Galli: “Cautela è d’obbligo, rischioso il liberi tutti”

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
“Il giallo è un bel colore ma se interpretato come un liberi tutti e’ rischioso” ha ammonito Massimo Galli, primario infettivologo dell’ospedale Sacco di Milano, intervenendo al congresso scientifico multidisciplinare ‘Contagio’ promosso in collaborazione con la Presidenza del Consiglio comunale milanese.

“In ospedale stiamo meglio ma non c’è un trend chiaro – ha detto Galli – i nervi distesi non li abbiamo ancora, soprattutto vedendo cosa succede quando si entra in zona gialla”. Galli ha notato che diverse Regioni sono oltre la soglia considerata critica del 30% di occupazione delle terapie intensive.

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.