Coi soldi dei banchi a rotelle 16mila assunzioni in più nella scuola”: il fallimento dell’Azzolina

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
10
Stampa
Con quello che il governo ha speso in banchi, a rotelle e non solo, nella scuola si potevano assumere 16mila persone tra insegnanti e personale non docente. A fare i conti è stata la Uil, sottolineando che “l’errore è a monte”, è “avere pensato di poter risolvere le criticità conseguenti la pandemia investendo in arredi anziché in persone“. Dunque, anche da questi numeri arriva l’ennesima conferma del fallimento su tutta la linea del duo Azzolina-Arcuri e, con esso, di tutto il governo. Che manca di “visione”  e “programmazione” e ha “sprecato soldi”.

Le nuove assunzioni, ha spiegato Pino Turi, segretario generale della Uil Scuola, avrebbero consentito di “ridurre il numero di alunni per classe”. Dunque, di affrontare diversamente il problema del sovraffollamento. Ma non c’è solo questo. C’è un “conto” impietoso fatto dal sindacalista. “Con quanto si è speso, circa 500 milioni di euro complessivi tra banchi tradizionali e a rotelle, avremmo assunto 16mila persone per un anno. Dunque, sostenuto 16mila famiglie”. Avremmo avuto, insomma, ha sottolineato il segretario della Uil Scuola, “meno problemi alla schiena” e più “benessere oltre che individuale anche collettivo”.

Turi, per altro, ha chiarito di non avere alcuna preclusione verso i banchi a rotelle, “arredi innovativi, che hanno un loro perché in situazioni particolari”. Detto ciò, però, non è possibile pensare di affrontare una fase come questa con una soluzione tanto costosa quanto al ribasso. “La mancanza di visione, di programmazione – ha sottolineato il sindacalista – ha indotto in errore portando a sottovalutare il problema”.

“Abbiamo assistito a uno spreco di risorse; di soldi spesi, non investiti; di banchi inutili in assenza di didattica innovativa, nocivi per la schiena e accatastati nelle terrazze. Quando con l’aumento dell’organico – ha ribadito il segretario della Uil Scuola – avremmo consentito la diminuzione di alunni per classe”. Intorno alla scuola “la società si sta spegnendo”, eppure è “la struttura più importante del Paese, con un milione di addetti. Mi auguro – ha quindi concluso Turi – che il prossimo ministro non sia un Messia, ma abbia peso ed efficienza politica”.

Fonte Il Secolo d’Italia

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

10 COMMENTI

  1. Caro Andrea qui nn si tratta di fare polemica sui ns soldi buttati al vento per comprare i banchi con le rotelle ( prezzo x ogni banco: euro 300!!!!!!!!!!) che nn serviranno a nessun alunno e a nessuna scuola, ma si tratta di capire lo scopo vero di questa enorme spesa inutile e dannosa x i ragazzi!
    Davvero ci troviamo di fronte a persone del tutto incompetenti e da sostituire subito con professionisti del settore competenti e con la testa sulle spalle!

  2. Mi spiace dirlo, ma non ho approvato niente di ciò che ha fatto negli ultimi mesi: decisioni irrazionali, senza logica e senza futuro.

  3. Se avessero usato quei soldi per ristrutturare e rimettere in senso migliaia di immobili inutilizzati hai voglia di quante aule in più si potevano avere. Rann e pazziel man e criatur band e sciem

  4. finalmente AZZOLINA ed ARCURI andranno a spasso invece di rovinare scuola e sanità.
    l’incompetenza, l’arroganza e l’ignoranza politica di questi personaggi hanno sperperato milioni
    degli italiani senza alcun risultato.
    basta rappresentanti di certe fazioni o movimenti pseudo politici che hanno dimostrato solo incapacità: dall’inps alla scuola solo disastri, per non parlare del signore che ha perso 5 mesi per trovare i banchi a rotelle. Santo draghi, poteva arrivare 7 mesi fa.
    i partiti che non lo appoggeranno pienamente, non dovranno essere votati alle prossime elezioni.
    i cittadini non possono essere penalizzati da giochi di potere scatenati da lega, grillini ed ex comunisti, ora basta siamo stanchi di vedere queste scene in tv di personaggi falliti e fannulloni che ad ogni costo vogliono sfruttare la politica solo per interessi personali.

  5. Ma tutti quelli che intervengo a demonizzare questi banchi ne hanno mai visto uno? Hanno mai visto aule multimediali e laboratori dove erano gua in uso da 10 anni? Ecco cos’è diventata la politica: offese e luoghi comuni

  6. Ma tutti quelli che intervengo a demonizzare questi banchi ne hanno mai visto uno? Hanno mai visto aule multimediali e laboratori dove erano gua in uso da 10 anni? Ecco cos’è diventata la politica: offese e luoghi comuni

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.