Focolaio in scuola a Perugia: ecco come due bimbe hanno tracciato il contagio

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
3
Stampa
Due bimbe di terza elementare portano avanti un’indagine epidemiologica nella loro classe, scoprendo che i compagni seduti agli ultimi banchi sono quelli che hanno contratto il Covid. Le due ‘geniette’ si chiamano Emma e Matilde, vivono a Perugia, e con i loro schemi disegnati su un foglio a quadretti hanno lasciato a bocca aperta i genitori e gli insegnati della loro scuola elementare del quartiere Borgo XX Giugno, nel capoluogo umbro. Il plesso è stato chiuso a causa di un focolaio Covid.

In attesa dei risultati dello screening operato dalle autorità sanitarie, Emma e Matilde hanno riprodotto su un foglio, con delle caselline, la disposizione in classe degli alunni e sottolineato con la matita rossa i loro compagni che via via sono risultati positivi, in 10 sui 23 che abitano giornalmente l’aula.

Al termine dell’esercizio statistico – che, assicurano i genitori, non è stato “imbeccato” dagli adulti – le bambine hanno potuto constatare che a infettarsi sono stati otto dei dieci alunni seduti in quarta e quinta fila. Al contrario, fra i 13 bambini seduti fra la prima e la terza fila, se ne sono contagiati solo due.

La tesi che sta animando il dibattito nella scuola e su cui si fonda la mini-indagine epidemiologica, è che la circolazione d’aria fra la porta e la finestra – poste una di fronte all’altra a ridosso delle prime file – abbia evitato che i ragazzi si contagiassero, cosa che non è accaduta in fondo all’aula, nonostante la presenza di un’altra finestra, sempre sul lato opposto della porta ma più lontana. Ovviamente, l’altra ipotesi è che, come spesso accade a scuola, chi è seduto in fondo sfugge più facilmente al controllo degli insegnanti e magari si procura qualche occasione di contatto in più.

“Le bambine sono state molto brave – commenta Antonio Magi, presidente dell’ordine dei medici di Roma – perché hanno portato avanti, con i loro mezzi, una piccola indagine epidemiologica e hanno centrato il punto: la circolazione d’aria è un deterrente per il contagio. È una tesi molto accreditata quella secondo cui lo scorso anno la Lombardia e tutta la Pianura Padana abbiano sofferto la forte umidità e l’assenza di venti e che questo abbia favorito il protrarsi del contagio, rispetto al centro sud, dove sono iniziate giornate calde già a febbraio, alternate ad altre con venti molto forti”.

Certo, sottolinea Magi, “una sola classe e un solo episodio non possono determinare scientificamente una tesi, ma la questione posta è corretta: bisogna ridurre l’umidità e far circolare l’aria negli spazi chiusi”.

Molto orgogliosi i genitori di Matilde. Il papà Francesco ha pubblicato su Facebook lo schema rifatto al computer, mentre la mamma Noemi scherza: “Avevo un genio a casa e non lo sapevo! Avranno fatto effetto le cronache dell’ultimo anno”. Entrambe le bimbe hanno evitato il Covid: addirittura quella di Emma risulta l’unica casellina bianca in mezzo a nove rosse. Un sistema immunitario di livello, evidentemente, oltre alla spiccata intelligenza.

https://www.ilfattoquotidiano.it/

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

3 COMMENTI

  1. mandetemi questo disegnino…..lo faremo annullare dal TAR di Salerno.
    Questi bimbi non hanno proprio voglia di andare a scuola altro che geni.

  2. Alle due bimbe, dimostrano facoltà mentali superiori ad asini convinti che scrivono castronerie dalla mattina alla sera.

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.