Covid, il Tar di Salerno riapre le scuole a Scafati. Accolto il ricorso

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
14
Stampa
Accogliendo l’istanza presentata da sette cittadini di Scafati, il
Tar Campania – sezione distaccata di Salerno – ha sospeso
l’efficacia dell’ordinanza sindacale n. 3 del 6 febbraio 2021 con
cui era stata disposta la sospensione delle attività didattiche in
presenza in tutte le scuole del territorio fino a sabato 20 febbraio (compreso), nell’ambito delle misure attuative per la prevenzione e la gestione dell’emergenza epidemiologica da COVID-19.

Il presidente della prima sezione Leonardo Pasanisi ha accolto la richiesta di sospensiva, fissando per il prossimo 9 marzo la trattazione in camera di Consiglio. Nel decreto – come si legge su Ottopagine.it – il giudice fa riferimento al documento redatto dalla Regione Campania lo scorso 28 gennaio, attraverso il quale non ha «compresso o limitato la disciplina specifica di tali attività didattiche, limitandosi a fornire raccomandazioni ai Dirigenti scolastici sulle cautele da adottare».

Per Pasanisi, inoltre, «il provvedimento impugnato (con il quale viene disposta una sospensione generalizzata delle attività didattiche in presenza su tutto il territorio comunale) non contiene alcun riferimento a dati sanitari specifici dell’Unità di Crisi regionale o della competente ASL circa un aggravamento dei contagi nelle scuole o circa il nesso eziologico tra l’attività didattica in presenza ed un incremento dei contagi in altri settori o ambiti relazionali». La chiusura delle scuole, inoltre, secondo il Tar provocherebbe un grave danno in relazione al diritto allo studio.

 

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

14 COMMENTI

  1. Perfetto, come vi avevo anticipato, il TAR riaprirà tutte le scuole che sono state chiuse dei sindaci, era chiaro che le supposte chiusure, non erano dettate da un aumento dei casi, ma solo da un evidente incompetenza dei primi cittadini!!

  2. Se un sindaco decide di chiudere le scuole, avrà i suoi buoni motivi. Riaprendole si espone la collettività ad un rischio di contagio senza che i giudici del TAR (in smart working) se ne assumano le responsabilità

  3. Se non sono a scuola, sono ai baretti tutti belli vicini vicini!! Dunque dove è più facile contagiarsi? Ed inoltre, la scuola è un diritto sancito dalla costituzione!! Capito?

  4. se non sono a scuola, sono davanti al pc a fare la DAD e durante quelle ore di sicuro non si contagiano e non contagiano.

  5. Vergognatevi, pur di liberarvi dei vostri figli siete disposti a rischiare il contagio. La scuola non è un parcheggio…i ragazzi se seguiti studiano anche da casa!!!

  6. Ragazzi Sasy è Runner, e Runner è Sasy. Inventa nickname nuovi per far vedere che più di uno la pensano (pensano è un parolone) come lui. Che tristezza di personaggio.

  7. Nessuno studia a casa!! Fatevi un giro la mattina!! Dormono fino alla 12 e dopo play station!! I compiti li fanno i pseudo genitori!!

  8. Ma quelli che pur di far copiare i ragazzi e credere che siano geni vogliono la dad? Forse sono seguaci di chi piazza i figli in politica anche se ignoranti?

    Ricordo che in tutta Italia le scuole sono aperte.

  9. Da domani andiamo a fotografare i figli di tutti i SIDAD nei baretti, nelle piazze, mentre si abbracciano, giocano a pallone e mandiamoli ai genitori “paurosi” a c… loro

  10. Il governo ITALIANO ha deciso di riaprire le scuole con il dpcm tuttora in vigore. Ora aldilà del pensiero dei contagi o meno un sindaco non puo permettersi di chiudere le scuole in base alle notizie che si leggono sui giornali, oppure perchè uno è allarmista ha un pensiero di chiudere le scuole , è poichè è sindaco lo fà. Qui non funziona così. Le scuole dipendono dal ministero dell’istruzione. In poche parole un sindaco non puo chiudere le scuole quando c’è un decreto legge che ha aperto alle lezioni in presenza. La legge tutti la devono rispettare sindaco o non sindaco. Qui si stà oramai perdendo il senso della misura.

  11. Non so dove lei viva ma di mattina da quando c’è stata la chiusura delle scuole, non ho mai visto un ragazzino nei pressi dei bar. Semmai ho visto gente molto più grande sorseggiare caffè e aperitivi, parlando costantemente con le mascherine abbassate. E’ facile dare la copa ai giovani, magari rimproverarli pure tanto non reagiscono per rispetto, provateci con i vostri coetanei a farli ragionare, vediamo cosa ne esce.

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.