Covid e varianti, Ricciardi: “Necessario lockdown totale e immediato in tutta Italia”

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
11
Stampa
Il messaggio arriva dal consigliere del ministro della Salute e non ha bisogno di interpretazioni: “È urgente cambiare subito la strategia di contrasto al virus Sars-Cov-2: è necessario un lockdown totale in tutta Italia immediato, che preveda anche la chiusura delle scuole facendo salve le attività essenziali, ma di durata limitata”. È quanto detto da Walter Ricciardi, secondo cui oltre alla chiusura generale di ogni attività “va potenziato il tracciamento e rafforzata la campagna vaccinale”.

“È evidente – è il parere di Ricciardi – che la strategia di convivenza col virus, adottata finora, è inefficace e ci condanna alla instabilità, con un numero pesante di morti ogni giorno. Ne parlerò col ministro Speranza questa settimana”. Il consigliere del ministro non ha fatto cenno alla questione delle varianti del Covid, ma è chiaro che l’aumento dei contagi risente della diffusione di queste ultime in tutte le fasce della popolazione.

Venerdì l’Iss aveva spiegato che al momento la variante inglese rappresenta il 17% dei casi registrati in Italia, una percentuale che porterà nel giro di “5-6 settimane” ad essere il ceppo prevalente, l’avvertimento del presidente dell’Istituto Silvio Brusaferro.

Anche per questo fattore, a sentire Ricciardi ogni possibilità di assembramento va assolutamente evitata: “Non sono compatibili con il contrasto alla pandemia da Covid-19 in Italia ed gli impianti da sci rientrano in tali attività. Non andrebbero riaperti. Non dimentichiamo – ha sottolineato Ricciardi – che la variante inglese è giunta in Europa proprio ‘passando’ dagli impianti di risalita in Svizzera”.

È lo stesso monito che arriva dal Comitato tecnico scientifico alla luce delle “mutate condizioni epidemiologiche”. Allo stato attuale, spiega il Cts, “non appaiono sussistenti le condizioni per ulteriori rilasci delle misure contenitive attuali, incluse quelle previste per il settore sciistico amatoriale”, la risposta del Comitato alla richiesta del ministro della Salute di “rivalutare la sussistenza dei presupposti per la riapertura” dello sci, “rimandando al decisore politico la valutazione relativa all’adozione di eventuali misure più rigorose”.

La nuova analisi del Comitato tecnico scientifico, che lo scorso 4 febbraio aveva dato il via libera allo sci in zona gialla seppur con una serie di limitazioni (vendita degli skipass contingentati e impianti al 50%), scaturisce dallo studio condotto dagli esperti dell’Istituto superiore di sanità, del ministero della Salute e della Fondazione Bruno Kessler proprio sulla diffusione delle varianti del virus in Italia. Un’analisi condotta in 16 regioni e province autonome dalla quale è emersa la presenza delle varianti nell’88% delle regioni esaminate, con percentuali comprese tra lo 0 il 59%. Alla luce di ciò lo studio raccomandava di “intervenire al fine di contenere e rallentare la diffusione, rafforzando e innalzando le misure in tutto il Paese e modulandole ulteriormente laddove più elevata è la circolazione, inibendo in ogni caso ulteriori rilasci delle attuali misure in atto”.

Rispondendo a Speranza, gli esperti sottolineano innanzitutto che la situazione epidemiologica “rimane un presupposto fondamentale” per poter procedere alle riaperture e che in ogni caso ogni azione “va valutata con cautela rispetto al possibile impatto” sui territori. Anche perché le misure previste per le zone gialle “dimostrano una capacità di mitigare una potenziale crescita dell’incidenza ma non determinano sensibili riduzioni” che, invece, si osservano nelle zone arancioni e rosse. C’è poi da tener conto di altri due fattori: la ripresa della scuola in presenza, il cui “impatto andrebbe monitorato prima di valutare ulteriori rilasci”, e, appunto, la presenza delle varianti del virus che, dice lo studio, stanno provocando una nuova crescita dell’epidemia, “con un impatto sostenuto sui sistemi sanitari”.

Fonte IlFattoQuotidiano.it

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

11 COMMENTI

  1. Questo faceva i film con Merola e ancora parla???? Va bene il lockdown, ma lo stipendio non lo deve avere NESSUNO. vediamo chi è d’accordo

  2. Due mesi chiusura totale e vaccino x tutti , questo dovevate fare ma nn siete buoni , negli altri paesi vaccini a tappeto hanno quasi finito

  3. Almeno una volta a settimana ci propinate questo articolo cambiando un po il titolo per adeguarlo alle circostanze…ma basta!!!!

  4. Se fosse per lui avrebbe chiuso a settembre. Il problema è che 2 mesi di chiusura totale non possiamo permetterceli e quindi preferiamo pagarci il conticino di 300 – 400 morti al giorno fino a quando gli ospedali non si riempiranno di nuovo. Se nel frattempo pretendiamo pure di farci le partite di calcetto e di usare le mascherine come scalda collo, il virus se ne farà un baffo pure dei vaccini.

  5. Lockdown totale di durata limitata….le ultime parole famose; poi tra un anno ci ritroviamo ancora prigionieri di questo incubo, con gli “esperti” che trovano, ovviamente, nuovi motivi per terrorizzarci e continuare chiuderci in casa.

  6. perché non di utilizzano una parte di quelli che percepiscono il reddito di cittadinanza per fare controlli a tappeto con sanzioni severissime invece d chiusure totali che alla riapertura, senza controlli come detto, si avrebbero gli stessi problemi, ma nessuno ne parla o aperture o chiusure non si conoscono
    altri sistemi?

  7. Ricciardi faceva i film con Mario Merola,e qual’è il problema? Ricciardi è una persona seria.Tu invece facevi e sei rimasto comunista e ancora parli? Sotto-proletario

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.