ASL della Campania, Comune di Sorrento, Regione Campania, ARPAC, Istituto Zooprofilattico, Anton Dohrn, CRIUV Group; Università degli Studi di Napoli Federico II e MAREVIVO, quest’ultimo con il coinvolgimento dell’Associazione Nazionale e delle delegazioni regionali, Sorrento e Salerno.

Se in un primo momento si era ipotizzato che si potesse trattare dell’esemplare avvistato quello stesso pomeriggio nel porto, un confronto con le immagini video ha escluso, sorprendentemente, questa possibilità. Escluso anche che si trattasse della madre di quell’esemplare, in quanto non risulta che la femmina analizzata avesse partorito da poco.

Con i suoi quasi 20 metri di lunghezza, si conferma la balenottera comune più grande mai registrata nel Mediterraneo.

Come Marevivo siamo intervenuti immediatamente, grazie alla presenza dei responsabili delle delegazioni Campania, Sorrento e Salerno, seguendo ogni fase della complessa operazione. Siamo molto soddisfatti che il nostro lavoro abbia favorito questo risultato e scoraggiato la soluzione estrema dell’affondamento che non ci avrebbe consentito alcuna analisi scientifica.” ha dichiarato Rosalba Giugni, fondatrice e Presidente di Marevivo Onlus. “.

L’Associazione Marevivo Onlus ha seguito, quindi, con grande trepidazione la vicenda dal momento del ritrovamento del cetaceo nel porto di Sorrento fino al suo interro, attraverso la presenza costante delle sue delegazioni territoriali partecipazione alle diverse riunioni operative sul piano territoriale e mediante l’attività del nazionale che ha interessato e compulsato le più alte Istituzioni.

Siamo stati molto coinvolti da questa vicenda” dichiara il delegato di Salerno, Pietro Vuolo: “Abbiamo vissuto con grande trasporto il ritrovamento e ci siamo da subito interrogati sulle cause della morte della balena, che gli scienziati sapranno svelare, e sulla sua futura valorizzazione. È stata un’attività che ha unito gli Enti e le associazioni in uno sforzo congiunto e credo che questo sia il messaggio che la balena ha voluto darci, di restare uniti, compiere ogni azione per la tutela del mare e per il rispetto dell’ambiente.

Ringraziamo, infine – sottolinea la delegata di Sorrento, Mariarosaria Gargiulo – il Comune di Sorrento per l’impegno assunto per la futura musealizzazione della balena e l’AMP di Punta Campanella che ha profuso ogni sforzo possibile nella vicenda. Per noi un privilegio contribuire alla diffusione dei dati ed alle attività proprie di MAREVIVO di educazione ambientale.”.

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

3 COMMENTI

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.